Passa ai contenuti principali

Olga Tekheva - In volo alla galleria Pavart

La galleria Pavart, inaugura la mostra personale IN VOLO di Olga Tekheva, artista russa che presenta una serie di lavori di arte tessile contemporanea.


Tutte le opere d'arte sono state prodotte appositamente per questa mostra d'arte e non sono mai state esposte prima. Il tema principale della mostra è il volo della libellula, simbolo di leggerezza, libertà e cambiamento. Un connubio perfetto di linee orizzontali e verticali, quasi minimali nella loro austerità "mondrianesca", ma che ricordano i ritmi verticali e orizzontali dell'intreccio.

Tre sono le serie prodotte per l’esposizione:

- Materiale / Immateriale, pannelli a parete di grande formato (120/150 x 250/300 cm), ricamati a mano su un collage tessile di tessuti trasparenti leggeri come chiffon e organza.

- Libellule che studia le forme della libellula in tutte le possibili tecniche di manipolazione tessile: tessitura, uncinetto, ricamo.

- Acchiappasogni, una rete come elemento principale, che raccoglie dettagli in ceramica e oggetti organici (foglie, corteccia d'albero, rami).

Inoltre, ci sarà un'installazione tessile, Fiori meravigliosi non si adattano all’arte contemporanea, composta da fiori tessili 3D di varie misure.

Il manufatto come oggetto d'arte è il principale punto di interesse dell'artista. Un oggetto dalle trame ricche e dalla combinazione imprevedibile di materiali, che cambia la percezione dello spazio e della realtà aprendo le porte a un mondo di "favole per adulti". Ci fa ricordare i nostri sentimenti e i nostri sogni infantili che ci facevano diventare molto di più di quanto credevamo ma ci davano la forza di volare incontro alla vita.


Tutti gli elementi artistici sono lavorati a mano, con molti ricami a mano. Olga Teksheva non usa mai macchinari, mantiene pienamente la presenza della sua mano e del suo cuore. Le opere tessili di Teksheva diventano materiali magici. Riferendosi ai tessuti, tutti noi abbiamo le nostre esperienze di vita personali, ci coprono, ci danno conforto, ci rendono attraenti, ci proteggono dal freddo e dal caldo. Così la sua arte tessile può colmare il divario tra l'osservatore verso un'opera d'arte contemporanea perché la rende meno concettuale e più emotiva, come qualcosa che conosciamo bene.

Inizialmente la mostra era programmata per il mese di maggio 2020, ma è stata cancellata a causa della quarantena globale. L'esperienza di chiusura, paura e incertezza vissuta dall'artista e dal mondo intero ha convinto l’artista ancor di più che tutti abbiamo bisogno dei nostri momenti di volo. Per questo motivo questa mostra sarà molto più contemporanea di quanto sarebbe dovuta essere, e diventa un'esperienza unica per l'artista e per i visitatori che si avvicinano all'arte nella nuova era post-lockdown da coronavirus.

Teksheva nasce a Mosca nel 1973 a Mosca, si laurea in Storia dell'Arte nel 1996 presso l’Università statale di Mosca Lomonosov e in Disegno e Pittura nel 2006 presso lo Studio Liudmila Ermolaeva. Dal 1993 collabora per il settore moda con diverse redazioni editoriali e riviste. Nel 2000 inizia a scrivere per "L'Officiel" (Russia), nel 2007 collabora anche con "Collezioni" (Russia) e "Black Square" (rivista di arte contemporanea). Nel 2008 si trasferisce a Roma per frequentare un corso di Moda e Costume Design presso l'Accademia di costume e di moda, riceve il suo Bachelor of Arts nel 2011. Dopo alcune collaborazioni nel campo della moda si rende conto che le necessità di vestibilità sono limitanti rispetto alla ricerca che vorrebbe sviluppare. Abbandona la moda e si dedica all'arte contemporanea, con la prima mostra personale a Roma nel 2017. La mostra la porta all'attenzione di Velia Littera, curatrice d'arte, fondatrice della galleria Pavart di Roma. Così la loro collaborazione inizia con una mostra d'arte collettiva Flusso di Linfa nel 2017, la mostra bipersonale Echoes of land and sea per RAW 2018, la collettiva Homing nel 2019 e culmina nel 2020 con questa mostra d'arte personale In Volo.


Olga è anche membro della Society for Embroidery Work e ha partecipato alla prima mostra Contemporary Stitched Art nel 2019. Nel 2019 viene selezionata per partecipare alla fiera internazionale Art Rooms a Roma con Menzione Speciale, e crea due installazioni in fibra site specific, una delle quali come progetto speciale per Ford Italia. I suoi lavori sono principalmente installazioni di tessuti e fibre, sculture in tessuto a parete e istallazioni che mescolano varie tecniche di arte tessile contemporanea: fiber-art, collage, ricamo a mano, uncinetto, tessitura. La natura è la sua fonte di ispirazione preferita, infatti, molti lavori iniziano con una ricerca grafica di forme naturali e trame disegnate a mano sul suo taccuino segreto. Quindi un piccolo dettaglio organico può diventare un enorme pannello tessile.

La bellezza, la diversità e gli aspetti monumentali della natura, così importanti in questo periodo, in cui tutti noi dovremo necessariamente cambiare atteggiamento nei confronti del nostro meraviglioso pianeta in cui viviamo, è per Olga Teksheva una fonte infinita di creazione artistica.

Attraverso l'arte Olga Teksheva racconta il suo mondo interiore, ci fa volare come libellule.



IN VOLO - Olga Teksheva

A cura di Velia Littera

Galleria Pavart

Via Giuseppe Dezza 6b, ROMA

dal 24 settembre al 9 ottobre 2020

Vernissage virtuale 24 | 9 | 2020

Instagram live @pavartroma Ore 18 :00 


Orari di aperture: dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle 18 Solo su appuntamento muniti di mascherina


Contatti per informazioni: T. +39 0658303356 E. info@pavart.it

www.pavart.it

@pavartroma

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonio Ligabue. L'uomo, l'artista all'Orangerie della Villa Reale di Monza

Novanta opere, tra dipinti, sculture, incisioni e disegni, ripercorrono la vicenda umana e creativa di uno degli autori più geniali e originali del Novecento italiano: Antonio Ligabue . L'Orangerie della Villa Reale di Monza ospita, fino al 1° maggio 2022, un'antologica dal titolo " Antonio Ligabue. L'uomo, l'artista ", curata da Sandro Parmiggiani , prodotta e organizzata da ViDi in collaborazione con il Comune di Monza e il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza. Come immagine guida della mostra è stato scelto "Autoritratto con cavalletto" (1954-1955), un grande dipinto ad olio su tavola di faesite, appartenente alla collezione d'arte di BPER Banca. Il prestito dell'opera, unitamente ad ulteriori tre dipinti acquisiti a seguito dell'incorporazione del ramo d'azienda di UBI Banca ("Aratura con buoi", 1963-54; "Ritorno dai campi con castello", 1955-57; "Leonessa con zebra", 1959-60), rientra nelle attivit

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

LUIGI MARCON E LE SUE INCISIONI : A Molfetta presso il Fashion District

Luigi Marcon è nato ai Piai di Tarzo (TV) 1938. Apprende l’arte d’incidere a Venezia, prima all’Istituto Statale d’Arte,e in seguito presso il Centro Internazionale della Grafica. Dal 1960 partecipa a molte rassegne di grafica nazionali ed internazionali conseguendo vari riconoscimenti; allestisce numerose personali in Italia e all’estero. Da molti anni si dedica pure all’insegnamento della calcografia mediante corsi teorico-pratici in varie città del Veneto. Opera ed espone in permanenza a Vittorio Veneto, Saletta della Grafica e laboratorio d'incisione in Via Manin, 39. Sono spesso ospiti della galleria noti artisti incisori atti a proporre tecniche ed espressioni diverse.Nella sua principale attività di incisore, oltre che pittore, ha realizzato con le tecniche calcografiche oltre 3000 matrici. Ne esegue personalmente la stampa con torchio a stella, normalmente in venti esemplari e ne biffa la matrice a tiratura ultimata. Fino all'8 maggio 2009 l'artista Luigi Marcon