Passa ai contenuti principali

Al Centro Culturale Zerouno di Barletta una Mente assorbente

La mostra prende spunto dal concetto di ‘mente assorbente’ studiato ed introdotto da Maria Montessori nella ‘Teoria della trasformazione’. Partendo dal concetto della Montessori secondo cui l’assorbimento del bambino è inconscio e per questo la sua è una “mente assorbente”, nasce una esposizione dedicata a coloro che traggono spunti dagli eventi di ogni giorno per incorporare emozioni e trasferirle sui mezzi più disparati nelle forme più alternative.
 
Come i bambini assorbono ciò che accade nell’ambiente e lo incorporano, così gli artisti ubbidendo alle spinte vitali che provengono dall’energia creativa della propria individualità, creano opere d’arte sempre diverse inconsapevoli che il loro è un assorbimento inconscio, non patologico, ma creativo, attuando originali creazioni. Impossessandosi del linguaggio artistico in forma unica, adeguandosi anche alle esigenze del mondo in cui siamo, chiamati a vivere sfruttando i mezzi contemporanei, gli artisti si avvalgono di tutti gli stimoli esterni che consentono di attuare opere d’arte disparate: toni esplosivi o pacati, genialità che si dilettano in tecniche astruse, inesplicabili grovigli di toni e gesti.

Opere d’arte innovative per gestualità, tecnica e nuance, in grado anche di porsi come elemento di studio per le giovani ‘menti assorbenti’ che osservano, l’esposizione si inserisce nel ciclo di una serie di esposizione dedicate alla luce, gli artisti hanno saputo destreggiarsi con toni singolari per ottenere una luminosità speciale.
 
Roberto Adani predilige la corposità materica con soluzioni espressive sempre massicce e differenti. Una materia che non è solo pasta adagiata per ispessire il supporto, ma anche corposità realte e concreta che si adagia direttamente sull’opera dal pluruball ad elementi di una tastiera, dal legno India sino allo spessore del colore addensato.
 
Roberto Lazzarini parte dal figurativo per giungere ad una concettualità artistica corposa ed alternativa nata da un semplice lanciare la camicia sopra un dipinto. Non ama le spatole e si diletta a ‘scolpire la materia’ come un vero cesellatore della tela attraverso continue nuove sperimentazione e materiali sempre diversi. Eugenio Galli nasce come artista figurativo per addivenire ad una pulizia estetica e cromatica con pochi paragoni artistici; lasciandosi andare senza considerare la tecnica, l’artista viene stimolato dalla libertà d’azione per esortare la spiritualità dell’essere umano, suscitare emozioni.
 
Mauro Priori si affida ad un’arte concettuale e materica per parlare di un progetto insolito ed interessante come la nascita di ‘una perla’, in particolare della ‘perla fatta a lume’ tipicamente veneziana. Affascinato dalla creazione della perla, cultore della bellezza e dell’armonia nella pittura è in continua ricerca, quasi ossessiva, di tutto ciò che è ‘un bel vedere’, una buona e gradevole visione che diviene pacatezza e pace per lo spirito.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…