Passa ai contenuti principali

Fernando Botero: quarantotto sculture in gesso in mostra a Palazzo Comunale in Spoleto

In mostra 48 sculture in gesso della collezione dell'artista: cavalieri, centauri, figure femminili, ballerini, gatti e tori. All'esterno una scultura monumentale in bronzo. In occasione del Festival dei 2 Mondi.

Tutto è pronto per il prossimo evento artistico/culturale "Fernando Botero: quarantotto sculture in gesso in mostra a Spoleto" provenienti dalla collezione privata del maestro e rappresentano un ampia sintesi della sua attività scultorea, che sarà ospitata nella sede del Palazzo Comunale di Spoleto, Piazza del Comune, 1 Spoleto, dal 27 giugno al 20 settembre 2015. La mostra è stata promossa dal Comune di Spoleto, con il patrocinio della Fondazione Festival di Spoleto, Università per Stranieri di Perugia. Curatore Zeno Zoccheddu, presidente Associazione ArteInternazionale.

Al suo interno nella Cappella palatina di San Ponziano, la Sala dello Spagna, la Sala dei Duchi e la Sala della Prigione, saranno collocate le sculture in gesso che come un laboratorio didattico, illustrerà il modo di operare dello scultore Fernando Botero. A Palazzo Comunale, infatti, verranno esposte le opere in gesso che rappresentano tutto il suo mondo: cavalieri, centauri,figure maschili e femminili, ballerini, gatti, cavalli e tori. Perché il gesso: attingendo a favori tecnici si può dire che è una struttura matrice, guardandolo come effetto emozionale e anche spirituale diciamo che è l’anima di ogni scultura, molte opere in gesso sono oggi pezzi unici al mondo e considerati loro stessi capolavori, perché non esistono più gli originali in marmo o bronzo andati perduti o distrutti. Anche Canova proprio con un gesso la copia dei "Lottatori", si mise in luce vincendo un premio,mentre nella galleria dell’Accademia di Firenze si può ammirare l’originale in gesso del "Ratto delle Sabine" del Giambologna, 1582.

Le prime esperienze di Botero con la scultura risalgono agli anni ’60, ma dimostrerà il suo grande amore per questa disciplina dal 1973. Sculture di Botero le troviamo nelle strade e nelle piazze delle più importanti città del mondo.

La mostra, quindi, oltre a contenere le opere di gesso, propone, una scultura monumentale in bronzo che sarà esposta all’esterno. Si tratta di un evento straordinario, in quanto è la prima volta che Fernando Botero espone le sue opere a Spoleto e illustra il manifesto ufficiale del Festival dei 2 Mondi.
Risulta quanto mai opportuno segnalare che, oltre agli appassionati e storici dell’Arte, l’evento riveste particolare importanza anche per gli alunni che, grazie al sopraddetto "didattico" sulla scultura, può definirsi "interattivo", cogliendo appieno l’attuale esigenza dei nostri giovani.

Ufficio stampa:
NI.CO srl
Nicoletta Strazzeri ufficiostampa@festivaldispoleto.com

Telefono
+39 06 3721872

La mostra sarà inaugurata il prossimo 27 giugno, ore 18.00, nel Palazzo Comunale di Spoleto, dal Sindaco Fabrizio Cardarelli alla presenza del Maestro Fernando Botero, oltre ad esponenti di rilievo del panorama culturale ed istituzionale dell’Umbria.

Palazzo Comunale
piazza del Comune, 1 Spoleto
Rimarrà aperta tutti i giorni, in orario continuato, dalle 10 alle 19,00 fino al 20 settembre 2015. Durante il periodo del Festival la mostra
rimarrà aperta fino alle 23,00.


FERNANDO BOTERO
dal 27/6/2015 al 20/9/2015

tutti i giorni 10-19, durante il Festival aperto fino alle 23
0743 218620, 342 7506074

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…