Passa ai contenuti principali

Arte fotografia. Mostra di maestri della fotografia del XX secolo e contemporanea.

Giunta alla quarta edizione, la grande mostra di maestri della fotografia si conferma come appuntamento tradizionale per la galleria. La mostra si apre con due foto di Vincenzo Balocchi, poco conosciuto ma significativo fotografo fiorentino dell’era quasi pionieristica degli anni ’50. 

Ma è la celebre foto del marine americano dello sbarco in Normandia di Capa, “leggermente fuori fuoco”, che simbolicamente apre la strada agli altri grandi protagonisti che compaiono in mostra.

Le foto di Luigi Ghirri, ad esempio, che evocano lo spirito concettuale del grande precursore, o la bella selezione di autoritratti di Vivian Maier, la tata fotografa recente protagonista di un caso che le ha reso fama mondiale, seppure postuma. 

E ancora l’automobile Delage in corsa, di Lartigue, forse la prima foto futurista della storia, l’idealizzazione della donna di Lucien Clergue che diventa un tutt’uno con la natura di una spiaggia, il Cartier Bresson del primo dopoguerra, forse il suo periodo migliore, sono fotografie da antologia.

Anche quest’anno Todd Hido, la cui immagine è sempre più forte sulla scena mondiale, farà parte della mostra confermandosi uno degli autori preferiti della galleria. 

Di Lucien Hervé, il fotografo di Le Corbusier, sono esposte due foto dove l’architettura razionalista viene rappresentata in una interessantissima chiave astratta.
Molto forte la selezione di foto di Enzo Sellerio, con un gruppo di foto che non riguardano solo l’universo Sicilia. 

Tra i contemporanei Bruno Cattani con il suo nuovo lavoro dedicato alle giostre, come eterno simbolo della fanciullezza che non ci lascia mai, e una nuova serie di Marco Maria Zanin ambientata in terra di Sicilia. Sue anche nuovi lavori della serie Cattedrali Rurali. Pierre Pellegrini, altro simbolo della galleria, presenta una nuova rassegna di paesaggi, intensi ma minimali come sempre. Fausto Giaccone propone un lavoro ambientato in India. 

Per chiudere in bellezza una nuova, brillante e divertente selezione di foto di cinema.

Arte fotografia. Mostra di maestri della fotografia del XX secolo e contemporanea.
VALERIA BELLA STAMPE
Milano - dal 12 maggio al 20 giugno 2015
Via San Damiano 2 (20122)
Milano
+39 0276004413 , +39 0276006505 (fax)
bellastampe@tin.it

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…