Passa ai contenuti principali

Anatomia delle macerie al Festival internazionale del fumetto che si svolgerà dal 23 al 25 novembre a Bologna

E' nel segno di Guido Buzzelli (1927-1992), precursore e padre del moderno 'graphic novel' italiano, il primo atto della 12/a edizione di BilBOlBul, Festival internazionale del fumetto che si svolgerà dal 23 al 25 novembre a Bologna. 

Inaugura il 23 ottobre all'Accademia di Belle Arti la mostra 'Anatomia delle macerie', in collaborazione con la casa editrice Coconino Press-Fandango: un percorso tra 150 opere (tavole a fumetti, schizzi, bozzetti preparatori) e un omaggio alla visionarietà di Buzzelli e alla sua vena 'pasoliniana', critica nei confronti della società dei consumi.

Il 'Michelangelo dei mostri', come lo definì il critico Michel Grisolia, è stato autore di storie fantastiche pervase da un'amara vena di satira sociale.

Le opere sono divise in sei sezioni dedicate ai temi chiave della sua poetica: dopo l'apertura con 'La rivolta dei Racchi', considerato dalla critica il primo graphic novel italiano, si prosegue con Il corpo, Le macerie, La società e il potere, Il diavolo e L'artista. Il 23 novembre un convegno di studi - cui parteciperanno tra gli altri lo scrittore Vittorio Giacopini, il critico Matteo Stefanelli e l'autore di fumetti francese David B. - si propone di restituire alla figura di Buzzelli e alla sua opera la centralità che gli spetta nel panorama del fumetto del Novecento. Acclamato come 'il Goya italiano' per la bellezza e visionarietà delle sue tavole, vinse i premi Yellow Kid e Crayon d'Or.

'La rivolta dei Racchi', presentato nel '67 al Salone di Lucca, 'Labirinti' (1970) e 'Zil Zelub' (1972) sono stati di recente ripubblicati nel volume 'La Trilogia'. E in occasione della mostra esce, sempre per Coconino Press-Fandango, un nuovo volume antologico delle storie a fumetti di Buzzelli: 'Annalisa e il diavolo', con prefazione dello scrittore Emanuele Trevi.




Post popolari in questo blog

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

Olio d’Artista a Palazzo Tupputi

La città di Bisceglie, nella persona del Sindaco Avv. Vittorio Fata, ha il piacere di ospitare da giovedì 21 dicembre 2017 la prestigiosa mostra d’Arte Contemporanea “Olio d’Artista”.
La mostra, nata da un’idea dell’artista Francesco Sannicandro, e si pone come una singolare riflessione del mondo dell’arte verso uno dei prodotti tipici della nostra terra, la produzione dell’olio, e della laboriosità e grande capacità di esaltare, valorizzare e tornare a mettere in primo piano una delle produzioni agricole più importanti per la città di Bisceglie e di tutta la regione Puglia.
L’esposizione è concepita per essere sviluppata come un work-in-progress itinerante, sempre in corso d’opera, modulando gli allestimenti delle singole opere sempre in luoghi storici suggestivi, con sempre nuovi artisti, riuniti in questo ambizioso progetto, senza categorie estetiche o definizioni generazionali.
Il progetto espositivo “Olio d’Artista” prevede una rilettura e riuso del tradizionale contenitore dell’oli…