Passa ai contenuti principali

Raffaele Quida per Apulia Land Art Festival alla galleria Orizzonti Arte Contemporanea di Ostuni

E’ la prima volta che l’artista salentino Raffaele Quida, espone ad Ostuni nella sede della galleria Orizzonti Arte ContemporaneaL’occasione è gradita in seguito all’invito alla partecipazione fatto alla stessa galleria Orizzonti con l’inserimento nel circuito di eventi d’arte promosso dell’Apulia Land Art Festival che quest’anno si terrà proprio ad Ostuni dal 4 al 6 settembre prossimo.


Quida concentra la sua indagine sul divenire dell’Esistere, l’esserci come traccia in transito. Le sue opere ruotano intorno a nodi tematici che si intrecciano e si intessono: le relazioni tra corpi ed eventi fisici, il tempo e lo spazio, l’assenza e il ritorno alla materia, l’epica e la poetica del vuoto.
L'installazione site specific "Sentinelle", è stata pensata e realizzata seguendo il tema dell'edizione 2015 dell’Apulia Art Land Festival: AgriCulturLand.
Vecchi cancelli recuperati in campagne abbandonate, dove per secoli sono stati posti dall'uomo a guardia dei propri appezzamenti di terreno, vengono qui "riutilizzati" dall' artista.
Posti al centro di un ambiente asettico, vuoto e silenzioso, sono disposti a "fare quadrato" intorno ad uno spazio nel tentativo di proteggere il territorio che oggi più che mai sfugge al controllo ed alla cura dell'uomo.
Quattro sentinelle vengono dal passato a difesa della tradizione contadina e dell'agricoltura locale.
Si configura in questa installazione la dialettica che rimane costante nel lavoro di Quida che lo porta all' uso di materiali e oggetti di arredamento appartenenti al passato e alla memoria dell’architettura, destinati a rendere l'idea dello spazio, dei suoi confini e del suo contenuto.

Raffaele Quida
L'artista ha preso parte a numerose mostre collettive e personali in gallerie spazi pubblici e Musei; tra le più recenti ricordiamo:
"Luce 01", Palazzo Mongiò dell’Elefante della Torre, rispondendo al tema scelto dall’Unesco, installazioni di: Matthias Bitzer, Pierluigi Calignano, Sarah Ciracì, Flavio Favelli, Marco Magni, Riccardo Previdi, Luigi Presicce, Raffaele Quida, progetto curato da Antonella Marino, con la collaborazione delle gallerie Francesca Minini di Milano e Cosessantuno di Taranto, promossa da Christian Pizzinini e Antonio Scolari.
“Et in Arcadia Ego” a cura di Efisio Carbone, nell'ambito del progetto di Wanda Nazzari, Centro sperimentale Man Ray Cittadella dei Musei Cagliari.
“E’” Raffaele Quida e Tamara Repetto a cura di Michela Casavola, Palazzo Mongiò - Galatina (LE).
“Acqua” ideato da Galleria Co.61 ed a cura di Lorenzo Madaro, MUST (Museo storico città di Lecce).
“N-Gramma”, Palazzo Pantaleo Taranto.
“In viaggio con Calvino” Acquario Romano sede della Casa dell'Architettura Roma, Comitato d'onore Alfonso Giancotti (Presidente della Casa dell' Architettura), Renzo Piano, Margherita Guccione (Direttore Maxxi Architettura) e Philippe Daverio.
"No Panic" progetto della Galleria Co.61, Biblioteca Provinciale Nicola Bernardini di Lecce in mostra l'installazione Site-Specific "Caution" di Raffaele Quida e il video "Celestial Threshers di Sarah Ciracì.
"Post Avanguardia" (Catalogo “La materia è il colore” edito da Giorgio Mondadori), Castello Malaspina - Massa Carrara - e Castello degli Estensi - Ferrara.
“Proliferazione segnica” Museo Civico “Genna Maria” in Villanovaforru (Ca), a cura di Ubaldo Badas.
Biennale di Venezia 2011 - Padiglione Italia per la Regione Puglia.
Arte Fiera di Bologna 2011 - Reggio Emilia Galleria Greco Arte Firenze.
Gallery of Art - Temple University Roma, con una sezione di opere del Futurista Mino Delle Site.

SENTINELLE
DI RAFFAELE QUIDA

In occasione dell’Apulia Land Art Festival
A cura di
Orizzonti Arte Contemporanea

Vernissage:
Venerdì 4 settembre 2015
Ore 20:30
Dal 4 al 6 SETTEMBRE 2015
Orario: tutti i giorni 10 – 22

Luogo:
GALLERIA ORIZZONTI ARTE CONTEMPORANEA
Piazzetta Cattedrale (centro storico)
72017 Ostuni (Br)
Tel. 0831.335373 – Cell. 348.8032506
F: OrizzontiArteContemporanea


Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…