Passa ai contenuti principali

Güler Ates e Il segreto nel silenzio alla Galleria Spazio Nea

Espone per la prima volta in Italia l'artista turca Güler Ates. Il segreto nel silenzio è la personale curata dal critico Massimo Sgroi e sarà inaugurata venerdì 15 maggio alle 19.00 in esclusiva per la Galleria Spazio Nea.

Le donne invisibili sotto i veli colorati che attraversano con la leggerezza silenziosa dei luoghi fortemente evocativi, incidono nella memoria profonda attraverso gli spendenti cromatismi della nuova visione medialica. Esse appartengono alla terra come all’infosfera; sono ragionamento oggettuale sulle pratiche di trasformazione dell’umano, risonanze di un'appartenenza alla storia così come proiezioni virtuali della natura indeterminata contemporanea.

Güler Ates attraversa i luoghi contaminando gli spazi, facendoli diventare potenti alterità della visione, universi fisici e mentali in cui il passaggio delle donne velate piega lo spazio facendole abitare il mondo. Le sue figure vivono l’alterità dello specchio laddove la topologia dell’immagine fotografica sovrappone ciò che è vicino a ciò che è lontano, l’interno e l’esterno, l’oggetto della visione ed il soggetto fino a proiettare queste contiguità all’interno della nostra stessa mente. 

È la forza di una evocazione straordinaria che non prescinde dalla profonda percezione sensoriale. Per l’artista turca vale l’assunto di far divenire, attraverso il suo progetto artistico, le forme della vita meno aleatorie e transitorie pur cercando di rappresentare ciò che paradossalmente non è rappresentabile.

Nel testo critico si legge: "La valenza estetica delle donne velate e dei landscape della memoria in cui sono inscritte mette in relazione, nel suo produrre sensi comunicabili, tutte le cose che entrano nel raggio della visione. L’opera finisce di essere inerte per diventare qualcosa che serve   alla vita piuttosto che mero bene di consumo.L’immagine centrale delle opere di Güler Ates finisce per essere uno degli archetipi, in particolare mediterranei, che amplificano l’interazione fra persone, cose e luoghi del mondo. E proprio questo genere di versazioni affettive sono alla base di quella che noi definiamo, anche in senso più esteso,  cultura; è l’oggetto dell’arte che crea, per dirla con una definizione di Durkheim, il cambiamento intorno a sé. La funzione, allora, di questo genere di opere, proprio perché presuppone memoria, attestazione di realtà (contemporanea) e creazione di un immaginario futuro, allorchè si basa su di una grande forza istintuale estetica, assolve esattamente al suo compito: quello di ri-velare, di s-velare esattamente coprendo il centro stesso dell’opera con un velo".

Tutto questo fascino, questo mistero e questo silenzio sarà in mostra allo Spazionea fino al 30 giugno 2015.


GÜLER ATES
Lavora con video, fotografia, incisione (printmaking) e performance. Alla base della sua ricerca c'è l'esplorazione dell'esperienza della "dislocazione culturale". 
Le manifestazioni del suo lavoro sono realizzate attraverso performance e attività "adattive" (site-responsive) in aree che fondono sensibilità orientali ed occidentali.

I siti architettonici in cui lavora appartengono solitamente ad un'epoca specifica con particolari collegamenti con il colonialismo (ora post-colonialismo) e l'"Oriente". Ha condotto ricerche sulla storia di questi siti che le hanno fornito informazioni sull'origine del tessuto che diventerà poi il costume o il velo da far indossare al suo performer. Essendo parte della performance, il soggetto narra una vicenda disegnata dalla storia del sito, esplorando il suo sentimento di dualismo culturale. Usa il paragone storico per evidenziare questioni politiche e sociali, specialmente quelle riguardanti il velo e politiche di genere.

Ha precedentemente realizzato i suoi progetti nei seguenti scenari: Victoria & Albert Museum, London; Cité Internationale Des Arts, Paris; Leighton House Museum, London; Great Fosters (vecchio casino di caccia reale del re Enrico VIII), Egham; Royal Academy of Arts, London; e City Palace, Udaipur, Rio de Janeiro.  Attualmente ha una residenza artistica all' Eton College.


MASSIMO SGROI
Critico d’arte contemporanea e scrittore insegna Arte Moderna e Contemporanea presso la libera Facoltà di Scienze Turistiche di Caserta. 
È Art Director del Museo di Arte Contemporanea di Caserta. Fra le mostre che ha curato Bruno Munari Palazzo Reale Caserta, More Than Real Palazzo Reale di Caserta, Mutoidi Maschio Angioino di Napoli, Nets Galleria Lucio Amelio Napoli, The Dream Machine Jan Wagner Galerie Berlino, Jan Van Oost (1997) Galleria Studio Oggetto Caserta, Platone in the Mirror Galleria De Crescenzo e Viesti Roma, L’ultima Cena Castel dell’Ovo Napoli, I Ricordanti Galleria Pio Monti Roma, Aidoru Allegretti Contemporanea Torino, Passaggi - dalla collezionedi Ernesto Esposito Mac Caserta Belvedere di San Leucio, F for Fake Mac Caserta Belvedere di San Leucio, Shozo Shimamoto Nicola Pedana Contemporanea Caserta, A Whisper in the Sound of Silence (2012) Palazzo Zenobio Venezia. 

Ha lavorato con molti dei più grandi artisti del mondo fra cui Bill Viola, Jack Pierson, Yasumasa Morimura, Bas Jan Ader, Tom Friedmann, Vanessa Beecroft, Shirin Neshat, Peter Friedl, Mimmo Paladino, Fabrizio Plessi, Andres Serrano, Gabriel Orozco, Jason Martin, Mario Airò, Loris Cecchini, Padraig Timoney, Mat Collishaw, Luca Pancrazzi,  Massimo Bartolini, Oleg Dou, Claudia Rogge, etc. 

Ha curato la mostra al Pan di Napoli di Obey e Davide Coltro, Le ibride alterità della natura, SpazioNea, Napoli.
Ha pubblicato Il Fantasma nella Rete (2002) ed. Tullio Pironti Napoli, Il Videogame Trascendente (2005) ed. Guida Napoli, Il Volo del Minotauro ed. Capua Nova (2008), F for Fake, Editori Internazionali Riuniti (2013). 
La Felicità al Potere con il Presidente dell’Uruguay Pepe Mujica, EIR (2015).

Il segreto nel silenzio
Sede: Spazio Nea - via Costantinopoli 53 - Piazza Bellini 59 Napoli
Opening: 15 maggio ore 19.00
Autore: Güler Ates
Curatore: Massimo Sgroi
Catalogo: Iemme edizioni – collana Tempora
Durata: dal 15 maggio al 30 giugno 2015

Orari: lunedì - domenica dalle 9,00 alle 2,00 am
Contatti: 081451358 | spazionea.it | info@spazionea.it
Ingresso: libero

Segnalato da Ufficio Stampa: Livia Iervolino
Info line : 3388810588 | liviaiervolino72@gmail.com

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…