Passa ai contenuti principali

La Cosmogonia di Enzo Cucchi alla Galleria Poggiali e Forconi di Firenze

L'artista Enzo Cucchi inaugura sabato 23 novembre 2013 alla Galleria Poggiali e Forconi di Firenze COSMOGONIA, un nuovo progetto appositamente pensato e realizzato per la galleria: un excursus sulla dottrina della visione della realtà reso attraverso l’uso di diversi media e materiali.
 
Per la prima volta, Cucchi (Morro d’Alba, Ancona, 1949) presenta Cosmogonie, tre grandi arazzi circolari (diametro 190 cm), eseguiti su tela di lino Canvas Artist Hahnemüehle (una speciale tela ricoperta con un getto d'inchiostro opaco che garantisce una definizione eccellente dei colori e delle immagini) nei quali compaiono tasche di cotone, inserti di tessuto e cuciture. Un lavoro che rappresenta l’approfondimento della fascinazione misteriosa del mito della creazione e dell’evoluzione dell’universo.

Trittico, il secondo lavoro presente in galleria, continua l’indagine dell’artista sulla visione della realtà, traendo ispirazione dalla frase che riassume la filosofia di Leibniz “altrove è tutto come qui”. Protagonista di quest'opera grafica composta da tre litografie disegnate su pietra, è, infatti, il mistero immobile della realtà esteriore personificato dai tre gatti presenti alle sue estremità dell'opera. Gli animali sono rappresentati da tre semi-sfere realizzate utilizzando come media la carta japon, una particolarissima carta realizzata manualmente secondo l'antica tradizione cartaria giapponese e applicata a delle sezioni sferiche di cellulosa preparata a mano.

Come un fil rouge che unisce tutte le opere in mostra, l'analisi sul mistero dell’esistenza della realtà si ritrova anche in Prisca: tre litografie cubiche, composte da sei facce per ogni cubo, dove ogni faccia è fatta da un disegno originale di Cucchi. Un totale di diciotto disegni originali, dove la roccia, la casa, gli alberi e i lupi esplorano un comune terreno dove vivere e muoversi.

Gli sguardi delle teste presenti sui cubi soffiano come un vento sulle immagini, dandogli concretezza (la realtà esiste perché noi la osserviamo), come diceva Sandro Penna: "sapresti descrivermi un sogno che non è mai stato fatto?".

Dall’universo mitologico e lucidamente onirico, spirito di un altrove, cui attinge da sempre Enzo Cucchi, denso di richiami alla sua terra d’origine e da essa a una visione in cui compaiono segni e rimandi primigeni, emergono le due sculture in bronzo e i due olii su tela e ceramica dalla serie Quadri Politici Svizzeri, che in mostra giacciono solitari come presenze assolute invitando alla disciplina della visione.

A proposito di cosmogonie Enzo Cucchi attinge a uno scritto di Giorgio Lakhovsky fisico esoterico dei primi del '900, un testo denso di mistero tratto da una registrazione effettuata l'11 novembre 1935 a Rapid city (Stati Uniti) dai capitani Albert W. Stevens e Orville A. Anderson, mentre compiono la loro ascensione nella stratosfera.

Salendo a 22.600 metri d'altitudine queste le osservazioni: "Sotto di noi le nubi e l'atmosfera sono d'un bianco splendente; sopra, la stratosfera così turchina da sembrar nera come la gagate. La luce sul lato della navicella esposta ai raggi del Sole è molto più nera che dalla parte dell'ombra". Ciò prova, evidentemente che: la luce non viene dal Sole, che è nero, ma dall'atmosfera che è illuminata dai raggi elettromagnetici invisibili del Sole.
 
Catalogo edito dalla Galleria Poggiali e Forconi.
 
Enzo Cucchi - Cosmogonia
GALLERIA POGGIALI E FORCONI
Firenze - dal 23 novembre 2013 all'otto febbraio 2014
Via Della Scala 35a (50123)
+39 055287748 , +39 0552729406 (fax)
info@poggialieforconi.it
www.poggialieforconi.it

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…