Passa ai contenuti principali

Asta di Fotografia a Palazzo Crivelli

HELMUT NEWTON
For Beautiful Lotta 1997 
Stampa fotografica a colori 
Firma e dedica dell'autore al recto. 
cm 41 x 30,5  (cm 38 x 27,5)
Valutazione 4.000-6.000€
Il 17 dicembre a Palazzo Crivelli si terrà il secondo appuntamento con il dipartimento di Fotografia, con una selezione di rinomati autori italiani ed internazionali.

Partendo dalla fotografia di inizio Novecento, si segnalano gli scatti di Edward S. Curtis (lotti 400, 401), vera e propria fonte di documentazione della cultura degli indiani del Far West, e alcune opere di nudi esotici femminili immortalati da Lenhert & Landrock (lotti dal 409 al 412).

La visione ironica, talvolta kitsch, sugli stereotipi dell'Italia e la commistione tra vero e falso si ritrovano in Luigi Ghirri, rappresentato in catalogo dalla fotografia Modena, 1978 dalla serie Still life 1978 (lotto 527, stima 3.500-4.500€), una variante della quale è inclusa nella più importante retrospettiva internazionale dedicata al fotografo, nata dalla collaborazione tra il Museo Reina Sofia di Madrid, il Museum Folkwang di Essen e il Jeu de Paume di Parigi.

Per quanto riguarda gli artisti italiani del secondo Novecento, Ugo Mulas con lo scatto Alberto Burri 1960 ca. (lotto 455, stima 2.600-3.000€) ritrae il celebre artista informale, Mario Giacomelli con opere di grande formato molto rare nella sua produzione (lotti 478, 480, 481, 483), Antonio Biasiucci con Pane n. 27 2007, che al retro reca l'etichetta "Biennale di Venezia", e ancora Gabriele Basilico, Franco Fontana, Mimmo Jodice. 

Il figlio di quest'ultimo, Francesco Jodice, compare con una suggestiva fotografia, What We Want, San Paolo 2006 (lotto 512, stima 2.200-2.800€), che immortala i grattacieli della città brasiliana.

Magnifico lo scatto dell'iconico fotografo Helmut Newton, For Beautiful Lotta 1997 (lotto 518 – stima 4.000-6.000€), appartenente alla serie di opere dedicate alle modelle ritratte, seguito da un primo piano del 1993 dell'attore Tom Cruise (lotto 425, stima 1.500-2.000€) ad opera del fotografo di moda Patrick Demarchelier, Moda 1997 di Giovanni Gastel (lotto 433 – stima 800-1.200€) e Marilyn Monroe in black dress from the Last Sitting 1962 di Bert Stern (lotto 530, stima 700-1.400€).

FRANCESCO JODICE
What We Want, San Paolo 2006 
Stampa fotografica digitale a colori su carta Hahnemulhe. 
Certificato di autenticità rilasciato dall'autore, 6/8. 
Opera in cornice cm 100 x 113
Valutazione 2.200-2.800€


LUIGI GHIRRI

La fotografia moderna e contemporanea trova riferimento in Paola Pivi, molto apprezzata dal mercato internazionale, presente in catalogo con lo scatto Alicudi 2001 (lotto 516 – stima 4.500-5.000€), l'artista belga Carsten Holler, con Pistoia Cars and Carrouselle 2007  (lotto 525 – stima 3.200-3.800€) e Nan Goldin. 

Di Marina Abramović, una potente immagine di una performance teatrale, Delusional 1994 (lotto 448 – stima 2.800-3.200€). L'opera, firmata dall'artista, era stata indirizzata a un uomo profondamente colpito dal suo fascino carismatico, che scrive così: "Appena entrato nella sala della tua mostra mi ha colpito la tua bellezza, "statuaria" come dice Lola, tu sei un'opera tra le tue opere, e non solo nelle performances"(...). Il carteggio tra i due è ora conservato all’Archivio di Stato di Perugia.

Non mancano, infine, i paparazzi come Tazio Secchiaroli con Sophia Loren e Marcello Mastroianni 1970 ca.  (lotto 445 – stima 700-800€) ed Elio Sorci. 


Catalogo online: http://www.ponteonline.com/it/auctions/lot-list/439




Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…