Passa ai contenuti principali

Alberto Burri: THE TRAUMA OF PAINTING, alcune delle opere in esposizione

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

October 9, 2015–January 6, 2016

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Alberto Burri in his studio in Case Nove di Morra, Città di Castello, Italy, 1982
Photo: Aurelio Amendola © Aurelio Amendola, Pistoia, Italy





ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande bianco (Large White), 1952
Oil, tempera, fabric, burlap, thread, and Vinavil on canvas, 151.5 x 251.5 cm
Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello, Italy
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Lo strappo (The Rip), 1952
Oil, fabric, thread, pumice, and Vinavil, 87 x 58 cm
Collezione Beatrice Monti della Corte
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: © Christie’s Image Ltd

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Rosso gobbo (Red Hunchback), 1953
Acrylic, fabric, and resin on canvas; metal rod on verso, 56.5 x 85 cm
Private collection, Rome
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015
Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Sacco e oro (Sack and Gold), 1953
Burlap, thread, acrylic, gold leaf, and PVA on black fabric, 102.9 x 89.4 cm
Private collection, courtesy Galleria dello Scudo, Verona
© Fondazione Palazzo Albizzini, Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Nero bianco e sacco (Black White and Sack), ca. 1954
Oil, fabric, burlap, pumice, and PVA on canvas, 125 x 107 cm
Courtesy Galleria Tega, Milan
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Paolo Vandrasch and Romina Bettega

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Legno e bianco I (Wood and White I), 1956
Wood veneer, combustion, acrylic, and Vinavil on canvas, 87.7 x 159 cm
Solomon R. Guggenheim Museum, New York 57.1463
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Combustione legno (Wood Combustion), 1957
Wood veneer, paper, combustion, acrylic, and Vinavil on canvas, 149.5 x 99 cm
Private collection, courtesy Galleria dello Scudo, Verona
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande ferro M 4 (Large Iron M 4), 1959
Welded iron sheet metal and tacks on wood framework, 199.8 x 189.9 cm
Solomon R. Guggenheim Museum, New York 60.1572
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Kristopher McKay © Solomon R. Guggenheim Foundation, New York

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Sacco e rosso (Sack and Red), ca. 1959
Burlap, thread, acrylic, and PVA on black fabric, 150 x 130 cm
Private collection, London
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Lucy Dawkins, London 

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Ferro SP (Iron SP), 1961
Welded iron sheet metal, oil, and tacks on wood framework, 130 x 200 cm
Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, Rome
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015
Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Antonio Idini, Soprintendenza alla Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, courtesy Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Rosso plastica (Red Plastic), 1961
Plastic (PVC), acrylic, and combustion on plastic (PE) and black fabric, 142 x 153 cm
Modern Art Foundation
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Massimo Napoli, Rome, courtesy Modern Art Foundation


ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande bianco plastica (Large White Plastic), 1964
Plastic (PVC) and combustion on aluminum framework, 191.8 x 292.1 cm
Glenstone
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Tim Nighswander/IMAGING4ART, courtesy Glenstone

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande cretto nero (Large Black Cretto), 1977
Acrylic and PVA on Celotex, 149.5 x 249.5 cm
Centre Pompidou, Paris, Musée national d’art moderne/Centre de création industrielle, Gift of the artist, 1978
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: © CNAC/MNAM/Dist. RMN-Grand Palais/Art Resource, New York

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Installation View: Inaugural Selection, Solomon R. Guggenheim Museum, New York, October 21, 1959–June 19, 1960
Third from left: Alberto Burri's Legno e bianco 1(Wood and White 1, 1956)
Photo: © Solomon R. Guggenheim Foundation, New York


Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …