Passa ai contenuti principali

Urs Lüthi espone alla Galleria Conceptual di Milano

Galleria Conceptual presenta la mostra personale di Urs Lüthi, uno dei protagonisti assoluti dell’indagine visiva contemporanea. Nato a Kriens (Lucerna) il 10 settembre 1947, vive tra Monaco di Baviera e Kassel, città dove insegna presso l’Accademia di Belle Arti e l’Università. Pittore, fotografo e performance artist, è noto soprattutto per le sue “sequenze”, esposte in molte delle mostre internazionali incentrate sulla relazione tra arte e fotografia degli ultimi anni. Le sue opere sono esposte in prestigiosi musei, tra cui la Kunsthalle di Amburgo, il Kunstmuseum di Berna e il Centre Pompidou.

Nel 1969 l’artista comincia a dedicarsi alla fotografia e nel 1970 ottiene un discreto successo alla Galerie Toni Gerber di Berna con una serie di autoritratti androgini, a partire dal quale svilupperà il tema centrale della sua ricerca, quello della figura umana. Una figura rappresentata spesso dall’artista stesso, vero protagonista dell’immagine, mascherato o travestito, con il volto truccato e in pose elegantemente effemminate, dove la differenza tra maschile e femminile è quasi dissolta e l’ambiguità della rappresentazione diviene l’aspetto più significativo ed evidente del suo lavoro.

Malgrado tali immagini sfiorino il narcisismo da un lato e la parodia dall’altro, il carattere egocentrico della sua poetica è solo apparente. Se ad un primo sguardo i suoi “autoritratti” possono essere letti come auto-rappresentazioni, o come messinscene illusorie ed immaginarie, ad un esame più attento risulta più chiaro che la riflessione dietro alla sua ricerca è ben più profonda e ragionata. Lüthi, da solo al centro della scena, affiancato ad oggetti o ad altre persone (più che altro la collega Elke Kilga) sullo sfondo di ambientazioni chiuse e degradanti, testimone di circostanze ambigue, diventa l’interprete di situazioni particolari, afferenti ora la vita quotidiana ora le relazioni personali, ora la sfera dell’intimità.

Il fatto che l’artista sia il soggetto principale è più una scelta di convenienza. Egli ricorre alla persona che è più vicina a sé e più facilmente a sua disposizione: «I ritratti di Lüthi sottolineano la realtà e la finzione del sé, essi annunciano “Je est un autre” (“Io è un altro”) confermando con la stessa evidenza la coscienza del sé così come del suo opposto» (Rainer Michael Mason). Tramite una presa di distanza tra il sé e l’immagine, Lüthi cessa di essere se stesso, e diviene il rappresentante di frangenti più generali che fanno parte della vita privata ed intima di ognuno di noi, e che portano lo spettatore a ragionare sul significato di certi “eventi”, di certi modelli, di un’immagine ambigua della quale non è fornita alcuna spiegazione logica. 

Un complesso lavoro dove è difficile separare l’arte dalla vita. Urs Lüthi dirige lo sguardo del pubblico verso l’auto-riflessione e l’auto-analisi, usando i suoi “autoritratti” come strumenti di indagine interiore, alla ricerca di nuove possibili identità, e come strumenti per investigare le implicazioni fisiche ed emotive del corpo e della figura all’interno di tali contesti. 

La mostra curata da Graziano Menolascina raccoglie diverse serie fotografiche, partendo da Sketches del 1970, la serie unica dei ritratti del 1972, sino a Un'isola nell'aria del 1975 e Don't ask me if you know that I am too weak to say no del 1977.

Il catalogo realizzato in occasione della mostra è disponibile in galleria. 




Urs Lüthi

Galleria Conceptual
15 novembre 2018 - 13 gennaio 2019
Vernissage: Giovedì 15 novembre ore 18.00

Via Mameli 46, 20129 Milano
+39 02 70103941 
info@conceptual.it
www.conceptual.it

Post popolari in questo blog

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

Olio d’Artista a Palazzo Tupputi

La città di Bisceglie, nella persona del Sindaco Avv. Vittorio Fata, ha il piacere di ospitare da giovedì 21 dicembre 2017 la prestigiosa mostra d’Arte Contemporanea “Olio d’Artista”.
La mostra, nata da un’idea dell’artista Francesco Sannicandro, e si pone come una singolare riflessione del mondo dell’arte verso uno dei prodotti tipici della nostra terra, la produzione dell’olio, e della laboriosità e grande capacità di esaltare, valorizzare e tornare a mettere in primo piano una delle produzioni agricole più importanti per la città di Bisceglie e di tutta la regione Puglia.
L’esposizione è concepita per essere sviluppata come un work-in-progress itinerante, sempre in corso d’opera, modulando gli allestimenti delle singole opere sempre in luoghi storici suggestivi, con sempre nuovi artisti, riuniti in questo ambizioso progetto, senza categorie estetiche o definizioni generazionali.
Il progetto espositivo “Olio d’Artista” prevede una rilettura e riuso del tradizionale contenitore dell’oli…