Passa ai contenuti principali

Shaggy Draft di Miodrag Mihailovic

La galleria Bagmilano, con la sua sede espositiva all’hotel Boscolo Milano - il più elegante 5 stelle del quadrilatero - inaugura una nuova mostra d’arte: "Shaggy Draft" dell'artista Miodrag Mihailovic. L'esposizione, che è a cura di  Antonio Syxty, potrà essere visitata fino al primo dicembre p.v.
 
"Le tele di Mihailovic - scrive Antonio Syxty - sono una esplosione di colore, forza, energia creativa, passione, vissuto. La potenza dell’opera impressa sulla tela arriva immediatamente allo spettatore, che ne resta catturato. Mihailovic è dunque uno straordinario comunicatore di emozioni , le quali vengono percepite subito e senza sforzo. Interessante caratteristica, questa, che contribuisce a far grande l’artista grazie ad un procedimento semplice che funziona come un ponte tra l’anima di chi crea e quella di chi recepisce l’opera mentre la guarda.

Mihailovic non è dunque solo un buon esecutore che ha perfezionato la tecnica pittorica ma un artista con grande sapienza interpretativa.
 Le opere sono come uno specchio dove si riflettono i momenti storici che hanno segnato la vita di Mihailovic ed evocano Storie e Genti che hanno incrociato la strada dell’artista e che all’interno delle stesse si dipanano in passaggi culturali, storici, geografici e biografici.
Belgrado, Serbia, Slovenia, Libia, Italia, Europa, New York e alla fine la Svizzera, l’approdo definitivo, dove il vissuto si trasferisce su tela e il medico si tramuta in artista dando la forma alla sua storia in una metamorfosi catartica.

I principali filoni trattati sono riconducibili alle epopee storiche, alla mitologia, alla poesia, alla cultura artistica europea e all’introspezione psicologica.
Colori tonali indagano l’intimo e il dolore componendosi con gessi sabbie e ceneri, pennellate vigorose di cromie accese, dense e grumose formano i profili come sculture sulla tela; in mezzo a queste vibrazioni creative si trovano richiami floreali squisitamente italiani, richiami alla tradizione ellenistica ed orientale, figure dipinte come icone bizantine, materiali tipici dell’Informale.
La pittura di Mihailovic è colta ed espressiva con riferimenti filosofici profondi ma allo stesso tempo talmente vera ed emozionante che è in grado di essere percepita da tutti."

Miodrag Mihailovic è nato a Belgrado nel 1935. Dopo la laurea e il dottorato in medicina si trasferisce a Lubiana nel ’63, nel ’69 in Libia e dal ’73 in Svizzera. Professore affermato a livello mondiale non abbandona mai l’arte, sua prima vocazione sacrificata alla medicina a causa della difficile situazione del suo paese, finchè dal 2003 cominciano a comparire sulla tela tutte le opere che ha portato nel cuore e costruito nella mente nel corso della sua vita. Le opere di Mihailovic fanno parte delle più importanti collezioni private europee ed internazionali.
 
Bibliografia: Miodrag Mihailovic, Genti e Storie , ed. Arte e Comunicazione
 
Miodrag Mihailovic - Shaggy Draft
BAG GALLERY MILANO - BOSCOLO EXEDRA
Milano - dal 18 novembre al primo dicembre 2013
Corso Giacomo Matteotti 4 (20121)
C/o Boscolo Exedra
+39 3667377027
bag@bagmilano.com www.bagmilano.com

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

Il realismo magico di Mario Giacomelli e Le realtà del Sogno.

Il 2020 ha segnato il ventennale della scomparsa di Mario Giacomelli e il Comune di Senigallia, Città della Fotografia , continua a rendere omaggio anche nel 2021 a uno dei maestri internazionali della fotografia del Novecento, dedicando un’ala del Palazzo del Duca ad un’esposizione permanente delle sue opere donate negli anni ‘90 dall’artista stesso al Comune. In una porzione riqualificata di Palazzo del Duca, che ospita da anni la programmazione espositiva della città di Senigallia, saranno fruibili circa 80 fotografie selezionate e allestite in collaborazione con gli archivi Giacomelli rappresentati dai due direttori Simone Giacomelli e Katiuscia Biondi . Non una mostra temporanea quindi, ma un riallestimento della collezione permanente che vuole raccontare l’universo poetico ed artistico del grande fotografo senigalliese e renderlo fruibile in maniera permanente a cittadinanza e visitatori. Inoltre si vuole fornire una lettura innovativa dell’opera del maestro che viene proposta

La nuova scultura di Carlo Bacci a Tellaro

A Tellaro , uno dei borghi più belli d’Italia che si trova in Liguria nel Golfo dei Poeti, è stata ripristinata la discesa a mare da via Pelosini verso il “GRO”. Il GRO è il nome del grande scoglio che si trova proprio davanti a Tellaro, una discesa a mare molto suggestiva. Nella riqualificazione di questa discesa a mare è stata inserita la nuova scultura dell’artista locale Carlo Bacci che verrà inaugurata ufficialmente sabato 24 Aprile 2021. L’opera ne celebra il nome e riprende la spirale del tentacolo del polpo, simbolo grafico di Tellaro. GRO di Carlo Bacci Queste le parole dell’artista Carlo Bacci: " Felice ed onorato di essere stato chiamato in causa per il nostro GRO.  Il GRO è uno scoglio che è stato palestra di vita e di nuoto per chi come me è nato e cresciuto a Tellaro.  Non ho avuto nessun dubbio su come realizzare questo intervento, solo nome e cognome di questo luogo, che ci portiamo dentro: GRO un suono che ne racchiude la sua l'immagine compatta.  Il suo colo