Passa ai contenuti principali

L’Arte Maivista di Frigidaire e A look is the fire itself di Anna Deflorian, al CAOS

Da oggi a domenica il CAOS Centro arti opificio siri di Terni ospiterà per il terzo anno consecutivo l'edizione ternana di Umbrialibri, la manifestazione letteraria organizzata dalla Regione Umbria, occasione di confronto tra personalità di primissimo piano del mondo della cultura. Umbrialibri Terni sarà caratterizzato da una grande varietà di incontri, dibattiti, seminari grazie alla presenza di ospiti illustri del mondo della cultura e dell’editoria e vedrà l'inaugurazione di due mostre dedicate al mondo dell'illustrazione che rimarranno al CAOS fino al 15 dicembre 2013.

La prima, dal titolo L’Arte Maivista di Frigidaire (1980-2013), mostra vivente della Repubblica di Frigolandia curata da Frigolandia e Indisciplinarte, è una esposizione dell’Arte Maivista, ovvero dell'esperienza artistica di Frigidaire e delle altre riviste ideate e dirette da Vincenzo Sparagna (Frìzzer, Il Nuovo Male, etc). Esperienza che prosegue tuttora grazie alla Repubblica di Frigolandia, centro di arte e cultura fondato da Frigidaire nel 2006 a Giano dell’Umbria.
 
Fin dal suo inizio nel 1980 Frigidaire si impone come un progetto controcorrente, che usa il fumetto, come la cronaca, la fotografia e la letteratura, per raccontare il mondo fuori degli schemi di quella che Sparagna ha definito “la commedia dell’informazione”. Nel 1985, per dare un nome a questa esperienza, Sparagna e Andrea Pazienza inventano l’immaginario movimento dell’Arte Maivista, termine beffardo che sta a indicare un’arte “altra”, libera e ribelle, alta e bassa, locale e cosmopolita, colta e pop nello stesso tempo. La mostra presenta una vasta scelta di tavole originali e di riproduzioni storiche accompagnate da didascalie che permettono di collocare le opere nel loro contesto storico, editoriale e culturale.
 
In esposizione opere e immagini di Vincenzo Sparagna, Andrea Pazienza, Stefano Tamburini, Ugo Delucchi, Franz Ecke, Filippo Scozzari, Pablo Echaurren, Mario Schifano, Cristoforo Sparagna, Massimo Mattioli, Giuliano, Giuseppe Palumbo, Fabrizio Fabbri, Andrea Renzini, Sandro Staffa, Josè Munoz, Gianluca Lerici (prof. Bad Trip), Francesca Ghermandi, Tanino Liberatore, Diamantis Aidinis, Giorgio Carpinteri, Marcello Jori, Giuseppe Teobaldelli, Giorgio Franzaroli, Oreste Zevola, Nicola Corona, Aldo Di Domenico, Silvio Cadelo, Alberto Ruggieri, Gianni Cossu, Maila Navarra. Vi sarà una sezione editoriale, dove si avrà la possibilità di sfogliare o acquistare tutte le pubblicazioni frigideriane, anche quelle più più rare, e una sezione dedicata alla documentazione fotografica e alla proiezione di video su Frigidaire, l’Arte Maivista e Frigolandia.
 


La seconda esposizione, che si tiene presso la Project Room del CAOS, è A look is the fire itself di Anna Deflorian, illustratrice trentina il cui percorso artistico è stato sin da subito caratterizzato da una spiccata vocazione internazionale (dalla collaborazione con “Kuti Kuti” – rivista sperimentale di grande formato con base ad Helsinki tra le più innovative nell'ambito del fumetto contemporaneo –, alla pubblicazione su riviste e antologie di ricerca in ambito visivo come “Kus!” in Lettonia, “Kuti” in Finlandia, “Spleen magazine” in Francia, “Ich/I/Je/Io” in Germania, alle esposizioni presso festival, gallerie, musei a Lucerna, Amburgo, Angoulême, San Francisco).
 
Con A look is the fire itself, curato da Canicola e Chiara Ronchini, Anna Deflorian presenta al pubblico di Umbrialibri Terni sia una serie di tavole inedite sia alcune sue tavole tratte da Roghi, opera in cui il fumetto si esprime nel pieno della sua maturità e che vede l'esordio della Deflorian nella collana di grande formato di Canicola dove si sono misurati artisti di fama internazionale come Andrea Bruno, Anke Feuchtenberger e Gabriella Giandelli. “Roghi”, che sintetizza bene le tendenze internazionali del fumetto contemporaneo e unisce uno sguardo fresco e disincantato sulla narrazione a una tecnica che mescola pittura a olio e colorazione digitale, è un'opera avvincente, che procede per indizi e visioni, disseminando riferimenti di un immaginario estetico anni Ottanta tra sapore kitsch, nostalgia e divertito recupero.
 
É un universo a colori ma pieno di traumi, un mondo in cui le persecuzioni - vere o presunte - ritornano in auge come la più naturale conseguenza di una società alla deriva, mentre nelle orecchie c’è musica disco, e sonorità metal. La forza magnetica della natura avvolge personaggi, fabbriche, locali notturni, montagne innevate, regalando al lettore un’esperienza visiva intensa che deriva da una tecnica di lavorazione originale (china, pittura ad olio, digitale). La ricerca di Anna Deflorian attraverso il disegno è a più direzioni: fumetto, illustrazione, albo illustrato, pittura, grafica. Ciò che più colpisce è la sua capacità di mescolare in ogni dimensione linguistica l’incontro e la frequentazione di più linguaggi. “Roghi” è un progetto editoriale promosso da GAER, Regione Emilia Romagna, GECO e Dipartimento della gioventù.

CAOS centro arti opificio siri
Via Campofregoso 98, Terni
Ulteriori informazioni e aggiornamenti su
www.umbrialibri.com

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…