Passa ai contenuti principali

Le opere di Alberto Manzetti in una mostra al BBeQ Restaurant e Winebar a Latina Lido


“Paesaggi urbani eterei connotati da un alone fiabesco rafforzato da colori tenui e freddi, campiture cromatiche ora nette ora stese con velature sfumate e giochi di trasparenze, geometrie rigorose controbilanciate da motivi leggiadri, tavole con soggetti ispirati alle culture precolombiane restituite con uno stile plastico che richiama la scultura delle civiltà mesoamericane: questo l’universo pittorico di Alberto Manzetti, che il pubblico potrà visitare dall’11 gennaio alle 19,00 fino all’8 febbraio nella mostra a cura di Fabio D’Achille presso il BBeQ Restaurant e Winebar a Latina Lido.

Il rigore delle geometrie di Manzetti è in stretto rapporto con l’inconscio, con un’indagine introspettiva di carattere psichico, ed è da questa relazione che nasce la creatività. Ciò che l’occhio vede è filtrato da un’attività di ordine mentale e cognitiva, a sua volta influenzata dall’inconscio: l’artista dichiara di riportare sulla tela ciò che la sua mente realizza in un determinato momento, e allo stesso tempo considera le sue opere un riflesso inconscio di quello che hanno visto i suoi occhi”. (Laura Cianfarani)

Secondo Marilena di Prospero “Lo stile pittorico di Alberto Manzetti è sempre alla ricerca di un rapporto fra lo spazio e la materia; nelle sue tele la prospettiva è annullata e la profondità è resa con l’accostamento di piani geometrici irregolari o affidati al colore, che ha il compito di stabilire un equilibrio cromatico grazie alla contrapposizione di superfici. La rappresentazione della realtà è immediata, diretta, merito della straordinaria capacità di sintesi propria dell’artista; così come è annullata la prospettiva, è annullato anche il rapporto fra figura e spazio. Nelle composizioni esposte in questa mostra, emerge il suo rigoroso metodo di costruzione spaziale, le forme rappresentate sono costituite da elementi geometrici essenziali che evocano uno straordinario senso di purezza e leggerezza”.


Alberto Manzetti, nato a Sant’Elia a Pianisi (CB) nel 1934, si diploma al Liceo Artistico di via Ripetta a Roma. Docente di disegno e storia dell’arte, dal 1965 risiede a Latina .Negli anni Sessanta partecipa al Movimento Romano di Figurazione ed Astrazione concettuale, classificandosi ai primi posti nelle edizioni del “Premio Città di Termoli”. Nel Settanta vince a Milano il Premio di pittura Neoespressionista e il Premio Lombardia. Partecipa più volte all’Arte Fiera di Padova e Bologna. Si è classificato ai primi posti ai premi annuali di pittura al Palazzo della Cultura di Latina. Nel 1993 è premiato a Roma al Ridotto della Galleria Nazionale. Nel 2006 ha partecipato a Venezia alla mostra “Una città da salvare”.
Collabora attivamente con il Museo d’Arte Diffusa di Fabio D’Achille: ha infatti partecipato alle ultime due edizioni di MAD ALT; all’intervento di riqualificazione urbanistica MAD ’12 Artisti in Panchina (luglio 2012); e nel 2013 ha esposto nella rassegna GiàMAD e MAD Giovedì in Musica.


Segnalatato da Artribune, dal 2011 Arte eccetera eccetera

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…