Passa ai contenuti principali

IED Roma Gioiello a Body Worlds per AltaRoma

La mostra originale sul corpo umano Body Worlds si avvia verso la fine della sua permanenza a Roma, in vista di nuove attesissime mete nel mondo. Fino al 15 febbraio sono tanti gli eventiu collaterali che si susseguiranno in un’armonica unione di arte e scienza all’interno della mostra al SET (Spazio Eventi Tirso) di Via Tirso 14.

BODY WORLDS con il suo ritoro nella capitale ha confermato l’eccezionale successo in termini di visitatori, un pubblico vasto ed eterogeneo, dai piccoli studenti delle scuole, passando per gli adulti più curiosi, fino ad arrivare agli appassionati di scienza e a volti noti del mondo dello spettacolo e della cultura. E’ una mostra utile per riscoprire la straordinarietà del quotidiano grazie al viaggio attraverso IL CICLO DELLA VITA che permette di conoscere le reazioni degli organi vitali di fronte ad atteggiamenti sbagliati. Attraverso le pose dinamiche che raffigurano gesti quotidiani e familiari ai più, si scopre la fantastica macchina del corpo umano in tutta la sua composizione e la sua bellezza. Il fascino della vita si riscopre in una dimensione tridimensionale che aiuta a comprendere la prevenzione corretta per uno stile di vita salutare.

La plasticità della materis che forma e trasforma, la sperimentazione continua, la conoscenza dei materiali, l’attenzione per il dettaglio uniti allo studio dell’anatomia del corpo umano in continua trasformazione, sono temi che attraggono.

In occasione delle sfilate capitoline di Altaroma Altamoda, dal 27 gennaio al 5 febbraio, grazie al progetto TRANSCORPUS a cura di Olga Bachschmidt, il dipartimento di Design del gioiello di IED Moda esporrà, nella hall del SET, una collezione di gioielli legati al tema del corpo. Si potranno ammirare i lavori di tre studentesse – Wang Xuya, Elena Voci e Jo Yoonj – che, incentrati sulla relazione tra il corpo e il gioiello, focalizzano l’attenzione sui rapporti di contrasto tra la sinuosità delle forme e la rigidità dell’oggetto, la naturalezza e l’artificialità.

Wang Xuya espone il suo progetto di tesi Meeting me. Traendo ispirazione dalle proprie radici culturali cinesi e concentrando l’attenzione sui concetti di purezza, nobiltà ed eleganza, la giovane designer ha creato gioielli in bronzo, argento, oro bianco e rosa che avvolgono e riproducono le forme e i profili del corpo.

Gli altri due progetti esposti sono stati realizzati all’interno del corso di Progettazione del Gioiello Sperimentale.

Elena Voci espone Human Tech: l’armatura e l’interazione fra umano e robotico.
Fonte di ispirazione è da un lato l’ingegneria e dall’altro l’essere umano nella sua essenza principale, il cuore, organo vitale, connesso idealmente anche al sentimento. Nell’antitesi uomo-robot, Elena ha mostrato come i due elementi possano fondersi in un gioiello, combinando l’anima robotica, la scheda madre e il metallo.

Jo Yoonji presenta Body Casting, un progetto che nasce da uno studio attento delle forme del corpo e crea dei gioielli ad esso perfettamente aderenti che ne riproducono le curve. Come un’armatura, l’oro rigido avvolge e costringe mentre la flessuosità delle perle crea armonie sinuose.

Per dare risalto alla creatività e all’innovazione continuano inoltre i workshop ad ingresso gratuito del progetto WATERCOLOUR REVOLUTION di Winsor&Newton. Il 30 gennaio dalle 19.00 alle 21.00 si terrà il secondo appuntamento open per il pubblico della mostra (con più di 16 anni) che ha delle conoscenze di base di disegno a mano libera e della tecnica dell’acquerello e ha voglia di sperimentare gratuitamente i nuovi rivoluzionari Markers e Sticks watercolour di Winsor & Newton. E’ gradita la prenotazione via mail a roma@bodyworlds.com.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…