Passa ai contenuti principali

Uno Sguardo sul Contemporaneo al Castello Scaligero-Gonzaghesco di Villimpenta

"Sguardo Contemporaneo": mostra di Massimo Canuti, Daniele Cestari, Nicla Ferrari, Andrea Giovannini, Cristina Iotti, Marino Iotti, Iva Recchia, Giovanni Sala, Michele Sassi e Roberta Serenari fino al 5 luglio 2015 al Castello Scaligero-Gonzaghesco di Villimpenta (MN). 

Curata da Nicla Ferrari con un'introduzione di Anna Fornaciari, l'esposizione è promossa dal Comune di Villimpenta – Assessorato alla Cultura, patrocinata dalla Provincia di Mantova e in collegamento con Sistema Museale Mantovano, Sistema Bibliotecario Grande Mantova, Sistema Po Matilde, Regge dei Gonzaga. 

Negli spazi del Castello di Villimpenta, la Casa del Custode e l’imponente Mastio, saranno accolte una trentina di opere di dieci artisti selezionati in ambito nazionale. L’intento è di offrire una panoramica sull’arte contemporanea attraverso i diversi mezzi espressivi: la pittura, che oggi è nuovamente in auge dopo decenni di oblio, il disegno, la scultura, l’installazione e la fotografia che, non senza animati dibattiti, entra di diritto, e addirittura in certi casi primeggia, nelle mostre d’arte. I linguaggi differenti attraverso i quali gli artisti “guardano” e rappresentano la loro personale realtà, non risultano stridenti tra di loro, anzi si creano nel percorso espositivo interessanti rimandi messi in moto da analogie, da contrapposizioni tecniche o dagli stessi temi affrontati. 

Lo “sguardo contemporaneo”, il modo di vedere e rappresentare le cose nutrito oggi dall’abbondanza di informazioni, di stimoli e di mezzi tecnici alla portata di chiunque, non preclude comunque di guardare anche alla tradizione, di trarne preziose lezioni o riportarne all’interno dell’opera “scampoli” e contaminazioni. 

Nella pittura ad olio di Roberta Serenari, in mostra con il trittico “ Nel nome della madre”, prevale la presenza femminile dotata di una misteriosa fascinazione. Le sue protagoniste sospese tra scenari metafisici e riferimenti simbolici, sono sempre disegnate con quel realismo iconico che contraddistingue tutta la sua opera. In antitesi è invece il lavoro di Iva Recchia, secondo la quale il mondo umano è un campo d’azione immenso e falsamente circoscritto. La sua inafferrabilità coincide con una perenne mancanza di contorni e sfaldamento della figura, dove sfondo e soggetto si amalgamano in un’unica apparente consistenza. La dinamicità della pennellata, il ritmo della composizione, i colori audaci e decisamente contemporanei caratterizzano gli ambienti urbani di Daniele Cestari, luoghi dove l’uomo è il grande presente- assente e si pone come spettatore della città, la macchina più complessa che egli stesso abbia mai costruito. Marino Iotti, attraverso stratificazioni di materia, graffiti, inclusioni di schegge di legno o brani di tessuto provenienti da cose abbandonate, realizza sulle sue tele una composizione di cifra informale ed estremamente raffinata, capace di trasportare lo spettatore in un altrove, una sorta di paesaggio della memoria. In mostra anche alcune sue sculture. Il paesaggio rappresentato nella sua veste più lenta ma del tutto quieta ritorna nelle tempere su tavola di Andrea Giovannini, che con sapiente tecnica aggiunge velatura su velatura fino al raggiungimento di una liricità carica di pathos. La sua è una pittura fondata sulla luce, alimentata dalla materialità e ispirata dal sogno. Massimo Canuti presenta in questa mostra opere della serie “Corre sul fiume”, un ciclo di lavori ispirati al Po nei quali la natura, nelle sue varianti più o meno nobili, assume il ruolo di protagonista traducendosi in disegni, fotografie e installazioni che portano a vivere le atmosfere e i drammi che ruotano attorno al “Grande Fiume”. Giovanni Sala che in tutta la sua opera indaga sul delicato rapporto tra uomo e natura sperimentando materiali e linguaggi sempre diversi , presenta in mostra la sua installazione “Il giardino dei pensieri” che trova, con la collocazione nell’imponente Mastio, la possibilità di liberarsi in altre dimensioni. Cristina Iotti con abilità tecnica e pulizia formale crea su carta raffinati disegni utilizzando matite colorate per far prendere vita a romantici abiti femminili. I tessuti descritti nei dettagli con altissima perizia tecnica rimandano ad un mondo nel quale il legame affettivo ha un forte valore intrinseco e la pazienza è ancora una virtù. Ancora la presenza del tessuto e del ricordo ritorna nelle opere di Nicla Ferrari che dipinge ad olio su brani di antichi corredi di famiglia sui quali elementi descritti nel dettaglio si alternano a tratti di materia fluida o tormentata. I soggetti incompleti come fossero stralci di affreschi sono supportati dalla presenza di elementi simbolici che offrono una possibile chiave di lettura. Nelle sculture di Michele Sassi la materia è lo strumento per suggerire forme ed evocare gli inquieti stati d’animo del vivere contemporaneo. Nella terracotta o nel marmo le sue figure raggomitolate in posizione fetale o coinvolte in fenomeni di mutazione sembrano sospese in un limbo eterno. 


La mostra sarà visitabile fino al 5 luglio 2015 di sabato ore 17.30-19.30 e domenica ore 10.30-13.00. In occasione della Festa del Risotto, aperture straordinarie con visite guidate al castello e alla mostra: 5-7 giugno, 12-14 giugno, 19-21 giugno ore 20.30-24.00. Ascensore per disabili. Ingresso libero. Per informazioni: tel. 0376 667508.

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …