Passa ai contenuti principali

SHAPING THE UNCONVENTIONAL

Contemporary Urban – l’innovativo laboratorio creativo di progettazione e consulenza che unisce architettura e comunicazione strategica, ideato da Mauro Panigo e Alberto Zavatta – presenta i momenti d’incontro con quattordici protagonisti del mondo delle professioni; donne e uomini che promuovono, ogni giorno, una visione unica sulla cultura e la società contemporanee.



CONTEMPORARY URBAN presenta la campagna on-line SHAPING THE UNCONVENTIONAL: testimonianze di esponenti della cultura e della società, capaci di ispirare e orientare i modi di fare, di comportarsi, di lavorare e di abitare gli spazi urbani e le città con approcci post moderni e non convenzionali.

Quattordici personalità del mondo dell’architettura, della finanza, dell’ingegneria, della musica, della cultura, del mondo accademico, della ricerca, della comunicazione, condivideranno con il vasto pubblico della rete il loro punto di vista su un tema provocatorio: che cos’è oggi il “non convenzionale”? E quanto la “non convenzionalità” può essere un fattore differenziante e generatore di nuovi territori di pensiero e di azione?

Gli ideatori di Contemporary Urban, Mauro Panigo- architetto e art director - e Alberto Zavatta - strategist e communication mentor - accolgono nella cornice di Clubhouse Brera i loro ospiti e, con un approccio informale e opportunamente “non convenzionale”, li incontrano davanti a una telecamera e a poche incisive domande che spaziano dalla dimensione pubblica a quella privata. Nasce così la campagna di SHAPING THE UNCONVENTIONAL, un titolo che è anche promessa e pay-off di Contemporary Urban.

Con la nostra campagna – dichiara Mauro Panigo – disegniamo una prospettiva sfidante, fondata sulle dinamiche dello sharing di conoscenza e competenza. Sono le voci e il pensiero di un network di eccellenze professionali e umane che promuovono con noi di Contemporary Urban una visione unica sulla cultura e la società contemporanee. ‘The unconventional’ diviene fattore generatore di nuove opportunità di ordine economico, producendo nella maggior parte dei casi un bene diffuso e collettivamente condiviso.

Queste le voci di SHAPING THE UNCONVENTIONAL: Silvia Colombini, Soprano d’Arti - Performing Arts Soprano; Paolo Cresci - Responsabile settore Sostenibilità e Impianti - ARUP ITALIA; Mario Cucinella, Architetto – Founder di MCA Architects; Diego Deponte, Partner & Technical Director - Systematica; Isabella D’Isola, Docente di Filosofia e Scrittrice - Paolo Facchini, Partner & President - Gruppo Lombardini22; Giammichele Melis, Project Director e responsabile Business Development - ARUP Milano; Mauro Panigo, Architect e Art Director - Creator & Co-Founder di Contemporary Urban; Leonardo Previ, Founder di Trivioquadrivio - Docente Università Cattolica Milano; Alessandra Perrazzelli, Vice President A2A - Former Country Manager Barclays Italia; Lionella Scazzosi, Docente del Politecnico di Milano - Advisor International Comittee ICOMOS; Stefano Susani, CEO del Gruppo NET Engineering International; Tommaso Vincenzetti, Brand Manager e International Director DOMUS – Editoriale Domus; Alberto Zavatta, Strategist e Communication Mentor - Creator & Co-Founder di Contemporary Urban.

L’idea che ispira l’iniziativa – dice Alberto Zavatta – è semplice ed essenziale. Desideriamo affrontare il tema del cambiamento, della resilienza professionale e umana, dell’osmosi sempre più frequente tra mondi che spesso si pensa non possano comunicare tra loro. Questi incontri testimoniano, invece, con grande intensità, che la trasformazione, l’innovazione, la creatività passano attraverso un approccio multi-culturale e multi-disciplinare consapevole e orientato”.

Gli incontri - realizzati come videointerviste in due format, “short” e “long”- saranno on-line a partire da venerdì 9 Febbraio 2018 sui canali Comtemporary Urban: Facebook (@contemporaryurbanmilano), Instagram (@contemporaryurbanmilano), YouTube (Contemporary Urban) e sul sito www.contemporaryurban.it alla sezione News & Press.

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …