Passa ai contenuti principali

Maria Teresa Mazzei Fabbricotti - Essere un'artista

MEDAGLIA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

ESSERE UN’ARTISTA
MARIA TERESA MAZZEI FABBRICOTTI

a cura di Alessandra Fulvia Celi
Opening Giovedì 25 agosto ore 18:30

Intervengono

Alberto Pincione
Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara
Giovanna Bernardini
Assessore alla Cultura del Comune di Carrara
Tiziano Panconi
Storico dell’arte specialista nella pittura dell’ 800 italiano

Giovedì 25 agosto 2016, ore 18.30
Palazzo Binelli 
Via Giuseppe Verdi 1, Carrara

La mostra resterà aperta fino al 22 settembre 2016
lunedì 10-13 / 15-17
martedì e mercoledì 10-13 / 15-17 / 19-22
giovedì e venerdì 10-13 / 15-17 / 19-23.30
sabato e domenica 19-23.30
info: associazionescritture@hotmail.it 


Per la mamma restava meta capitale di quegli anni giovanili il matrimonio e non l’attività artistica, neanche se mi avesse portata a guadagnare qualcosa. Per noi vedeva il matrimonio d’amore se possibile, il matrimonio di convenienza altrimenti: dovevamo essere pronte ad andare all’altare con un uomo retto e sicuro anche se non entusiaste. Era la spada di Damocle sotto la quale dovevamo passare armate di senso del dovere e di adattamento alla realtà. 
[Maria Teresa Mazzei Fabbricotti, anni ’60]


Nell’ambito delle iniziative di Carrara Marble Weeks, a partire da giovedì 25 agosto le stanze di palazzo Binelli, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, si apriranno al colore delicato degli acquerelli e al carattere deciso degli scritti di un’artista, apuana di adozione, divenuta emblema di una generazione tempratasi tra due guerre mondiali; verrà messo in mostra il lavoro di una donna che dalla difficoltà ha sviluppato una resilienza capace di sortire un riscatto sociale, nell’arte quanto nell’emancipazione femminile, vero simbolo del Novecento, moderna e volitiva. 

Maria Teresa Fabbricotti: una donna che ha scelto di “Essere un’artista”.
La storia di questo personaggio particolarissimo, la cui vita non fu mai separata dalla vena pittorica, è stata ricostruita nel libro: Maria Teresa Mazzei Fabbricotti, da Firenze a Carrara una passione per l’arte e destini familiari 1893-1977 di Alessandra F. Celi, curatrice della mostra insieme all’Associazione “Scritture Femminili, memorie di donne”. 

Come illustra l’autrice, il destino della giovane Maria Teresa Mazzei, fiorentina di nascita, si compie attraverso il matrimonio con Carlo Fabbricotti, grande imprenditore del marmo, con il quale si trasferisce a Carrara: è qui che Maria Teresa vive il tempo bellico e il sovvertimento dei valori del tempo, rimanendo straordinariamente forte nelle avversità. Notevole seguire il percorso artistico di questa silenziosa riformatrice, un’evoluzione che si snoda a partire dal 1911 attraverso le lezioni di Cesare Ciani della scuola di Giovanni Fattori.

Un’esposizione intensa, composta da circa una sessantina fra tele ad olio ed acquerelli e percorsa dalla coinvolgente scrittura, tratta dal diario che l’artista tenne durante tutta la sua vita. 
Nella sua apertura al pubblico una cerimonia d’inaugurazione ricorderà Maria Teresa Fabbricotti attraverso la lettura di alcuni brani scelti: a dimostrazione di quanto fosse unico il suo punto di vista; lo sguardo graffiante, di una donna che tenta di emergere in un mondo troppo spesso declinato solo al maschile.

Il catalogo della mostra Essere un’artista. Maria Teresa Fabbricotti è edito da Polistampa. 

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…