Passa ai contenuti principali

Centro di Ricerca Arte Contemporanea

Venerdì 9 giugno 2017, alle ore 19.00, si inaugurerà a Taranto il CRAC - Centro di Ricerca Arte Contemporanea, nuovo spazio espositivo dedicato alla ricerca e progettazione sui linguaggi del contemporaneo, nonché sede dell’Archivio Storico Nazionale del Progetto d’Artista “PIANO EFFE”.

La nascita del CRAC, con il patrocinio e il sostegno dell'Assessorato Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, rappresenta l’avvio di un piano di sostegno e documentazione sull’arte, focalizzandosi primariamente sugli strumenti metodologici del disegno, dello studio preparatorio e della pianificazione di teorie e prassi della produzione artistica. Un impegno che guarda al processo – prima che al prodotto/opera – e che agisce come incubatore di azioni e interventi sul territorio.

Il progetto, sotto la direzione del critico d’arte Roberto Lacarbonara, la presidenza dell’artista Giulio De Mitri e con il coordinamento del comitato scientifico composto dagli storici dell’arte Bruno Corà e Renato Barilli, nasce per iniziativa della storica Fondazione Rocco Spani ONLUS, operante da oltre trent’anni nel campo della didattica museale e dell’infanzia.

La sede del CRAC, situata a Taranto, nell’ex Convento dei Padri Olivetani (sec. XIII) in Corso Vittorio Emanuele II 17, primo piano, ospita l'intera collezione dell’Archivio Storico Nazionale del Progetto d’Artista “PIANO EFFE”, avviata nel 2015 con la presenza di disegni e progetti di storici autori: Getulio Alviani, Massimo Barzagli, Carlo Bernardini, Joseph Beuys, Nicola Carrino, Angelo Casciello, Lucilla Catania, Bruno Ceccobelli, Pietro Coletta, Claudio Costa, Fernando De Filippi, Pietro Gilardi, Paolo Grassino, Iginio Iurilli, Luigi Mainolfi, Bruno Munari, Gianluca Murasecchi, Giulia Napoleone, Antonio Paradiso, Pino Pascali,Oliviero Rainaldi, Vitantonio Russo, Ettore Sordini, Giuseppe Spagnulo, Oscar Turco, Antonio Violetta (www.pianoeffe.it).
Negli spazi del CRAC saranno inoltre ospitate mostre temporanee, convegni, workshop, videoproiezioni, azioni performative e musicali.

In occasione dell’inaugurazione, il CRAC propone due mostre e due pubblicazioni:
- CRAC_volti&ritratti
GIUSEPPE SPAGNULO. Ritorno a Taranto
Dal 9 al 30 giugno 2017
Giuseppe Spagnulo. Ritorno a Taranto
Fotografie di Danilo De Mitri
Testi di Bruno Corà, Aldo Iori e Roberto Lacarbonara
Catalogo Gangemi

- CRAC_arte&ambiente
LUNGO LE ACQUE DEL BIDENTE, Progetti e installazioni del Parco Sculture di Santa Sofia
a cura di Renato Barilli
Dal 9 al 30 giugno 2017
Lungo le acque del Bidente
Testi di Renato Barilli, Caterina Mambrini e Roberto Lacarbonara
Catalogo Gangemi


CRAC Centro di Ricerca Arte Contemporanea
Ex Convento dei Padri Olivetani (sec. XIII)
74123 Taranto (Italia), Corso Vittorio Emanuele II, 17
Inaugurazione Venerdì 9 giugno 2017, ore 19.00
Orari di apertura: Mart-Ven 9.00-13.00, 16.00-18.00
Info: Tel / Fax 099-4713316 / rocco.spani@gmail.com




Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…