Passa ai contenuti principali

Heroes alla galleria Davide Gallo

Il giorno 22 settembre la galleria Davide Gallo presenta la mostra “Heroes”, una collettiva che include opere di Dionisis Kavallieratos, Luca Vitone, Kristine Oppenheim, Nicola Gobetto, Vedovamazzei.

“La civiltà tardo capitalista ha prodotto nuovi scenari di esistenza. Lo stato assurdo del desiderio diventa malattia, eroe è colui chiamato in causa per superarla. Ma non sempre vi riesce.” Dice Simeone Crispino, uno dei due Vedovamazzei. Una sedia a rotelle, un episodio realmente accaduto, un ragazzino che mette alla prova se stesso e sfida l’impossibile, immaginando di conquistare l’azzurro e il rosa dell’orizzonte marino. Eroe è colui che trasforma, attraverso l’uso dell’immaginazione creativa, il limite dell’impossibile in stimolo del possibile, secondo Vedovamazzei.

Anche per Dionisis Kavallieratos l’immaginazione è veicolo di salvezza, non per la sua capacità di saper trasformare, ma perché mette il piccolo uomo di fronte alle sue paure, ai suoi arcani timori, simbolizzati da un’araba fenice che trasporta sulle ali feticci di antiche divinità legate a culti antichi e cruenti: Pazuzu, Lilith, Ra, e la Sfinge. Riuscirà il piccolo uomo a vincere la proiezione delle sue paure ancestrali e trasformare se stesso in eroe?

Che questa presa di coscienza di fragilità, e quindi di umanità, possa essere il vero atteggiamento “eroico” della vita, appare chiaro anche nel lavoro di Nicola Gobbetto, dove l’eroe classico, Achille, “entra in contraddizione con l’immaginario collettivo che lo vuole stereotipo di invulnerabilità”, secondo le parole di Gobbetto. Un eroe a volte stanco, ironicamente ripiegato su se stesso, che oramai assomiglia più ad un uomo comune nei panni di un personaggio da copertina. Ma in tale ironia, il fragile uomo redime se stesso.

Non sempre, però, ironia e consapevolezza salvano, riportando l’individuo al piano del “reale”. Quando l’individuo è illuminato dal genio creativo, spesso la grandezza diventa condanna, ci ammonisce Kristin Oppenheim. La vita in questi casi si trasforma in un’escalation di eccessi, e il “piccolo uomo”, per assurgere all’olimpo degli immortali, deve consumare se stesso. Byron, Rimabud, Bacon, la lista è lunga e include anche i nuovi miti, come le rockstar, che dopo aver bruciato la vita nel fuoco del successo, con la morte precoce hanno reso immortali i loro nomi. Kristin Oppenheim, con delicatezza e sensibilità, racconta il mal di vivere, la solitudine, di Kurt Cobain, leader dei Nirvana. Kristin non urla il dolore di Curt, lo sussurra, ma scandisce bene le parole. La sua audio istallazione ha lo scopo di far penetrare nel profondo ogni sillaba di quel dolore, e di quella immensa solitudine.

La solitudine del potere, il gioco di chi lo detiene e lo esercita in modo occulto, sono l’oggetto della narrazione artistica di Luca Vitone, che con la sua opera “Souvenir d’Italie” denuncia la macabra, ma seducente potenzialità distruttiva delle lobby di potere. Il simbolo magico-esoterico era già stato utilizzato da Vitone, prima a Parigi nel 2010, poi a Bologna nel 2014. In quest’ultima circostanza, l’opera, cinque sculture sospese in aria sul cavalcavia Matteotti, si presentava con una evidente “monumentalità”, in contrasto però con la sua struttura, leggera, in legno e luci. La versione aggiornata di “Souvenir d’Italie”, inverte il rapporto tra monumentalità ed esperienza formale. L’opera infatti è in marmo, materiale tipico del monumento, ma eseguita in scala ridotta, secondo un principio che mette in crisi l’idea stessa del monumento. Ed è in questa crisi, nell’inversione del rapporto tra monumentalità e sua scala espressiva, che si esprime il fascino, ermetico e vagamente ambiguo, di quest’ultimo, inedito, lavoro di Luca Vitone.

La mostra “Heroes” sarà visitabile tutti i giorni, dalle 15,30 alle 19, eccetto domenica e lunedì, e chiuderà sabato 7 novembre 2015.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…