Passa ai contenuti principali

Al Centro Culturale Zerouno di Barletta una Mente assorbente

La mostra prende spunto dal concetto di ‘mente assorbente’ studiato ed introdotto da Maria Montessori nella ‘Teoria della trasformazione’. Partendo dal concetto della Montessori secondo cui l’assorbimento del bambino è inconscio e per questo la sua è una “mente assorbente”, nasce una esposizione dedicata a coloro che traggono spunti dagli eventi di ogni giorno per incorporare emozioni e trasferirle sui mezzi più disparati nelle forme più alternative.
 
Come i bambini assorbono ciò che accade nell’ambiente e lo incorporano, così gli artisti ubbidendo alle spinte vitali che provengono dall’energia creativa della propria individualità, creano opere d’arte sempre diverse inconsapevoli che il loro è un assorbimento inconscio, non patologico, ma creativo, attuando originali creazioni. Impossessandosi del linguaggio artistico in forma unica, adeguandosi anche alle esigenze del mondo in cui siamo, chiamati a vivere sfruttando i mezzi contemporanei, gli artisti si avvalgono di tutti gli stimoli esterni che consentono di attuare opere d’arte disparate: toni esplosivi o pacati, genialità che si dilettano in tecniche astruse, inesplicabili grovigli di toni e gesti.

Opere d’arte innovative per gestualità, tecnica e nuance, in grado anche di porsi come elemento di studio per le giovani ‘menti assorbenti’ che osservano, l’esposizione si inserisce nel ciclo di una serie di esposizione dedicate alla luce, gli artisti hanno saputo destreggiarsi con toni singolari per ottenere una luminosità speciale.
 
Roberto Adani predilige la corposità materica con soluzioni espressive sempre massicce e differenti. Una materia che non è solo pasta adagiata per ispessire il supporto, ma anche corposità realte e concreta che si adagia direttamente sull’opera dal pluruball ad elementi di una tastiera, dal legno India sino allo spessore del colore addensato.
 
Roberto Lazzarini parte dal figurativo per giungere ad una concettualità artistica corposa ed alternativa nata da un semplice lanciare la camicia sopra un dipinto. Non ama le spatole e si diletta a ‘scolpire la materia’ come un vero cesellatore della tela attraverso continue nuove sperimentazione e materiali sempre diversi. Eugenio Galli nasce come artista figurativo per addivenire ad una pulizia estetica e cromatica con pochi paragoni artistici; lasciandosi andare senza considerare la tecnica, l’artista viene stimolato dalla libertà d’azione per esortare la spiritualità dell’essere umano, suscitare emozioni.
 
Mauro Priori si affida ad un’arte concettuale e materica per parlare di un progetto insolito ed interessante come la nascita di ‘una perla’, in particolare della ‘perla fatta a lume’ tipicamente veneziana. Affascinato dalla creazione della perla, cultore della bellezza e dell’armonia nella pittura è in continua ricerca, quasi ossessiva, di tutto ciò che è ‘un bel vedere’, una buona e gradevole visione che diviene pacatezza e pace per lo spirito.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …