Passa ai contenuti principali

Raffaele Quida per Apulia Land Art Festival alla galleria Orizzonti Arte Contemporanea di Ostuni

E’ la prima volta che l’artista salentino Raffaele Quida, espone ad Ostuni nella sede della galleria Orizzonti Arte ContemporaneaL’occasione è gradita in seguito all’invito alla partecipazione fatto alla stessa galleria Orizzonti con l’inserimento nel circuito di eventi d’arte promosso dell’Apulia Land Art Festival che quest’anno si terrà proprio ad Ostuni dal 4 al 6 settembre prossimo.


Quida concentra la sua indagine sul divenire dell’Esistere, l’esserci come traccia in transito. Le sue opere ruotano intorno a nodi tematici che si intrecciano e si intessono: le relazioni tra corpi ed eventi fisici, il tempo e lo spazio, l’assenza e il ritorno alla materia, l’epica e la poetica del vuoto.
L'installazione site specific "Sentinelle", è stata pensata e realizzata seguendo il tema dell'edizione 2015 dell’Apulia Art Land Festival: AgriCulturLand.
Vecchi cancelli recuperati in campagne abbandonate, dove per secoli sono stati posti dall'uomo a guardia dei propri appezzamenti di terreno, vengono qui "riutilizzati" dall' artista.
Posti al centro di un ambiente asettico, vuoto e silenzioso, sono disposti a "fare quadrato" intorno ad uno spazio nel tentativo di proteggere il territorio che oggi più che mai sfugge al controllo ed alla cura dell'uomo.
Quattro sentinelle vengono dal passato a difesa della tradizione contadina e dell'agricoltura locale.
Si configura in questa installazione la dialettica che rimane costante nel lavoro di Quida che lo porta all' uso di materiali e oggetti di arredamento appartenenti al passato e alla memoria dell’architettura, destinati a rendere l'idea dello spazio, dei suoi confini e del suo contenuto.

Raffaele Quida
L'artista ha preso parte a numerose mostre collettive e personali in gallerie spazi pubblici e Musei; tra le più recenti ricordiamo:
"Luce 01", Palazzo Mongiò dell’Elefante della Torre, rispondendo al tema scelto dall’Unesco, installazioni di: Matthias Bitzer, Pierluigi Calignano, Sarah Ciracì, Flavio Favelli, Marco Magni, Riccardo Previdi, Luigi Presicce, Raffaele Quida, progetto curato da Antonella Marino, con la collaborazione delle gallerie Francesca Minini di Milano e Cosessantuno di Taranto, promossa da Christian Pizzinini e Antonio Scolari.
“Et in Arcadia Ego” a cura di Efisio Carbone, nell'ambito del progetto di Wanda Nazzari, Centro sperimentale Man Ray Cittadella dei Musei Cagliari.
“E’” Raffaele Quida e Tamara Repetto a cura di Michela Casavola, Palazzo Mongiò - Galatina (LE).
“Acqua” ideato da Galleria Co.61 ed a cura di Lorenzo Madaro, MUST (Museo storico città di Lecce).
“N-Gramma”, Palazzo Pantaleo Taranto.
“In viaggio con Calvino” Acquario Romano sede della Casa dell'Architettura Roma, Comitato d'onore Alfonso Giancotti (Presidente della Casa dell' Architettura), Renzo Piano, Margherita Guccione (Direttore Maxxi Architettura) e Philippe Daverio.
"No Panic" progetto della Galleria Co.61, Biblioteca Provinciale Nicola Bernardini di Lecce in mostra l'installazione Site-Specific "Caution" di Raffaele Quida e il video "Celestial Threshers di Sarah Ciracì.
"Post Avanguardia" (Catalogo “La materia è il colore” edito da Giorgio Mondadori), Castello Malaspina - Massa Carrara - e Castello degli Estensi - Ferrara.
“Proliferazione segnica” Museo Civico “Genna Maria” in Villanovaforru (Ca), a cura di Ubaldo Badas.
Biennale di Venezia 2011 - Padiglione Italia per la Regione Puglia.
Arte Fiera di Bologna 2011 - Reggio Emilia Galleria Greco Arte Firenze.
Gallery of Art - Temple University Roma, con una sezione di opere del Futurista Mino Delle Site.

SENTINELLE
DI RAFFAELE QUIDA

In occasione dell’Apulia Land Art Festival
A cura di
Orizzonti Arte Contemporanea

Vernissage:
Venerdì 4 settembre 2015
Ore 20:30
Dal 4 al 6 SETTEMBRE 2015
Orario: tutti i giorni 10 – 22

Luogo:
GALLERIA ORIZZONTI ARTE CONTEMPORANEA
Piazzetta Cattedrale (centro storico)
72017 Ostuni (Br)
Tel. 0831.335373 – Cell. 348.8032506
F: OrizzontiArteContemporanea


Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …