Passa ai contenuti principali

Heroes alla galleria Davide Gallo

Il giorno 22 settembre la galleria Davide Gallo presenta la mostra “Heroes”, una collettiva che include opere di Dionisis Kavallieratos, Luca Vitone, Kristine Oppenheim, Nicola Gobetto, Vedovamazzei.

“La civiltà tardo capitalista ha prodotto nuovi scenari di esistenza. Lo stato assurdo del desiderio diventa malattia, eroe è colui chiamato in causa per superarla. Ma non sempre vi riesce.” Dice Simeone Crispino, uno dei due Vedovamazzei. Una sedia a rotelle, un episodio realmente accaduto, un ragazzino che mette alla prova se stesso e sfida l’impossibile, immaginando di conquistare l’azzurro e il rosa dell’orizzonte marino. Eroe è colui che trasforma, attraverso l’uso dell’immaginazione creativa, il limite dell’impossibile in stimolo del possibile, secondo Vedovamazzei.

Anche per Dionisis Kavallieratos l’immaginazione è veicolo di salvezza, non per la sua capacità di saper trasformare, ma perché mette il piccolo uomo di fronte alle sue paure, ai suoi arcani timori, simbolizzati da un’araba fenice che trasporta sulle ali feticci di antiche divinità legate a culti antichi e cruenti: Pazuzu, Lilith, Ra, e la Sfinge. Riuscirà il piccolo uomo a vincere la proiezione delle sue paure ancestrali e trasformare se stesso in eroe?

Che questa presa di coscienza di fragilità, e quindi di umanità, possa essere il vero atteggiamento “eroico” della vita, appare chiaro anche nel lavoro di Nicola Gobbetto, dove l’eroe classico, Achille, “entra in contraddizione con l’immaginario collettivo che lo vuole stereotipo di invulnerabilità”, secondo le parole di Gobbetto. Un eroe a volte stanco, ironicamente ripiegato su se stesso, che oramai assomiglia più ad un uomo comune nei panni di un personaggio da copertina. Ma in tale ironia, il fragile uomo redime se stesso.

Non sempre, però, ironia e consapevolezza salvano, riportando l’individuo al piano del “reale”. Quando l’individuo è illuminato dal genio creativo, spesso la grandezza diventa condanna, ci ammonisce Kristin Oppenheim. La vita in questi casi si trasforma in un’escalation di eccessi, e il “piccolo uomo”, per assurgere all’olimpo degli immortali, deve consumare se stesso. Byron, Rimabud, Bacon, la lista è lunga e include anche i nuovi miti, come le rockstar, che dopo aver bruciato la vita nel fuoco del successo, con la morte precoce hanno reso immortali i loro nomi. Kristin Oppenheim, con delicatezza e sensibilità, racconta il mal di vivere, la solitudine, di Kurt Cobain, leader dei Nirvana. Kristin non urla il dolore di Curt, lo sussurra, ma scandisce bene le parole. La sua audio istallazione ha lo scopo di far penetrare nel profondo ogni sillaba di quel dolore, e di quella immensa solitudine.

La solitudine del potere, il gioco di chi lo detiene e lo esercita in modo occulto, sono l’oggetto della narrazione artistica di Luca Vitone, che con la sua opera “Souvenir d’Italie” denuncia la macabra, ma seducente potenzialità distruttiva delle lobby di potere. Il simbolo magico-esoterico era già stato utilizzato da Vitone, prima a Parigi nel 2010, poi a Bologna nel 2014. In quest’ultima circostanza, l’opera, cinque sculture sospese in aria sul cavalcavia Matteotti, si presentava con una evidente “monumentalità”, in contrasto però con la sua struttura, leggera, in legno e luci. La versione aggiornata di “Souvenir d’Italie”, inverte il rapporto tra monumentalità ed esperienza formale. L’opera infatti è in marmo, materiale tipico del monumento, ma eseguita in scala ridotta, secondo un principio che mette in crisi l’idea stessa del monumento. Ed è in questa crisi, nell’inversione del rapporto tra monumentalità e sua scala espressiva, che si esprime il fascino, ermetico e vagamente ambiguo, di quest’ultimo, inedito, lavoro di Luca Vitone.

La mostra “Heroes” sarà visitabile tutti i giorni, dalle 15,30 alle 19, eccetto domenica e lunedì, e chiuderà sabato 7 novembre 2015.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…