Passa ai contenuti principali

Shaggy Draft di Miodrag Mihailovic

La galleria Bagmilano, con la sua sede espositiva all’hotel Boscolo Milano - il più elegante 5 stelle del quadrilatero - inaugura una nuova mostra d’arte: "Shaggy Draft" dell'artista Miodrag Mihailovic. L'esposizione, che è a cura di  Antonio Syxty, potrà essere visitata fino al primo dicembre p.v.
 
"Le tele di Mihailovic - scrive Antonio Syxty - sono una esplosione di colore, forza, energia creativa, passione, vissuto. La potenza dell’opera impressa sulla tela arriva immediatamente allo spettatore, che ne resta catturato. Mihailovic è dunque uno straordinario comunicatore di emozioni , le quali vengono percepite subito e senza sforzo. Interessante caratteristica, questa, che contribuisce a far grande l’artista grazie ad un procedimento semplice che funziona come un ponte tra l’anima di chi crea e quella di chi recepisce l’opera mentre la guarda.

Mihailovic non è dunque solo un buon esecutore che ha perfezionato la tecnica pittorica ma un artista con grande sapienza interpretativa.
 Le opere sono come uno specchio dove si riflettono i momenti storici che hanno segnato la vita di Mihailovic ed evocano Storie e Genti che hanno incrociato la strada dell’artista e che all’interno delle stesse si dipanano in passaggi culturali, storici, geografici e biografici.
Belgrado, Serbia, Slovenia, Libia, Italia, Europa, New York e alla fine la Svizzera, l’approdo definitivo, dove il vissuto si trasferisce su tela e il medico si tramuta in artista dando la forma alla sua storia in una metamorfosi catartica.

I principali filoni trattati sono riconducibili alle epopee storiche, alla mitologia, alla poesia, alla cultura artistica europea e all’introspezione psicologica.
Colori tonali indagano l’intimo e il dolore componendosi con gessi sabbie e ceneri, pennellate vigorose di cromie accese, dense e grumose formano i profili come sculture sulla tela; in mezzo a queste vibrazioni creative si trovano richiami floreali squisitamente italiani, richiami alla tradizione ellenistica ed orientale, figure dipinte come icone bizantine, materiali tipici dell’Informale.
La pittura di Mihailovic è colta ed espressiva con riferimenti filosofici profondi ma allo stesso tempo talmente vera ed emozionante che è in grado di essere percepita da tutti."

Miodrag Mihailovic è nato a Belgrado nel 1935. Dopo la laurea e il dottorato in medicina si trasferisce a Lubiana nel ’63, nel ’69 in Libia e dal ’73 in Svizzera. Professore affermato a livello mondiale non abbandona mai l’arte, sua prima vocazione sacrificata alla medicina a causa della difficile situazione del suo paese, finchè dal 2003 cominciano a comparire sulla tela tutte le opere che ha portato nel cuore e costruito nella mente nel corso della sua vita. Le opere di Mihailovic fanno parte delle più importanti collezioni private europee ed internazionali.
 
Bibliografia: Miodrag Mihailovic, Genti e Storie , ed. Arte e Comunicazione
 
Miodrag Mihailovic - Shaggy Draft
BAG GALLERY MILANO - BOSCOLO EXEDRA
Milano - dal 18 novembre al primo dicembre 2013
Corso Giacomo Matteotti 4 (20121)
C/o Boscolo Exedra
+39 3667377027
bag@bagmilano.com www.bagmilano.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonio Ligabue. L'uomo, l'artista all'Orangerie della Villa Reale di Monza

Novanta opere, tra dipinti, sculture, incisioni e disegni, ripercorrono la vicenda umana e creativa di uno degli autori più geniali e originali del Novecento italiano: Antonio Ligabue . L'Orangerie della Villa Reale di Monza ospita, fino al 1° maggio 2022, un'antologica dal titolo " Antonio Ligabue. L'uomo, l'artista ", curata da Sandro Parmiggiani , prodotta e organizzata da ViDi in collaborazione con il Comune di Monza e il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza. Come immagine guida della mostra è stato scelto "Autoritratto con cavalletto" (1954-1955), un grande dipinto ad olio su tavola di faesite, appartenente alla collezione d'arte di BPER Banca. Il prestito dell'opera, unitamente ad ulteriori tre dipinti acquisiti a seguito dell'incorporazione del ramo d'azienda di UBI Banca ("Aratura con buoi", 1963-54; "Ritorno dai campi con castello", 1955-57; "Leonessa con zebra", 1959-60), rientra nelle attivit

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

LUIGI MARCON E LE SUE INCISIONI : A Molfetta presso il Fashion District

Luigi Marcon è nato ai Piai di Tarzo (TV) 1938. Apprende l’arte d’incidere a Venezia, prima all’Istituto Statale d’Arte,e in seguito presso il Centro Internazionale della Grafica. Dal 1960 partecipa a molte rassegne di grafica nazionali ed internazionali conseguendo vari riconoscimenti; allestisce numerose personali in Italia e all’estero. Da molti anni si dedica pure all’insegnamento della calcografia mediante corsi teorico-pratici in varie città del Veneto. Opera ed espone in permanenza a Vittorio Veneto, Saletta della Grafica e laboratorio d'incisione in Via Manin, 39. Sono spesso ospiti della galleria noti artisti incisori atti a proporre tecniche ed espressioni diverse.Nella sua principale attività di incisore, oltre che pittore, ha realizzato con le tecniche calcografiche oltre 3000 matrici. Ne esegue personalmente la stampa con torchio a stella, normalmente in venti esemplari e ne biffa la matrice a tiratura ultimata. Fino all'8 maggio 2009 l'artista Luigi Marcon