Passa ai contenuti principali

Magister Giotto

La grande mostra multimediale MAGISTER GIOTTO, in occasione delle Celebrazioni dei 750 anni dalla nascita GIOTTO (Colle di Vespignano 1267 - Firenze 1337), è la prima delle tre esposizioni che compongono la trilogia MAGISTER - annualmente dedicate a grandi Maestri dell'arte italiana:  GIOTTO (tardo Medioevo), CANOVA (Neoclassico, estate 2018) e RAFFAELLO (Rinascimento, estate 2019) - e viene presentata negli spazi della monumentale Scuola Grande della Misericordia di Venezia dal 13 luglio al 5 novembre 2017.

Il progetto espositivo - di alto rigore scientifico e impegno scenografico e filmico - fa parte del format MAGISTER - prodotto da Cose Belle d'Italia Media Entertainment  per promuovere il pensiero e l'arte italiana a livello internazionale dove la cultura sia intesa come forma di intrattenimento con valore universale.

Ogni mostra prevede la collaborazione di puntuali Comitati Scientifici costituiti dai principali studiosi di ogni artista per  coniugare in maniera originale e innovativa ricerca artistica e tecnologia multimediale con le ulteriori collaborazioni di autori della cultura italiana come musicisti, scrittori, attori, scenografi per creare percorsi culturali unici e contemporanei.

La mostra MAGISTER GIOTTO  ha la direzione artistica di Luca Mazzieri, autore e regista, e la direzione  esecutiva di  Alessandra Costantini, architetto e progettista.
E' curata da Alessandro Tomei, professore ordinario di storia dell'arte medievale presso l'Università "G. D'Annunzio", Chieti-Pescara e da Giuliano Pisani, filologo classico e storico dell'arte membro del Comitato dei Garanti per la Cultura Classica del MIUR.

Il Comitato Scientifico è formato da Cesare Barbieri, professore emerito di astronomia presso l'Università di Padova e Stefania Paone, professore aggregato di storia dell'arte medievale presso l'Università della Calabria a Cosenza .
La mostra si avvale anche della consulenza scientifica di Serena Romano Gosetti di Sturmeck, professore ordinario di storia dell'arte medievale presso l'Università di Losanna. 

La mostra è allestita negli ampi spazi della Scuola Grande della Misericordia - per un totale di 28.000 metri cubi (il secondo spazio veneziano per ampiezza dopo Palazzo Ducale) -  e il percorso espositivo  (della durata di circa 45 minuti) si snoda tra il piano terra e il primo piano, nei quali il visitatore, è accompagnato dalla voce dal celebre attore Luca Zingaretti per la narrazione dei testi, e dalla drammaturgia musicale originale del noto compositore contemporaneo Paolo Fresu, entrambi i contenuti diffusi in una cuffia professionale a padiglioni auricolari di sofisticato design.

La produzione artistica di Giotto è narrata attraverso un percorso VERBALE - VISIVO - MUSICALE nel quale il pubblico può comprendere la rivoluzione compiuta dalla sua opera nel tardo Medioevo, che ha rinnovato l'arte occidentale aprendo la strada al Rinascimento verso l'età moderna. Il visitatore verrà accolto nell'immensa navata d'ingresso dall'imponente Croce del Presepe Greccio, ricostruita, su ispirazione di quella dell'affresco, come una installazione spiritualmente  tridimensionale, e prosegue al primo piano nella sequenza di sette ambienti di grande impatto percettivo realizzati con una speciale architettura tessile.

Le storie francescane di Assisi, la Cappella degli Scrovegni di Padova, i maestosi Crocifissi e le altre opere del Maestro realizzate a Firenze sono alla base dell'impianto narrativo del piano primo, che si conclude con la Missione Giotto nel 1986, realizzata dall'Agenzia Spaziale Europea, che per la prima volta nella storia intercettò la Cometa di Halley, dipinta nell'Adorazione dei Magi della Cappella degli Scrovegni a Padova.

L'obiettivo di MAGISTER GIOTTO è consentire al pubblico, di età e provenienza diverse, di compiere un percorso culturale e artistico di alto profilo nel quale allestimento, conoscenza, spettacolo si fondono per creare un'unica esperienza di coinvolgimento empatico e partecipazione individuale.
La mostra è corredata dal catalogo FMR e dal volume di pregio in tiratura limitata pubblicato da UTET Grandi Opere.

Da Venezia, scelta per la presentazione al mondo del format MAGISTER in qualità di capitale internazionale dell'arte, prenderanno avvio tour espositivi internazionali delle mostre: MAGISTER GIOTTO infatti verrà presentata nella primavera 2018 a Tokyo e Kyoto in Giappone.

Cose Belle d’Italia Media Entertainment
Cose Belle d’Italia Media Entertainment è una società collegata al Gruppo Cose Belle d’Italia, nata per ampliare l’offerta di creazione di contenuti attraverso la produzione di format ideati, creati, gestiti e distribuiti sul mercato italiano e a livello internazionale con un approccio etico e culturale per comunicare e generare ricchezza.
Cose Belle d'Italia S.p.A. aggrega realtà italiane rappresentanti l'eccellenza del Made in Italy. Cose Belle d'Italia le acquista, preserva e valorizza all'interno di un sistema integrato che si richiama ai valori eterni della bellezza, della cultura e del "bel vivere" italiani. Il Gruppo opera trasversalmente in ogni settore, creando valore e favorendo il propagarsi delle stesse eccellenze tra le partecipate. Le aziende del Gruppo sono: CBdI Media Entertainment, Alberto del Biondi, Vismara Marine, FMR, UTET Grandi Opere, Arte del Libro, Industria del Design, Imbarcazioni d’Italia con i marchi Apreamare e Maestro, Antica Tostatura Triestina, Feletti, Maestria e i marchi Laverda Collezioni e Nerocarbonio. Cose Belle d’Italia ha inoltre creato Polo Intrattenimento che ingloba riviste, siti web ed eventi dedicati al bel vivere italiano, quali Amadeus, Il Mondo del Golf Today, Sci – Il Mondo della Neve, La Madia Travelfood, Belvivere , Watch Digest e il portale www.belviveremedia.com. Controllata da Europa Investimenti Special Situations, Cose Belle d'Italia nasce nel 2013, in seguito alla definizione del proprio "Manifesto", che fissa i punti cardine cui si ispirano la visione e la missione del Gruppo. 

www.cosebelleditalia.com 


Info

www.magistergiotto.com
info@magistergiotto.com

Date: 13 luglio – 5 novembre 2017

Sede: Scuola Grande della Misericordia
Sestiere Cannaregio 3599
30121 Venezia

Percorso: 14 min. dalla Stazione Ferroviaria di Santa Lucia  e a 17 min. da Piazza San Marco

Servizi per il pubblico: guardaroba, bookshop, bar, wi-fi, ascensore e accesso ai disabili
Orari: aperto dal lunedì al giovedì, ore 10 – 20; venerdì e sabato, ore 10 – 22.30; domenica, ore 10 – 20

Ingressi: intero 18 Euro, ridotto 16 Euro; ulteriori riduzioni per i cittadini veneziani, gruppi, scuole, famiglie

Ufficio Stampa
Stefania Agnello
s.agnello@oliviamariotti.com
PR & Media Relations
Via delle Mantellate 15/a
00165 Roma
C: +39 328 8181181
T: +39 06 45506500
www.rem-pr.com

In collaborazione con 
Studio ESSECI di Sergio Campagnolo
Referente Stefania Bertelli: gestione1@studioesseci.net
Tel. 049663499

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…