Passa ai contenuti principali

Maria Teresa Mazzei Fabbricotti - Essere un'artista

MEDAGLIA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

ESSERE UN’ARTISTA
MARIA TERESA MAZZEI FABBRICOTTI

a cura di Alessandra Fulvia Celi
Opening Giovedì 25 agosto ore 18:30

Intervengono

Alberto Pincione
Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara
Giovanna Bernardini
Assessore alla Cultura del Comune di Carrara
Tiziano Panconi
Storico dell’arte specialista nella pittura dell’ 800 italiano

Giovedì 25 agosto 2016, ore 18.30
Palazzo Binelli 
Via Giuseppe Verdi 1, Carrara

La mostra resterà aperta fino al 22 settembre 2016
lunedì 10-13 / 15-17
martedì e mercoledì 10-13 / 15-17 / 19-22
giovedì e venerdì 10-13 / 15-17 / 19-23.30
sabato e domenica 19-23.30
info: associazionescritture@hotmail.it 


Per la mamma restava meta capitale di quegli anni giovanili il matrimonio e non l’attività artistica, neanche se mi avesse portata a guadagnare qualcosa. Per noi vedeva il matrimonio d’amore se possibile, il matrimonio di convenienza altrimenti: dovevamo essere pronte ad andare all’altare con un uomo retto e sicuro anche se non entusiaste. Era la spada di Damocle sotto la quale dovevamo passare armate di senso del dovere e di adattamento alla realtà. 
[Maria Teresa Mazzei Fabbricotti, anni ’60]


Nell’ambito delle iniziative di Carrara Marble Weeks, a partire da giovedì 25 agosto le stanze di palazzo Binelli, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, si apriranno al colore delicato degli acquerelli e al carattere deciso degli scritti di un’artista, apuana di adozione, divenuta emblema di una generazione tempratasi tra due guerre mondiali; verrà messo in mostra il lavoro di una donna che dalla difficoltà ha sviluppato una resilienza capace di sortire un riscatto sociale, nell’arte quanto nell’emancipazione femminile, vero simbolo del Novecento, moderna e volitiva. 

Maria Teresa Fabbricotti: una donna che ha scelto di “Essere un’artista”.
La storia di questo personaggio particolarissimo, la cui vita non fu mai separata dalla vena pittorica, è stata ricostruita nel libro: Maria Teresa Mazzei Fabbricotti, da Firenze a Carrara una passione per l’arte e destini familiari 1893-1977 di Alessandra F. Celi, curatrice della mostra insieme all’Associazione “Scritture Femminili, memorie di donne”. 

Come illustra l’autrice, il destino della giovane Maria Teresa Mazzei, fiorentina di nascita, si compie attraverso il matrimonio con Carlo Fabbricotti, grande imprenditore del marmo, con il quale si trasferisce a Carrara: è qui che Maria Teresa vive il tempo bellico e il sovvertimento dei valori del tempo, rimanendo straordinariamente forte nelle avversità. Notevole seguire il percorso artistico di questa silenziosa riformatrice, un’evoluzione che si snoda a partire dal 1911 attraverso le lezioni di Cesare Ciani della scuola di Giovanni Fattori.

Un’esposizione intensa, composta da circa una sessantina fra tele ad olio ed acquerelli e percorsa dalla coinvolgente scrittura, tratta dal diario che l’artista tenne durante tutta la sua vita. 
Nella sua apertura al pubblico una cerimonia d’inaugurazione ricorderà Maria Teresa Fabbricotti attraverso la lettura di alcuni brani scelti: a dimostrazione di quanto fosse unico il suo punto di vista; lo sguardo graffiante, di una donna che tenta di emergere in un mondo troppo spesso declinato solo al maschile.

Il catalogo della mostra Essere un’artista. Maria Teresa Fabbricotti è edito da Polistampa. 

Post popolari in questo blog

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

Maurizio Cilli protagonista di #WunderKit

Oggetti misteriosi, oggetti trovati per strada, regalati, rubati, oggetti presi dalla loro cassetta degli attrezzi, talismani e odradek autobiografici, oggetti totalmente inutili ma belli, oggetti transitori e anti-stress, oggetti che odorano di nuovo e oggetti antichi, oggetti che perseguitano, che ispirano. Due volte al mese, all’ora dell’aperitivo, BASE Milano presenta #WunderKit, un momento di incontro informale con un artigiano creativo per raccontare al pubblico gli oggetti che compongono il suo personale kit di mirabilia.


Giovedì 10 maggio, dalle ore 19.00 alle ore 20.00, l’appuntamento sarà con l’artista e architetto Maurizio Cilli che - proprio all’interno del programma di residenza artistica proposto da BASE nell’ambito della mostra 999 domande sull’abitare contemporaneo presentata a La Triennale di Milano - ha dato vita al progetto “senza casa, senza cosa?” dedicato a uno dei fenomeni più urgenti delle grandi città: il disagio estremo di chi vive senza una casa.
Un progetto c…