Passa ai contenuti principali

Alberto Burri: THE TRAUMA OF PAINTING, alcune delle opere in esposizione

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

October 9, 2015–January 6, 2016

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Alberto Burri in his studio in Case Nove di Morra, Città di Castello, Italy, 1982
Photo: Aurelio Amendola © Aurelio Amendola, Pistoia, Italy





ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande bianco (Large White), 1952
Oil, tempera, fabric, burlap, thread, and Vinavil on canvas, 151.5 x 251.5 cm
Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello, Italy
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Lo strappo (The Rip), 1952
Oil, fabric, thread, pumice, and Vinavil, 87 x 58 cm
Collezione Beatrice Monti della Corte
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: © Christie’s Image Ltd

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Rosso gobbo (Red Hunchback), 1953
Acrylic, fabric, and resin on canvas; metal rod on verso, 56.5 x 85 cm
Private collection, Rome
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015
Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Sacco e oro (Sack and Gold), 1953
Burlap, thread, acrylic, gold leaf, and PVA on black fabric, 102.9 x 89.4 cm
Private collection, courtesy Galleria dello Scudo, Verona
© Fondazione Palazzo Albizzini, Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Nero bianco e sacco (Black White and Sack), ca. 1954
Oil, fabric, burlap, pumice, and PVA on canvas, 125 x 107 cm
Courtesy Galleria Tega, Milan
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Paolo Vandrasch and Romina Bettega

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Legno e bianco I (Wood and White I), 1956
Wood veneer, combustion, acrylic, and Vinavil on canvas, 87.7 x 159 cm
Solomon R. Guggenheim Museum, New York 57.1463
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Combustione legno (Wood Combustion), 1957
Wood veneer, paper, combustion, acrylic, and Vinavil on canvas, 149.5 x 99 cm
Private collection, courtesy Galleria dello Scudo, Verona
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande ferro M 4 (Large Iron M 4), 1959
Welded iron sheet metal and tacks on wood framework, 199.8 x 189.9 cm
Solomon R. Guggenheim Museum, New York 60.1572
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Kristopher McKay © Solomon R. Guggenheim Foundation, New York

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Sacco e rosso (Sack and Red), ca. 1959
Burlap, thread, acrylic, and PVA on black fabric, 150 x 130 cm
Private collection, London
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Lucy Dawkins, London 

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Ferro SP (Iron SP), 1961
Welded iron sheet metal, oil, and tacks on wood framework, 130 x 200 cm
Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, Rome
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015
Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Antonio Idini, Soprintendenza alla Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, courtesy Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Rosso plastica (Red Plastic), 1961
Plastic (PVC), acrylic, and combustion on plastic (PE) and black fabric, 142 x 153 cm
Modern Art Foundation
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Massimo Napoli, Rome, courtesy Modern Art Foundation


ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande bianco plastica (Large White Plastic), 1964
Plastic (PVC) and combustion on aluminum framework, 191.8 x 292.1 cm
Glenstone
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Tim Nighswander/IMAGING4ART, courtesy Glenstone

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande cretto nero (Large Black Cretto), 1977
Acrylic and PVA on Celotex, 149.5 x 249.5 cm
Centre Pompidou, Paris, Musée national d’art moderne/Centre de création industrielle, Gift of the artist, 1978
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: © CNAC/MNAM/Dist. RMN-Grand Palais/Art Resource, New York

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Installation View: Inaugural Selection, Solomon R. Guggenheim Museum, New York, October 21, 1959–June 19, 1960
Third from left: Alberto Burri's Legno e bianco 1(Wood and White 1, 1956)
Photo: © Solomon R. Guggenheim Foundation, New York


Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…