Passa ai contenuti principali

Realtà, meta-realtà e sogno

Colori allo stato puro che creano atmosfere irreali nelle quali sono spesso inseriti dei variopinti e imprevedibili personaggi fantastici. Si diverte a stupire l’artista toscano Paolo Scheggi nei dipinti che compongono la sua mostra personale dal titolo “Realtà, meta-realtà e sogno”, a cura di Maurizio Vanni, che aprirà i battenti nel Lu.C.C.A. Lounge & Underground il 16 ottobre 2018. La mostra, sostenuta da Sical Circe Restauri, resterà aperta al pubblico fino all’11 novembre 2018 con ingresso libero. L’incontro con l’artista e il curatore si terrà sabato 20 ottobre 2018 alle ore 17.



Le opere di Paolo Scheggi escono fuori dagli schemi convenzionali catapultandoci in un contesto che va al di là della logica e della razionalità. “Paolo Scheggi – scrive Maurizio Vanni – ha sempre cercato un collegamento consapevole con la sua parte più profonda, senza mai dimenticare il mondo che lo circonda alla ricerca di una tecnica che ha reso funzionale ai propri obiettivi artistici. La pittura è una cosa seria: non è un mezzo per rendere più lieve la propria esistenza o per ‘forzare’ la realtà attraverso ricorsi onirici, ma uno strumento per dare nuova vita alla vita attraverso forme, personaggi, colori, luci, oggetti e superfici che potrebbero non avere corrispondenza diretta con ciò che crediamo di aver visto”. 

Artista coraggioso e testimone del proprio tempo, Scheggi rimane coerente a se stesso mettendosi continuamente in gioco. Le sue visioni partono dal reale quotidiano per proiettarsi al di là verso una percezione altra. “Scheggi – prosegue Vanni – ci invita ad andare oltre il senso della vista proprio nel momento in cui non vuole determinare in un unico senso le sue opere. I volumi dei suoi personaggi, quasi mai troppo caratterizzati, si stagliano sopra qualunque fondo con la loro solitaria dignità, immersi nel silenzio di uno spazio statico seppur circondato da elementi funzionali alla narrazione visiva. Il suo personaggio-archetipo tende a demolire ogni convezione, ma al tempo stesso diventa ‘amico’ di chi lo osserva. Lo spettatore attento è, infatti, invitato a un vero e proprio viaggio, una sorta di esperienza iniziatica: ciò che un attimo prima aveva creato timore improvvisamente appare come un gioco di prestigio nel quale il mistero è solamente simulato”. 

Il suo gusto per il gioco si integra con quell’ironia esistenziale legata al suo disincanto per la vita. Ironia intesa come prendere le distanze, porre un’alternativa, concepire e definire un limite a sé e alle cose: la tentazione di chiedergli spiegazioni sui suoi dipinti è elevata, ma come ben sappiamo, un mago non svela mai i suoi trucchi. 



Nato a Castiglione d’Orcia (SI) il 3 febbraio 1955, vive e lavora a Figline Valdarno (FI).



PAOLO SCHEGGI “REALTÀ, META- REALTÀ E SOGNO”
a cura di Maurizio Vanni
Lu.C.C.A. Lounge&Underground 
Dal 16 ottobre all’11 novembre 2018
orario mostra: da martedì a domenica 10-19, chiuso lunedì
Ingresso libero

Incontro con l’artista sabato 20 ottobre 2018 ore 17



Per info:
Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art Via della Fratta, 36 – 55100 Lucca
tel. +39 0583 492180   www.luccamuseum.com  info@luccamuseum.com

Addetto Stampa Lu.C.C.A.
Michela Cicchinè  mobile +39 339.2006519 m.cicchine@luccamuseum.com



Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …