Passa ai contenuti principali

QUESTA È GUERRA! 100 anni di conflitti messi a fuoco dalla fotografia

Unknown Photographer, The italian Magnis Freedom Fighters,
1944 Silver, gelatine print on glossy fibre paper
Printed by December 1944 ©Daniel Blau Munich/ London
Dalle stereoscopie degli inizi del Novecento alle immagini satellitari della contemporaneità: Oltre 350 fotografie che raccontano 100 anni di guerre, in una mostra che mai prima si era vista in Italia. "QUESTA È GUERRA! 100 anni di conflitti messi a fuoco dalla fotografia" è la mostra a cura di Walter Guadagnini in esposizione a Palazzo del Monte di Pietà di Padova, in esposizione fino al 31 maggio 2015

A partire dal centenario della Prima Guerra Mondiale la mostra porta le testimonianze degli eventi bellici che hanno contribuito a formare il mondo così come oggi lo conosciamo.

I nomi dei fotografi presenti sono quelli che hanno fatto la storia del mezzo: Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, August Sander, William Eugene Smith, Margaret Bourke-White, Ernst Haas, Evgenij Chaldej, Don McCullin, Eve Arnold, Philip Jones Griffiths, presenti con immagini che sono entrate nella storia e nell’immaginario collettivo: dal “Miliziano colpito a morte” ripreso durante la Guerra Civile Spagnola all’innalzamento della bandiera sovietica sul Palazzo del Reichstag a Berlino al termine della Seconda Guerra Mondiale. 

La mostra presenta una serie di fotografie  eccezionali che permettono di vedere i diversi aspetti della guerra, come questa influisca sulla vita delle popolazioni civili, quali siano le conseguenze dei conflitti, quali le differenze anche tecnologiche tra una guerra e l’altra. 

E poi ancora le  drammatiche immagini della bomba atomica su Hiroshima, le donne algerine fotografate da Marc Garanger, la Guerra del Vietnam tra realtà e ricostruzione, la Beirut distrutta ripresa da un maestro della fotografia italiana come Gabriele Basilico, le guerre odierne dall’Afghanistan all’Ucraina: mentre la televisione e internet ci portano i resoconti visivi in diretta, le fotografie prendono il posto della pittura, e attraverso le grandi dimensioni, i colori, i punti di vista particolari ci inducono a fermarci davanti all’immagine e a riflettere.


Venerdì 24 aprile - Apertura serale straordinaria

Dalle 21.00 alle 24.00  le porte di Palazzo del Monte di Pietà  saranno eccezionalmente aperte ai visitatori e consentiranno l’ingresso ridotto in mostra: 7 euro per i singoli visitatori e 11 euro per le coppie (coniugi, fidanzati, amici e parenti).
la biglietteria chiude alle 23.30

Durante il giorno, la mostra sarà aperta come di consueto dalle 9.00 alle 19.00 con il normale biglietto di ingresso.


Sabato 25 aprile - Ingresso gratuito e visita guidata gratuita

In occasione dell’Anniversario della Liberazione d’Italia, l’ingresso alla mostra sarà gratuito per tutta la giornata, dalle 9.00 alle 20.00.

Inoltre, alle 10.30 si svolgerà la visita guidata gratuita a cura dell’Associazione Immaginarte dal titolo “Reporter e reportage di Guerra“. Non occorre la prenotazione; è sufficiente presentarsi in biglietteria qualche minuto prima delle 10.30.


QUESTA È GUERRA! 100 anni di conflitti messi a fuoco dalla fotografia 
Padova, Palazzo del Monte di Pietà, 28 febbraio - 31 maggio 2015
www.questaeguerra.it

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…