Passa ai contenuti principali

Presentazione del catalogo UNIVERSO FUTURISTA

La Fondazione Massimo e Sonia Cirulli è lieta di presentare al pubblico il catalogo della mostra UNIVERSO FUTURISTA.
Martedì 16 ottobre alle ore 18.30 ne parleranno in Fondazione Jeffrey T. Schnapp e Silvia Evangelisti, curatori della mostra e autori dei testi pubblicati nel volume e Daniele Ledda, direttore artistico dello studio Xycomm, Milano e autore della veste grafica del catalogo. L’incontro sarà moderato da Andrea Maioli, responsabile cultura e spettacoli Il Resto del Carlino.



L’appuntamento sarà strutturato come una piccola conferenza e affronterà il tema delle pubblicazioni d’arte in maniera nuova, cioè spiegando come sia ormai necessario andare oltre le formule standard del catalogo di mostre per sperimentare nuovi modelli che riflettano un approccio più agile e veloce alla documentazione delle esposizioni. Proprio come nel caso del catalogo di UNIVERSO FUTURISTA, il cui formato, slegato e ibrido, suggerisce un rapporto più fluido tra mostra e documento cartaceo.

Il volume è stampato in edizione limitata e si presenta come un originale set costituito da tredici fascicoli che introducono ognuno una tematica della mostra. I fascicoli, accompagnati dai testi critici di Pierpaolo Antonello, Silvia Evangelisti, Nicola Lucchi, Ara H. Merjian, Jeffrey T. Schnapp e Marco Scotti, sono suddivisi e raccolti in maniera casuale all’interno di buste sottovuoto in polietilene.

Jeffrey T. Schnapp è fondatore, direttore e docente di metaLAB ad Harvard e co-direttore del Berkman Klein Center for Internet and Society della Harvard University. È titolare della cattedra ‘Carl A. Pescosolido’ in Lingue e letterature romanze e Letterature comparate presso la Facoltà di Lettere e Scienze, è docente presso il Dipartimento di Architettura della Graduate School of Design di Harvard ed è affiliato al Critical Media Practice programme in Visual and Environmental Studies. Le sue pubblicazioni recenti riguardano l’età moderna e contemporanea, con particolare attenzione ai media, alla tecnologia, all'architettura, al design e alla storia del libro.

Silvia Evangelisti è critica d’arte, studiosa e docente nell’insegnamento delle Avanguardie e Neoavanguardie alla Laurea Magistrale in Arti Visive alla Scuola di Lettere e Beni Culturali dell'Università di Bologna. Laureata in Lettere moderne con tesi in Storia dell'arte contemporanea, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Storia dell'arte alla fine degli anni 80. Nel corso della sua lunga carriera ha ricoperto numerosi incarichi in ambito universitario e istituzionale. E’ stata è membro della Commissione Unicredit per l'Arte e Consulente e poi Direttore Artistico di Arte Fiera a Bologna. Dal 2017 è Consigliere nel Consiglio d'Amministrazione della Fondazione Marino Marini.


Programma

martedì 16 ottobre, ore 18.30
Presentazione del catalogo 
UNIVERSO FUTURISTA

interverranno
Jeffrey T. Schnapp
Silvia Evangelisti
curatori della mostra UNIVERSO FUTURISTA

Daniele Ledda
direttore artistico Xycomm, Milano

modera
Andrea Maioli
responsabile cultura e spettacoli Il Resto del Carlino

ore 19.30
aperitivo in Fondazione
  
Cocktail partners


Ingresso gratuito

Per ragioni organizzative la sera della presentazione
non sarà possibile visitare la mostra

Posti limitati - prenotazione obbligatoria

T. + 39 051 6288300
info@fondazionecirulli.org
www.fondazionecirulli.org

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …