Passa ai contenuti principali

Alessia Xausa della Galleria Thomas Brambilla vince il Premio Gruppo Euromobil under 30 ad Arte Fiera 2015

Alessia Xausa artista proposta dalla Galleria Thomas Brambilla ( padiglione 25 stand A83), con l'opera "Untitled" del 2015, si è aggiudicata, la nona edizione del Premio Gruppo Euromobil under 30, promossa dai fratelli Lucchetta.

La Giuria era composta da Gaspare, Antonio, Fiorenzo e Giancarlo Lucchetta, titolari del Gruppo Euromobil e collezionisti d'arte, Claudio Spadoni e Giorgio Verzotti, direttori artistici di Arte Fiera, Beatrice Buscaroli critico d'arte, Aldo Colonetti, critico del design e Cleto Munari, designer. Segretario della Giuria: Roberto Gobbo

L'opera entrerà nelle collezioni d'arte del Gruppo Euromobil e sarà esposta nella sede del Gruppo a Falzè di Piave, nel trevigiano.

In un mercato che sembra mostrare sempre minore propensione a puntare sugli under 30, il Premio Gruppo Euromobil, va in controtendenza. E trascina un bel nucleo di gallerie presenti ad Artefiera Bologna.
In 9 anni, il Premio promosso dai fratelli Lucchetta ha preso in esame oltre 350 opere realizzate da più di 200 artisti, stimolando le gallerie a portare i più giovani ad Artefiera proprio per l'opportunità offerta dal Premio che, come si ricorderà, è un Premio acquisto. 

Dall'anno scorso si aveva la sensazione che la fiducia verso i più giovani da parte delle gallerie presenti alla manifestazione bolognese fosse calata. Molti i segnali che facevano pensare che le proposte confermative, di artisti già noti e consolidati, annullassero, o quasi, l'incognita di presentare i più giovani. 

Così non è stato, per cui questa edizione del Premio si è rivelata tra le più vivaci e "combattute" perché le 25 opere di 23 artisti presentate da 12 gallerie hanno dimostrato, commenta la giuria, un livello persino maggiore rispetto alle precedenti edizioni. La scelta del vincitore si è rivelata non facile, proprio perché diversi artisti si sono dimostrati di notevole interesse, con opere particolarmente originali.

Alla fine la preferenza è stata accordata a Alessia Xausa, torinese classe 1991. Vive e studia nella città nativa. Reduce di premi e riconoscimenti italiani e non solo ( Premio Fondazione Ettore Fico), predilige il lavoro a olio che ama stendere con grande leggerezza. L'opera, "Untitled" acrilico e graffite su tela, vincitrice di questa nona edizione del Premio Euromobil mostra un'estrema delicatezza tonale e una profonda cultura figurativa.

Alessia Xausa è alla sua seconda presenza ad Artefiera ed è presentata dal giovane gallerista Thomas Brambilla di Bergamo.

Assegnato il Premio della Giuria, la parola ora va al pubblico. Chiunque infatti può esprimere il suo giudizio, e il suo voto, sul sito del Gruppo: www.gruppoeuromobil.it. I giudizi del pubblico saranno raccolti sino al 2 febbraio ore 12.00, dopodiché sarà formalizzato il nome dell'artista vincitore di questo secondo Premio popolare.

Per informazioni: www.gruppoeuromobil.com
Ufficio Stampa: Studio ESSECI, Sergio Campagnolo tel. 049.663499 info@studioesseci.net

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…