Passa ai contenuti principali

Red Bull punta ancora sull’arte contemporanea

Red Bull punta ancora sull’arte contemporanea e lancia due progetti dedicati al mondo della creatività. Red Bull Canvas Cooler, che prima di Milano ha toccato con successo città come Miami, Tokyo e New York, consiste nel far "decorare” i famosi frigoriferi del brand da 10 artisti trasformandoli in vere e proprie opere d’arte. 

L’elettrodomestico è stato ricoperto per l’occasione da una tela su cui gli artisti selezionati dal curatore Beppe Treccia (NoCurves,MrWanymMax PetroneEricsOneTAWAAngelo BarileGiuseppe "Gep”,  MrBlobMario Leuci e Giovanni Scafuro) potranno liberamente esprimere la propria creatività. La realizzazione dei lavori potrà essere seguita live, nella sua fase finale, il 25 e il 26 maggio presso lo spazio Killer Kiccen. I frigoriferi saranno poi ospitati in 8 locali di Milano (Deseo,  La Gintoneria, 25 Milano, Turné, Tunnel, Replay Store e Replay Lounge Bar e Terrazza Duomo 21) con l’intento di far proseguire il progetto e coinvolgere altre zone della città.

Red Bull Recycle invece è completamente dedicato al tema del riciclo. Agli artisti sarà chiesto di trasformare insegne, banchi bar, lattine e frigoriferi in opere di design. I nomi chiamati per quest’opera di rigenerazione sono i 5 artisti della precedente edizione svoltasi a Bologna (Nikky Rodgerson "Nikki Rifutile”Lucia Peruch "Lupan”Manolo BenvenutiFethi Atakol Giulia Meloncelli), più altri 5 selezionati da Affordable Art Fair (FU InstructionForUseZE123Etienne ReijndersControprogetto e Ignazio Fresu). 

Le opere verranno presentate il 25 giugno nello Store Replay in Piazza Gae Aulenti per poi essere anch’esse ospitate in alcuni locali di Milano (4Cento, Dude Club, Jamaica, Deus, Q 21, Opera 33, Santeria Social Club, Alcatraz, Rocket, Terrazza Lounge c/o Museo di Scienze Naturali). 

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…