Passa ai contenuti principali

La Stroma Superiore e Simone Pellegrini

Questa sera nelle suggestive sale ottocentesche di ViaDante14 - prestigiosa location milanese - la Galleria Giacomo Guidi Arte Contemporanea di Milano ha  presentato la personale di Simone PellegriniStroma Superiore” a cura di Alberto Zanchetta.
 
Lo stroma superiore, termine istologico dal quale Pellegrini attinge le suggestioni di questa sua mostra, racchiude in sé tutta la poetica dell’artista. Lo stroma – che costituisce la struttura di sostegno e supporto a un organo, un tessuto o una cellula – è qui inteso come ambiente dinamico e informe, come un talamo potenziato che sorregge matrici iconiche, un campo di forze in cui si contrappongono tensioni che determinano connessioni in grado di scuotere e stravolgere l'esistente.
 
Le opere di Simone Pellegrini rammemorano miti ancestrali e cosmogonici, sono un primigenio vagito della figurazione dove dialogano forme riconoscibili e altre che sembrano ancora in una primordiale fase di sedimentazione. L’impressione generale è quella di un universo in lotta per affermare la propria esistenza, che si dibatte per non rischiare di smarrirsi completamente nella composizione. La rappresentazione è infatti simbolica più che ottica, la prospettiva costruita su piatte profondità, l’impianto compatto e saturo; le figure brulicano all’interno della scena seguendo un andamento convulso, in continua metamorfosi, sciamando e moltiplicandosi fino a diventare completamente astratte.
 
Caratteristiche dell’artista sono le grandi carte da spolvero, laddove l’occhio si fa errabondo, inabile a cogliere la pienezza e la compiutezza dell’opera, giacché la vastità è proporzionale alla sua varietà. Queste carte lacere sembrano far parte di un’unica grande composizione che ci perviene smembrata e centellinata nel suo divenire, frammentazione in cui assistiamo allo sviluppo di alfabeti simbolici che reinterpretano un sapere accumulato nel tempo.
 
Nelle cartografie di Pellegrini l’immagine viene trasferita-stratificata sulla superficie, impreziosita dai toni del nero, del rosso e dell’ocra che sembrano ricollegarsi ai nervi, ai vasi sanguigni e linfatici che nello stroma (cioè l’opera) si sforzano di tenere assieme degli organi (ossia le immagini) sottoposti alle permutazione delle loro forme e dei rispettivi attribuiti.  A ben guardare, la trama della composizione potrebbe essere formata da un tessuto connettivo che si dispone in modo difforme a seconda dell’organizzazione strutturale delle sue parti. Ancora una volta, e sempre più, l’opera di Simone Pellegrini ci appare pervasa da fremiti e istinti che intendono ridefinire l’uomo e il mondo.

Stroma Superiore - Simone Pellegrini
Galleria Giacomo Guidi Arte Contemporanea
ViaDante14
Via Dante 14, Milano

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

Il realismo magico di Mario Giacomelli e Le realtà del Sogno.

Il 2020 ha segnato il ventennale della scomparsa di Mario Giacomelli e il Comune di Senigallia, Città della Fotografia , continua a rendere omaggio anche nel 2021 a uno dei maestri internazionali della fotografia del Novecento, dedicando un’ala del Palazzo del Duca ad un’esposizione permanente delle sue opere donate negli anni ‘90 dall’artista stesso al Comune. In una porzione riqualificata di Palazzo del Duca, che ospita da anni la programmazione espositiva della città di Senigallia, saranno fruibili circa 80 fotografie selezionate e allestite in collaborazione con gli archivi Giacomelli rappresentati dai due direttori Simone Giacomelli e Katiuscia Biondi . Non una mostra temporanea quindi, ma un riallestimento della collezione permanente che vuole raccontare l’universo poetico ed artistico del grande fotografo senigalliese e renderlo fruibile in maniera permanente a cittadinanza e visitatori. Inoltre si vuole fornire una lettura innovativa dell’opera del maestro che viene proposta

La nuova scultura di Carlo Bacci a Tellaro

A Tellaro , uno dei borghi più belli d’Italia che si trova in Liguria nel Golfo dei Poeti, è stata ripristinata la discesa a mare da via Pelosini verso il “GRO”. Il GRO è il nome del grande scoglio che si trova proprio davanti a Tellaro, una discesa a mare molto suggestiva. Nella riqualificazione di questa discesa a mare è stata inserita la nuova scultura dell’artista locale Carlo Bacci che verrà inaugurata ufficialmente sabato 24 Aprile 2021. L’opera ne celebra il nome e riprende la spirale del tentacolo del polpo, simbolo grafico di Tellaro. GRO di Carlo Bacci Queste le parole dell’artista Carlo Bacci: " Felice ed onorato di essere stato chiamato in causa per il nostro GRO.  Il GRO è uno scoglio che è stato palestra di vita e di nuoto per chi come me è nato e cresciuto a Tellaro.  Non ho avuto nessun dubbio su come realizzare questo intervento, solo nome e cognome di questo luogo, che ci portiamo dentro: GRO un suono che ne racchiude la sua l'immagine compatta.  Il suo colo