Passa ai contenuti principali

Maria Teresa Mazzei Fabbricotti - Essere un'artista

MEDAGLIA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

ESSERE UN’ARTISTA
MARIA TERESA MAZZEI FABBRICOTTI

a cura di Alessandra Fulvia Celi
Opening Giovedì 25 agosto ore 18:30

Intervengono

Alberto Pincione
Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara
Giovanna Bernardini
Assessore alla Cultura del Comune di Carrara
Tiziano Panconi
Storico dell’arte specialista nella pittura dell’ 800 italiano

Giovedì 25 agosto 2016, ore 18.30
Palazzo Binelli 
Via Giuseppe Verdi 1, Carrara

La mostra resterà aperta fino al 22 settembre 2016
lunedì 10-13 / 15-17
martedì e mercoledì 10-13 / 15-17 / 19-22
giovedì e venerdì 10-13 / 15-17 / 19-23.30
sabato e domenica 19-23.30
info: associazionescritture@hotmail.it 


Per la mamma restava meta capitale di quegli anni giovanili il matrimonio e non l’attività artistica, neanche se mi avesse portata a guadagnare qualcosa. Per noi vedeva il matrimonio d’amore se possibile, il matrimonio di convenienza altrimenti: dovevamo essere pronte ad andare all’altare con un uomo retto e sicuro anche se non entusiaste. Era la spada di Damocle sotto la quale dovevamo passare armate di senso del dovere e di adattamento alla realtà. 
[Maria Teresa Mazzei Fabbricotti, anni ’60]


Nell’ambito delle iniziative di Carrara Marble Weeks, a partire da giovedì 25 agosto le stanze di palazzo Binelli, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, si apriranno al colore delicato degli acquerelli e al carattere deciso degli scritti di un’artista, apuana di adozione, divenuta emblema di una generazione tempratasi tra due guerre mondiali; verrà messo in mostra il lavoro di una donna che dalla difficoltà ha sviluppato una resilienza capace di sortire un riscatto sociale, nell’arte quanto nell’emancipazione femminile, vero simbolo del Novecento, moderna e volitiva. 

Maria Teresa Fabbricotti: una donna che ha scelto di “Essere un’artista”.
La storia di questo personaggio particolarissimo, la cui vita non fu mai separata dalla vena pittorica, è stata ricostruita nel libro: Maria Teresa Mazzei Fabbricotti, da Firenze a Carrara una passione per l’arte e destini familiari 1893-1977 di Alessandra F. Celi, curatrice della mostra insieme all’Associazione “Scritture Femminili, memorie di donne”. 

Come illustra l’autrice, il destino della giovane Maria Teresa Mazzei, fiorentina di nascita, si compie attraverso il matrimonio con Carlo Fabbricotti, grande imprenditore del marmo, con il quale si trasferisce a Carrara: è qui che Maria Teresa vive il tempo bellico e il sovvertimento dei valori del tempo, rimanendo straordinariamente forte nelle avversità. Notevole seguire il percorso artistico di questa silenziosa riformatrice, un’evoluzione che si snoda a partire dal 1911 attraverso le lezioni di Cesare Ciani della scuola di Giovanni Fattori.

Un’esposizione intensa, composta da circa una sessantina fra tele ad olio ed acquerelli e percorsa dalla coinvolgente scrittura, tratta dal diario che l’artista tenne durante tutta la sua vita. 
Nella sua apertura al pubblico una cerimonia d’inaugurazione ricorderà Maria Teresa Fabbricotti attraverso la lettura di alcuni brani scelti: a dimostrazione di quanto fosse unico il suo punto di vista; lo sguardo graffiante, di una donna che tenta di emergere in un mondo troppo spesso declinato solo al maschile.

Il catalogo della mostra Essere un’artista. Maria Teresa Fabbricotti è edito da Polistampa. 

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Dardano, il cavaliere dal mantello svolazzante

Domenica 17 marzo, dalle ore 10:30, presso il Museo della Città e del Territorio di Cori (LT), si volgerà l’ultimo appuntamento del ciclo di letture animate e laboratori per le famiglie “Che Mito! Storie e leggende dalla collezione museale e dal territorio”. Il progetto è ideato e realizzato dall’associazione culturale Arcadia nell’ambito dei Servizi Educativi del Museo, con la collaborazione della “Libreria Anacleto” di Cisterna di Latina ed “Utopia 2000” Società Cooperativa Sociale Onlus, patrocinato dal Comune di Cori.
Protagonisti dell’incontro saranno i fondatori mitici dell’antica Cora (tra i quali Dardano) e le copie delle monete coniate nel III secolo a.C. raffiguranti al rovescio un cavaliere all’assalto con lancia, corta spada, mantello e petaso, in cui è presente la scritta “CORANO”. Probabilmente la figura simboleggia il fondatore mitico della città.
Nella sezione relativa ai miti di fondazione si ascolteranno i tre filoni leggendari sulla nascita di Cori: Plinio e Solino, r…