Passa ai contenuti principali

KAPPACENTO, mostra personale di Nicola Piscopo

Fino al 30 novembre il DAMA ospita KAPPACENTO, mostra personale di Nicola Piscopo

Il ciclo pittorico Krampfanfalle giunge alla centesima opera e viene presentato come un’unica grande installazione
 
Il Dama (Daphne Museum Art) di Capua ospita fino al 30 novembre KAPPACENTO, una mostra ideata dal giovane artista Nicola Piscopo e curata da Enzo Battarra. Il ciclo pittorico Krampfanfalle giunge alla centesima opera e viene presentato come un’unica grande installazione.
Krampfanfalle, ovvero spasmi, "movimenti contorti con una freddezza cromatica che spiazza", come scrivono Aurora Spinosa e Adriana De Manes. Una sala ospita le opere del ciclo pittorico, lavori che non hanno titoli nè nomi, ma numeri. Espressioni contorte e distorte, un viaggio che dallo spasmo giunge man mano all'apice finale, un percorso graduale di liberazione. Lo spettatore accederà a Kappacento attraverso un suggestivo percorso espositivo: l'opera principale non sarà semplicemente mostrata, ma si mostrerà.

Negli ultimi due anni Nicola Piscopo ha presentato il ciclo Krampfanfalle curando numerose iniziative. Nel febbraio 2013 la mostra è stata ospitata a Tbilisi, Georgia. È stato ospitato nella Galleria “Il Melograno” di Livorno. Grazie alle collaborazioni con la Galleria Monteoliveto l'artista ha proposto il ciclo pittorico in Italia e in Europa, presentando le opere in Francia, Belgio e Spagna.

Scrive il curatore Enzo Battarra: “Questa mostra di Nicola Piscopo è forse la fine di un incubo, ma è soprattutto l’inizio di un sogno. Ecco perché Kappacento diventa la stazione di interscambio di un giovane artista che ha completato le sue cento opere del ciclo Krampfanfalle e ha ora esorcizzato le paure e i fantasmi, il panico, i deliri legati alle inquietudini di questi tempi. Il passaggio successivo sarà quello di trasformare gli stati di allucinazione collettiva in rivoluzionarie conquiste della propria coscienza”.

“Corporeità e ossessione. Spasmi, movimenti contorti eppure una certa freddezza cromatica che spiazza. Il lavoro di Nicola Piscopo affascina e coinvolge forse proprio nella contraddizione che manifesta. Grande energia che muove materia e colori dai toni severi con guizzi di rosso e calibrata serialità che determina il ritmo. Come se fosse possibile gestire la follia, i lavori in mostra dialogano tra loro sul filo della concitazione. Sono agitati i personaggi che abitano le opere e noi li osserviamo dalle finestre che ci apre l'artista quasi non potendo scegliere se e come essere coinvolti. Si avverte con forza l'espressione  di un dolore lacerante. Urla mute. Un dolore pazzo che, tuttavia, salva tutti noi nell'essere vissuto fino in fondo attraverso l'arte che ci trasforma, finalmente”. (Aurora Spinosa e Adriana De Manes)

 

 
KAPPACENTO
4 novembre - 30 novembre 2013
vernissage 4 novembre, ore 18:00
presso DAMA, museo d'arte contemporanea di Capua, via dell’Asilo Infantile, 1 - Capua (CE)

mostra a cura di Enzo Battarra
interverranno Aurora Spinosa e Adriana De Manes

 

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO
MAR ore 16 -18
GIO ore 16 -18
SAB ore 10 -12.30 / 16 -18
DOM ore 10 -12.30

Per info :
Tel. 3349320442

www.damamuseum.com
 


 
 
 
 

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

Il realismo magico di Mario Giacomelli e Le realtà del Sogno.

Il 2020 ha segnato il ventennale della scomparsa di Mario Giacomelli e il Comune di Senigallia, Città della Fotografia , continua a rendere omaggio anche nel 2021 a uno dei maestri internazionali della fotografia del Novecento, dedicando un’ala del Palazzo del Duca ad un’esposizione permanente delle sue opere donate negli anni ‘90 dall’artista stesso al Comune. In una porzione riqualificata di Palazzo del Duca, che ospita da anni la programmazione espositiva della città di Senigallia, saranno fruibili circa 80 fotografie selezionate e allestite in collaborazione con gli archivi Giacomelli rappresentati dai due direttori Simone Giacomelli e Katiuscia Biondi . Non una mostra temporanea quindi, ma un riallestimento della collezione permanente che vuole raccontare l’universo poetico ed artistico del grande fotografo senigalliese e renderlo fruibile in maniera permanente a cittadinanza e visitatori. Inoltre si vuole fornire una lettura innovativa dell’opera del maestro che viene proposta

La nuova scultura di Carlo Bacci a Tellaro

A Tellaro , uno dei borghi più belli d’Italia che si trova in Liguria nel Golfo dei Poeti, è stata ripristinata la discesa a mare da via Pelosini verso il “GRO”. Il GRO è il nome del grande scoglio che si trova proprio davanti a Tellaro, una discesa a mare molto suggestiva. Nella riqualificazione di questa discesa a mare è stata inserita la nuova scultura dell’artista locale Carlo Bacci che verrà inaugurata ufficialmente sabato 24 Aprile 2021. L’opera ne celebra il nome e riprende la spirale del tentacolo del polpo, simbolo grafico di Tellaro. GRO di Carlo Bacci Queste le parole dell’artista Carlo Bacci: " Felice ed onorato di essere stato chiamato in causa per il nostro GRO.  Il GRO è uno scoglio che è stato palestra di vita e di nuoto per chi come me è nato e cresciuto a Tellaro.  Non ho avuto nessun dubbio su come realizzare questo intervento, solo nome e cognome di questo luogo, che ci portiamo dentro: GRO un suono che ne racchiude la sua l'immagine compatta.  Il suo colo