Passa ai contenuti principali

Urban Gallery al Palazzetto dell’Arte di Foggia

Apre le porte al pubblico, martedì 30 giugno, l’art exhibition denominata “Urban Gallery”, allestita nei locali del Palazzetto dell’Arte di Foggia intitolato ad Andrea Pazienza, e presso la Civica Pinacoteca 9Cento, che vedrà l’inaugurazione il giorno successivo, mercoledì 1° luglio.

Il percorso espositivo caratterizzato dalla doppia dislocazione, annovera le opere a tecnica mista di 45 autori, suddivisi tra docenti e allievi dell’Accademia di Belle Arti ed artisti provenienti da altri contesti - alcuni di essi sono giovanissimi che si misurano con la prima esperienza di confronto con il pubblico : Antonella Tolve, Antonio Menichella, Cosimo Forina (Urban Youth), Gerardo Nardiello, Giuseppe Petrilli, Mosè La Cava, Nicola Renna (UY), Pietro Lionetti (UY), Ezio Ferreri, Rosanna D'Agnone, Rita Manzi, Maria Palmieri, Raffaele Loconte (UY), Raffaele Fiorella, Adriana Di Leo, Rocchina Del Priore, Samuele Romano, Rosanna Giampaolo, Leo Ragno, Raffaele Sarcina, Alessio Ciocia, Antonio Petrone (UY), Nicola Montemorra, Umberto Romaniello, Valerio Agricola, Valeria Petruzzelli, Laura Scaringi, Louis Antonio Palumbo (UY), Pietro Ricucci, Angela Vocale, Antonino Foti, Azzurra Di Virgilio (UY), Antonietta Tudisco (UY), Eva Belgiovine, Giuliani/Mocerino Francesco Tomaiuolo (UY), Grazia Tavaglione, Natascia Vocale (UY), Michela Muserra, Pietro Di Terlzzi, Valentina Scarinzi (UY), Vincenzo Astuto, Wang Lyuan (UY), Martina Pesce (UY), Luigi Sardella, Isabella Piazzolla (UY), Morena Petrillo (nb: la sigla UY sta per Urban youth, ad indicare appunto la categoria dei partecipanti più giovani). - ,  tutti radunati attorno ad un progetto concepito e curato dal professor Antonino Foti, docente dell’Accademia di Belle Arti, titolare degli insegnamenti di Anatomia artistica, Tecnologie dei nuovi materiali ed Eco design. 

Le prime due fasi del progetto sono state finalizzate ad introdurre la visione di linguaggi espressivi eterogenei elaborati da giovani artisti nel contesto dell’arredo urbano, attraverso l’affissione di riproduzioni fotografiche delle creazioni negli spazi della città solitamente dedicati alle promozioni pubblicitarie. 

L’iniziativa, che vede il patrocinio congiunto dell’Accademia di Belle Arti e del Comune della città capoluogo, approda ora in due spazi chiusi deputati all’esposizione per cogliere l’opportunità di rafforzare le strategie di promozione e divulgazione delle arti visive, come spiega lo stesso curatore prof. Foti: “Urban Gallery è un progetto nato come provocazione, ma anche come strumento di educazione visiva". “Abbiamo preso in prestito luoghi urbani concepiti per ospitare linguaggi meramente pubblicitari, mutuandone le dinamiche comunicative attraverso gli strumenti propri alla pubblicità urbana. Ora trasferiamo questa esperienza in uno spazio chiuso per dare un seguito alla direzione indicata e proporre una visione guidata e non convenzionale dei nuovi linguaggi artistici che abbiamo scelto di veicolare e promuovere” precisa il docente che è anche responsabile dell’iniziativa “Didatticaperta”. 

Da qui l’esigenza avvertita di sperimentare una fase in cui esaltare la trasversalità dei linguaggi comprendendo un arco generazionale quanto più ampio possibile e coinvolgere il pubblico attorno ad occasioni tanto rare quanto preziose che hanno come fulcro la costruzione di inediti temi di ricerca capaci di mettere in relazione le arti visive contemporanee, il territorio e i “fruitori”. 

All’inaugurazione saranno presenti, oltre al curatore Foti, Gloria Fazia, responsabile unico della Rete dei Musei e il critico e docente di Storia dell’arte contemporanea Mario Corfiati. La presentazione sarà arricchita dalla proiezione di una video-intervista al direttore dell’Accademia Pietro Di Terlizzi e allo storico dell’arte Alberto Dambruoso, già ideatore dei “Martedì Critici”, incontri-contenitori aperti al pubblico e dedicati alle riflessioni sull’arte. Riprese e montaggio del video sono di Valeria Petruzzelli. Il criterio di selezione delle opere ha incluso una varietà di discipline, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alla digital art, dalla video arte alle installazioni per finire con l’illustrazione. Le opere sono rassegnate nel catalogo che accompagna l’evento e che contiene anche gli scritti critici dei docenti Mario Corfiati e Gaetano Centrone. Ideazione e realizzazione del catalogo sono state affidate a Pietro Lionetti, allievo del corso di grafica dell’Accademia foggiana.

Il programma della mostra prevede anche due serate-evento in due date distinte che saranno comunicate in seguito: la prima proporrà il concerto di Carolina Da Siena, song writer biscegliese già fatta oggetto di lusinghiere attenzioni dalla critica musicale italiana più avvertita; il secondo evento vedrà protagonista Isabella Piazzolla che metterà in scena una performance ispirata alla “sensibilità pittorica immateriale” di Yves Klein, artista francese considerato il precursore della Body art. 

L’inaugurazione di martedì 30 giugno al Palazzetto dell’Arte in via Galliani 1 è fissata per le 18.30; mercoledì 1° luglio si replica alle 19 alla Civica Pinacoteca 9Cento, in via Marchese de Rosa.

Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori