Passa ai contenuti principali

Mart 2018 | Programmi e prospettive

Si è svolta ieri mattina, 31 gennaio 2018, la conferenza stampa di presentazione dell’attività 2018 del Mart. 

Sono intervenuti, nell’ordine:  
La presidente del Mart, Ilaria Vescovi 
L’Assessore alla Cultura della Provincia autonoma di Trento 
I partner del 2018: 
Il direttore generale di Cavit, Enrico Zanoni 
Il direttore generale di Sparkasse, Nicola Calabrò 
Il direttore del Mart, Gianfranco Maraniello 
  
La presidente Ilaria Vescovi, che ha moderato l’incontro e presentato gli ospiti, si è soffermata sull’importanza dei rapporti strategici con le istituzioni del territorio, con i musei e gli istituti di cultura italiani e stranieri che confermano e consolidano il posizionamento del Museo. “Il Mart collabora inoltre con più di cinquanta aziende private, che in modo diverso supportano e sostengono i nostri molteplici progetti: le mostre, l’attività istituzionale, gli eventi. Le partnerships sono relazioni fondamentali: ci permettono di crescere, di contaminare mondi diversi e di aprirci ad altri punti di vista. Siamo gli uni per gli altri reciprocamente importanti e sinergici per lo sviluppo del territorio e la promozione culturale nel nostro Paese”. 
  
Rinnovando la propria soddisfazione, l’Assessore alla Cultura della Provincia autonoma di Trento ha commentato positivamente i programmi e le prospettive nel delineare l’orizzonte progettuale del Mart. 
  
La parola è passata ai CEO delle aziende che hanno condiviso la progettualità del Mart sottoscrivendo partnership per il 2018: Altemasi di Cavit e Sparkasse. 
Enrico Zanoni, Cavit: “Dal 2014 la nostra conferma a sostegno del Mart è il segno tangibile di una soddisfazione. I consumatori di oggi sono sempre più attenti alla reputazione e al brand delle aziende. A loro proponiamo un pacchetto culturale che è un’operazione di territorio, un progetto condiviso tra eccellenze che decidono di perseguire obiettivi comuni”. 
Nicola Calabrò, Sparkasse: “Come banca territoriale, è nostro obiettivo coniugare l’impegno per lo sviluppo economico della comunità, con quello per la crescita culturale. I punti di contatto tra Mart e Sparkasse sono molteplici. Rinsaldando continuamente il legame con il territorio, del quale siamo promotori attivi, entrambi abbiamo l’obiettivo comune di contribuire, attraverso la propria attività, a creare valore aggiunto. Uno stretto connubio tra cultura ed economia, a vantaggio della regione, in cui viviamo”.  
  
È poi seguito l’intervento del direttore Gianfranco Maraniello che ha illustrato 
i programmi del Mart raccontando quali sono le traiettorie del museo, le sue strategie, la vision e il suo radicamento nel territorio. 
Maraniello ha seguito una presentazione proiettata alle sue spalle. Sulle slide scorrevano, scannerizzati, i suoi appunti personali. Vere e proprie mappe concettuali, le note del direttore sono state condivise con il pubblico in sala. Cinque slide per altrettanti temi: Posizionamento, Ambiti di azione, Progetto Culturale, Mostre, Verso il 2019. 
La conferenza stampa si è così trasformata in un momento di partecipazione e incontro che conferma l’ anima relazionale del museo pubblico. 

  
Mart | Ufficio comunicazione e servizi per i giornalisti 
Susanna Sara Mandice 
s.mandice@mart.tn.it 
press@mart.tn.it
T +39 0464 454124 | +39 334 6333148

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …