Passa ai contenuti principali

Aleph : opere pittoriche di Sergi Barnils e sculture di Lluìs Cera alla Galleria ZetaEffe

Sabato 18 aprile alle ore 18.00 presso la Galleria ZetaEffe, in via Maggio 47/r a Firenze, sarà inaugurata la mostra , con  La mostra a cura di Sonia Zampini, sarà visibile fino al 25 maggio 2015 secondo gli orari di apertura della Galleria.


Il confronto visivo delle loro opere, poste in relazione in mostra, descrivono metaforicamente l’identificazione, mediante la scrittura, del principio ordinatore che attraverso la parola unisce opposte dualità: la terra, rappresentata dalla solidità del marmo, e la definizione aerea della pittura che attraverso i suoi colori indaga lo spazio e ridefinisce prospettive. La parola che emerge dalla scrittura contenuta nelle opere, al pari dell’Aleph, assurge al ruolo di elemento identitario ed unitario che contiene in sé tutte le diverse possibilità linguistiche.”

Sergi Barnils è nato nel 1954 a Bata, capitale della Guinea Equatoriale. Attualmente vive e lavora a Sant Cugat, nei pressi di Barcellona. Attraverso un segno geometrico che si stempera nell’utilizzo dei colori, protagonisti assoluti della sua pittura- e senza dubbio anche della più recente produzione scultorea - Barnils è giunto a condensare nelle proprie immagini, sia pure astratte e dense di graffiti primordiali, le sue più intime riflessioni sulla condizione umana. Molto apprezzate dalla critica e dal pubblico internazionale, le sue opere sono state presentate in Italia nel 1996 a Milano con una mostra alla galleria Spirale Arte. Nello stesso anno Barnils ha vinto il Premio Internazionale di Pittura a Tossa de Mar (Girona). Fra le esposizioni più prestigiose si ricordano nel 2007 le mostre personali a Vienna, alla Galleria Am Opernring, e al Palazzo Racani Arroni di Spoleto (La morada inmutable, a cura di Martina Corgnati). Nel 2009 viene accolto a Clusone al Museo del Complesso dei Disciplini e nel 2009 al Museo di Palazzo Principi di Correggio, con testi in catalogo di Vladek Cwalinski e Sandro Parmiggiani. Nel 2011 espone la mostra antologica Envers la Ciutat Esplendent alla Fondazione Caixa Terrassa di Barcellona e la personale

Maragda alla galleria Marcorossi artecontemporanea, entrambe curate da Luca Beatrice. Nel 2012 ha esposto da Eventinove artecontemporanea a Torino e nella sede di Verona della Marcorossi artecontemporanea,

Lluís Cera nasce a Barcellona nel 1967, si è diplomato nel 1993 presso l’Accademia di Belle Arti di Barcellona specializzandosi in scultura. Traimoltepliciriconoscimenticheharicevutoricordiamo: laselezioneperilpremio Miquel Casablanca nel 1987; il primo premio per la scultura Bancaja nel 2001, e sempre nello stesso anno il primo premio del Certamen Itinerario escultórico di Álava.

Lluís Cera ha una profonda conoscenza ed esperienza della tecnica scultorea applicata al marmo e ai metalli, riuscendo a conferire a queste ultime una straordinaria ed inusuale condizione di morbidezza e flessibilità.
Le prime sue incisioni sulle sculture avevano un impianto figurativo, per poi divenire sempre più astratte unendo partiture letterarie e musicali. Ha allestito molte mostre sia in Europa, Stati Uniti, in Asia e Oceania.


per info:
Galleria ZetaEffe via Maggio 47 r Firenze

www.galleriazetaeffe.com∙ telefono 055 264345 . info@galleriazetaeffe.com
h: martedì-sabato: 10.00/13.00-15.30/19.30, lunedì: 15.30/19.30; domenica (su appuntamento) 

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…