Passa ai contenuti principali

Mai Visti e Altre Storie

Nell’ambito del progetto Mai Visti e Altre Storie, volto alla valorizzazione delle opere d’Arte Irregolare sul territorio piemontese, il 14 maggio inaugureranno contemporaneamente e in tre sedi diverse le mostre: 
 
CASE, NON A CASO...: un dialogo tra l’installazione Casina di Michele Munno e le opere di artisti dalle collezioni piemontesi di Arte Irregolare anch’esse ispirate al tema della casa, potente figura della protezione, del ricordo e del desiderio.
h. 17.00 | InGenio Arte Contemporanea, C.so San Maurizio 14/e
 
DENTRO IL RACCONTO DI COSE RISAPUTE: personale di Michele Munno che pone in evidenza un carattere complesso di “torinesità” che si innerva sull’architettura di palazzo e si addensa in atmosfere di luce ed evocazioni. Chi abita percepisce i luoghi come una latenza di forme visibili ed invisibili che possono mutare ed essere mutate.
h. 18.00 | Galleria Opere Scelte, Via Matteo Pescatore 11/d
 
MI STAVO IMBATTENDO NELL’INFINITO E MI SONO RITROVATO QUA: una selezione di opere dalle collezioni piemontesi di Arte Irregolare con una visione eccentrica sul tema del salto come pratica dell’essere fuori posto e del trovarsi in un luogo sentendone la meraviglia,  partendo dall’installazione L’atterraggio dello Skillinger di Michele Munno e Vincenzo Sciandra.
h. 20.00 | Palazzo Barolo, Via delle Orfane 7
 
Contestualmente alle h 17.00 avrà luogo il flash mob su strada CASETT-AZIONE URBANA, una scultura collettiva e un evento che invita a camminare con l’arte, al movimento – del corpo e della mente – verso l’esplorazione della città attraverso i luoghi significativi del progetto. Si tratta di un invito rivolto a tutta la cittadinanza, a partecipare alle tre mostre: l’installazione su strada di una lunga serie di casine – da un’idea dell’artista Michele Munno – renderà visibile, anche fisicamente, la rete dei partner coinvolti nel progetto.
 
Mai Visti e Altre Storie è un progetto volto alla tutela e alla valorizzazione dell'arte irregolare piemontese, in aperto dialogo con l'arte contemporanea e volto alla creazione e diffusione di uno spazio di ricerca accessibile sull’espressività non ordinaria. A partire da una schedatura delle opere d’arte irregolare piemontese, fruibile grazie alla creazione di un archivio on line, l’iniziativa intende avviare una seria riflessione critica sulla permeabilità dei confini tra i concetti di arte outsider e mainstream. 
 
da un'idea di Tea Taramino (Città di Torino, Servizio Disabili)
a cura di ARTECO (Annalisa Pellino e Beatrice Zanelli)
con la collaborazione dell'Associazione Culturale Passages
 
info sul progetto:  goo.gl/fyqw3U
 
info sull'evento: stampa.arteco@gmail.com

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …