Passa ai contenuti principali

Le opere di Alberto Manzetti in una mostra al BBeQ Restaurant e Winebar a Latina Lido


“Paesaggi urbani eterei connotati da un alone fiabesco rafforzato da colori tenui e freddi, campiture cromatiche ora nette ora stese con velature sfumate e giochi di trasparenze, geometrie rigorose controbilanciate da motivi leggiadri, tavole con soggetti ispirati alle culture precolombiane restituite con uno stile plastico che richiama la scultura delle civiltà mesoamericane: questo l’universo pittorico di Alberto Manzetti, che il pubblico potrà visitare dall’11 gennaio alle 19,00 fino all’8 febbraio nella mostra a cura di Fabio D’Achille presso il BBeQ Restaurant e Winebar a Latina Lido.

Il rigore delle geometrie di Manzetti è in stretto rapporto con l’inconscio, con un’indagine introspettiva di carattere psichico, ed è da questa relazione che nasce la creatività. Ciò che l’occhio vede è filtrato da un’attività di ordine mentale e cognitiva, a sua volta influenzata dall’inconscio: l’artista dichiara di riportare sulla tela ciò che la sua mente realizza in un determinato momento, e allo stesso tempo considera le sue opere un riflesso inconscio di quello che hanno visto i suoi occhi”. (Laura Cianfarani)

Secondo Marilena di Prospero “Lo stile pittorico di Alberto Manzetti è sempre alla ricerca di un rapporto fra lo spazio e la materia; nelle sue tele la prospettiva è annullata e la profondità è resa con l’accostamento di piani geometrici irregolari o affidati al colore, che ha il compito di stabilire un equilibrio cromatico grazie alla contrapposizione di superfici. La rappresentazione della realtà è immediata, diretta, merito della straordinaria capacità di sintesi propria dell’artista; così come è annullata la prospettiva, è annullato anche il rapporto fra figura e spazio. Nelle composizioni esposte in questa mostra, emerge il suo rigoroso metodo di costruzione spaziale, le forme rappresentate sono costituite da elementi geometrici essenziali che evocano uno straordinario senso di purezza e leggerezza”.


Alberto Manzetti, nato a Sant’Elia a Pianisi (CB) nel 1934, si diploma al Liceo Artistico di via Ripetta a Roma. Docente di disegno e storia dell’arte, dal 1965 risiede a Latina .Negli anni Sessanta partecipa al Movimento Romano di Figurazione ed Astrazione concettuale, classificandosi ai primi posti nelle edizioni del “Premio Città di Termoli”. Nel Settanta vince a Milano il Premio di pittura Neoespressionista e il Premio Lombardia. Partecipa più volte all’Arte Fiera di Padova e Bologna. Si è classificato ai primi posti ai premi annuali di pittura al Palazzo della Cultura di Latina. Nel 1993 è premiato a Roma al Ridotto della Galleria Nazionale. Nel 2006 ha partecipato a Venezia alla mostra “Una città da salvare”.
Collabora attivamente con il Museo d’Arte Diffusa di Fabio D’Achille: ha infatti partecipato alle ultime due edizioni di MAD ALT; all’intervento di riqualificazione urbanistica MAD ’12 Artisti in Panchina (luglio 2012); e nel 2013 ha esposto nella rassegna GiàMAD e MAD Giovedì in Musica.


Segnalatato da Artribune, dal 2011 Arte eccetera eccetera

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …