Passa ai contenuti principali

Io, molto semplicemente, Niki de Saint Phalle.

Niki-De-Saint-Phalle-en-Deya-1955
Dopo il gran successo di pubblico riscosso al Grand Palais di Parigi (se avete la curiosità di volerlo verificare - il "gran successo di pubblico" , che non è "un modo cortese di dire" - andatevi a vedere i tanti video ufficiali prodotti...na' vera chicca), la retrospettiva dedicata alla contessa Catherine Marie-Agnès de Saint Phalle (al secolo Niki de Saint Phalle) si trasferisce al Guggenheim di Bilbao (fino all'11 giugno prossimo a venire) con la curatela in questo caso di Álvaro Rodríguez Fominaya.

Più o meno 200 le opere e documenti d’archivio (molti inediti) dell’artista franco-statunitense, pioniera del femminismo, che ha idealizzato il corpo delle donne con le sue Nanas - variopinte e monumentali sculture ispirate a quelle di Gaudì - e che colpiva con la carabina sculture in gesso nelle quali esplodevano sacchetti di pittura, creando fantasiosissimi dripping.

Un'artista che ha espresso con tenacia e costanza per tutto il corso della sua carriera artistica l'impegno politico contro il razzismo, per la lotta all’AIDS, per la parità dei generi, contro la corsa agli armamenti... usando le sue mostre per dimostrarlo, con l'arte e con le parole.

Pittrice, scultrice, regista di cinema sperimentale, Niki de Saint Phalle , "la contessina" , ha realizzato anche opere d’arte pubbliche come il Giardino dei Tarocchi a Capalbio, in Toscana, INTERAMENTE FINANZIATO CON PROPRI DENARI...Era un "angelo" d'artista la nostra Niki, con un visino alla Grace Kelly (non per niente Cartier la chiamò per farle indossare in una pubblicità una parure principesca) anche se con un padre indegno d'essere suo padre...vabbè, cose che accadevano solo tempo fa (o no??)

Questo post (titolo e contenuto) è stato da me pubblicato in primis su Equilibriarte

Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori