Passa ai contenuti principali

IED Roma Gioiello a Body Worlds per AltaRoma

La mostra originale sul corpo umano Body Worlds si avvia verso la fine della sua permanenza a Roma, in vista di nuove attesissime mete nel mondo. Fino al 15 febbraio sono tanti gli eventiu collaterali che si susseguiranno in un’armonica unione di arte e scienza all’interno della mostra al SET (Spazio Eventi Tirso) di Via Tirso 14.

BODY WORLDS con il suo ritoro nella capitale ha confermato l’eccezionale successo in termini di visitatori, un pubblico vasto ed eterogeneo, dai piccoli studenti delle scuole, passando per gli adulti più curiosi, fino ad arrivare agli appassionati di scienza e a volti noti del mondo dello spettacolo e della cultura. E’ una mostra utile per riscoprire la straordinarietà del quotidiano grazie al viaggio attraverso IL CICLO DELLA VITA che permette di conoscere le reazioni degli organi vitali di fronte ad atteggiamenti sbagliati. Attraverso le pose dinamiche che raffigurano gesti quotidiani e familiari ai più, si scopre la fantastica macchina del corpo umano in tutta la sua composizione e la sua bellezza. Il fascino della vita si riscopre in una dimensione tridimensionale che aiuta a comprendere la prevenzione corretta per uno stile di vita salutare.

La plasticità della materis che forma e trasforma, la sperimentazione continua, la conoscenza dei materiali, l’attenzione per il dettaglio uniti allo studio dell’anatomia del corpo umano in continua trasformazione, sono temi che attraggono.

In occasione delle sfilate capitoline di Altaroma Altamoda, dal 27 gennaio al 5 febbraio, grazie al progetto TRANSCORPUS a cura di Olga Bachschmidt, il dipartimento di Design del gioiello di IED Moda esporrà, nella hall del SET, una collezione di gioielli legati al tema del corpo. Si potranno ammirare i lavori di tre studentesse – Wang Xuya, Elena Voci e Jo Yoonj – che, incentrati sulla relazione tra il corpo e il gioiello, focalizzano l’attenzione sui rapporti di contrasto tra la sinuosità delle forme e la rigidità dell’oggetto, la naturalezza e l’artificialità.

Wang Xuya espone il suo progetto di tesi Meeting me. Traendo ispirazione dalle proprie radici culturali cinesi e concentrando l’attenzione sui concetti di purezza, nobiltà ed eleganza, la giovane designer ha creato gioielli in bronzo, argento, oro bianco e rosa che avvolgono e riproducono le forme e i profili del corpo.

Gli altri due progetti esposti sono stati realizzati all’interno del corso di Progettazione del Gioiello Sperimentale.

Elena Voci espone Human Tech: l’armatura e l’interazione fra umano e robotico.
Fonte di ispirazione è da un lato l’ingegneria e dall’altro l’essere umano nella sua essenza principale, il cuore, organo vitale, connesso idealmente anche al sentimento. Nell’antitesi uomo-robot, Elena ha mostrato come i due elementi possano fondersi in un gioiello, combinando l’anima robotica, la scheda madre e il metallo.

Jo Yoonji presenta Body Casting, un progetto che nasce da uno studio attento delle forme del corpo e crea dei gioielli ad esso perfettamente aderenti che ne riproducono le curve. Come un’armatura, l’oro rigido avvolge e costringe mentre la flessuosità delle perle crea armonie sinuose.

Per dare risalto alla creatività e all’innovazione continuano inoltre i workshop ad ingresso gratuito del progetto WATERCOLOUR REVOLUTION di Winsor&Newton. Il 30 gennaio dalle 19.00 alle 21.00 si terrà il secondo appuntamento open per il pubblico della mostra (con più di 16 anni) che ha delle conoscenze di base di disegno a mano libera e della tecnica dell’acquerello e ha voglia di sperimentare gratuitamente i nuovi rivoluzionari Markers e Sticks watercolour di Winsor & Newton. E’ gradita la prenotazione via mail a roma@bodyworlds.com.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…