Passa ai contenuti principali

Aleph : opere pittoriche di Sergi Barnils e sculture di Lluìs Cera alla Galleria ZetaEffe

Sabato 18 aprile alle ore 18.00 presso la Galleria ZetaEffe, in via Maggio 47/r a Firenze, sarà inaugurata la mostra , con  La mostra a cura di Sonia Zampini, sarà visibile fino al 25 maggio 2015 secondo gli orari di apertura della Galleria.


Il confronto visivo delle loro opere, poste in relazione in mostra, descrivono metaforicamente l’identificazione, mediante la scrittura, del principio ordinatore che attraverso la parola unisce opposte dualità: la terra, rappresentata dalla solidità del marmo, e la definizione aerea della pittura che attraverso i suoi colori indaga lo spazio e ridefinisce prospettive. La parola che emerge dalla scrittura contenuta nelle opere, al pari dell’Aleph, assurge al ruolo di elemento identitario ed unitario che contiene in sé tutte le diverse possibilità linguistiche.”

Sergi Barnils è nato nel 1954 a Bata, capitale della Guinea Equatoriale. Attualmente vive e lavora a Sant Cugat, nei pressi di Barcellona. Attraverso un segno geometrico che si stempera nell’utilizzo dei colori, protagonisti assoluti della sua pittura- e senza dubbio anche della più recente produzione scultorea - Barnils è giunto a condensare nelle proprie immagini, sia pure astratte e dense di graffiti primordiali, le sue più intime riflessioni sulla condizione umana. Molto apprezzate dalla critica e dal pubblico internazionale, le sue opere sono state presentate in Italia nel 1996 a Milano con una mostra alla galleria Spirale Arte. Nello stesso anno Barnils ha vinto il Premio Internazionale di Pittura a Tossa de Mar (Girona). Fra le esposizioni più prestigiose si ricordano nel 2007 le mostre personali a Vienna, alla Galleria Am Opernring, e al Palazzo Racani Arroni di Spoleto (La morada inmutable, a cura di Martina Corgnati). Nel 2009 viene accolto a Clusone al Museo del Complesso dei Disciplini e nel 2009 al Museo di Palazzo Principi di Correggio, con testi in catalogo di Vladek Cwalinski e Sandro Parmiggiani. Nel 2011 espone la mostra antologica Envers la Ciutat Esplendent alla Fondazione Caixa Terrassa di Barcellona e la personale

Maragda alla galleria Marcorossi artecontemporanea, entrambe curate da Luca Beatrice. Nel 2012 ha esposto da Eventinove artecontemporanea a Torino e nella sede di Verona della Marcorossi artecontemporanea,

Lluís Cera nasce a Barcellona nel 1967, si è diplomato nel 1993 presso l’Accademia di Belle Arti di Barcellona specializzandosi in scultura. Traimoltepliciriconoscimenticheharicevutoricordiamo: laselezioneperilpremio Miquel Casablanca nel 1987; il primo premio per la scultura Bancaja nel 2001, e sempre nello stesso anno il primo premio del Certamen Itinerario escultórico di Álava.

Lluís Cera ha una profonda conoscenza ed esperienza della tecnica scultorea applicata al marmo e ai metalli, riuscendo a conferire a queste ultime una straordinaria ed inusuale condizione di morbidezza e flessibilità.
Le prime sue incisioni sulle sculture avevano un impianto figurativo, per poi divenire sempre più astratte unendo partiture letterarie e musicali. Ha allestito molte mostre sia in Europa, Stati Uniti, in Asia e Oceania.


per info:
Galleria ZetaEffe via Maggio 47 r Firenze

www.galleriazetaeffe.com∙ telefono 055 264345 . info@galleriazetaeffe.com
h: martedì-sabato: 10.00/13.00-15.30/19.30, lunedì: 15.30/19.30; domenica (su appuntamento) 

Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori