Passa ai contenuti principali

Alberto Burri: THE TRAUMA OF PAINTING, alcune delle opere in esposizione

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

October 9, 2015–January 6, 2016

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Alberto Burri in his studio in Case Nove di Morra, Città di Castello, Italy, 1982
Photo: Aurelio Amendola © Aurelio Amendola, Pistoia, Italy





ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande bianco (Large White), 1952
Oil, tempera, fabric, burlap, thread, and Vinavil on canvas, 151.5 x 251.5 cm
Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello, Italy
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Lo strappo (The Rip), 1952
Oil, fabric, thread, pumice, and Vinavil, 87 x 58 cm
Collezione Beatrice Monti della Corte
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: © Christie’s Image Ltd

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Rosso gobbo (Red Hunchback), 1953
Acrylic, fabric, and resin on canvas; metal rod on verso, 56.5 x 85 cm
Private collection, Rome
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015
Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Sacco e oro (Sack and Gold), 1953
Burlap, thread, acrylic, gold leaf, and PVA on black fabric, 102.9 x 89.4 cm
Private collection, courtesy Galleria dello Scudo, Verona
© Fondazione Palazzo Albizzini, Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Nero bianco e sacco (Black White and Sack), ca. 1954
Oil, fabric, burlap, pumice, and PVA on canvas, 125 x 107 cm
Courtesy Galleria Tega, Milan
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Paolo Vandrasch and Romina Bettega

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Legno e bianco I (Wood and White I), 1956
Wood veneer, combustion, acrylic, and Vinavil on canvas, 87.7 x 159 cm
Solomon R. Guggenheim Museum, New York 57.1463
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Combustione legno (Wood Combustion), 1957
Wood veneer, paper, combustion, acrylic, and Vinavil on canvas, 149.5 x 99 cm
Private collection, courtesy Galleria dello Scudo, Verona
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande ferro M 4 (Large Iron M 4), 1959
Welded iron sheet metal and tacks on wood framework, 199.8 x 189.9 cm
Solomon R. Guggenheim Museum, New York 60.1572
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Kristopher McKay © Solomon R. Guggenheim Foundation, New York

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Sacco e rosso (Sack and Red), ca. 1959
Burlap, thread, acrylic, and PVA on black fabric, 150 x 130 cm
Private collection, London
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Lucy Dawkins, London 

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Ferro SP (Iron SP), 1961
Welded iron sheet metal, oil, and tacks on wood framework, 130 x 200 cm
Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, Rome
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015
Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Antonio Idini, Soprintendenza alla Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, courtesy Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Rosso plastica (Red Plastic), 1961
Plastic (PVC), acrylic, and combustion on plastic (PE) and black fabric, 142 x 153 cm
Modern Art Foundation
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artist Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Massimo Napoli, Rome, courtesy Modern Art Foundation


ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande bianco plastica (Large White Plastic), 1964
Plastic (PVC) and combustion on aluminum framework, 191.8 x 292.1 cm
Glenstone
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: Tim Nighswander/IMAGING4ART, courtesy Glenstone

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Grande cretto nero (Large Black Cretto), 1977
Acrylic and PVA on Celotex, 149.5 x 249.5 cm
Centre Pompidou, Paris, Musée national d’art moderne/Centre de création industrielle, Gift of the artist, 1978
© Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, Città di Castello/2015 Artists Rights Society (ARS), New York/SIAE, Rome
Photo: © CNAC/MNAM/Dist. RMN-Grand Palais/Art Resource, New York

ALBERTO BURRI: THE TRAUMA OF PAINTING

Installation View: Inaugural Selection, Solomon R. Guggenheim Museum, New York, October 21, 1959–June 19, 1960
Third from left: Alberto Burri's Legno e bianco 1(Wood and White 1, 1956)
Photo: © Solomon R. Guggenheim Foundation, New York


Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …