Passa ai contenuti principali

Urban Gallery al Palazzetto dell’Arte di Foggia

Apre le porte al pubblico, martedì 30 giugno, l’art exhibition denominata “Urban Gallery”, allestita nei locali del Palazzetto dell’Arte di Foggia intitolato ad Andrea Pazienza, e presso la Civica Pinacoteca 9Cento, che vedrà l’inaugurazione il giorno successivo, mercoledì 1° luglio.

Il percorso espositivo caratterizzato dalla doppia dislocazione, annovera le opere a tecnica mista di 45 autori, suddivisi tra docenti e allievi dell’Accademia di Belle Arti ed artisti provenienti da altri contesti - alcuni di essi sono giovanissimi che si misurano con la prima esperienza di confronto con il pubblico : Antonella Tolve, Antonio Menichella, Cosimo Forina (Urban Youth), Gerardo Nardiello, Giuseppe Petrilli, Mosè La Cava, Nicola Renna (UY), Pietro Lionetti (UY), Ezio Ferreri, Rosanna D'Agnone, Rita Manzi, Maria Palmieri, Raffaele Loconte (UY), Raffaele Fiorella, Adriana Di Leo, Rocchina Del Priore, Samuele Romano, Rosanna Giampaolo, Leo Ragno, Raffaele Sarcina, Alessio Ciocia, Antonio Petrone (UY), Nicola Montemorra, Umberto Romaniello, Valerio Agricola, Valeria Petruzzelli, Laura Scaringi, Louis Antonio Palumbo (UY), Pietro Ricucci, Angela Vocale, Antonino Foti, Azzurra Di Virgilio (UY), Antonietta Tudisco (UY), Eva Belgiovine, Giuliani/Mocerino Francesco Tomaiuolo (UY), Grazia Tavaglione, Natascia Vocale (UY), Michela Muserra, Pietro Di Terlzzi, Valentina Scarinzi (UY), Vincenzo Astuto, Wang Lyuan (UY), Martina Pesce (UY), Luigi Sardella, Isabella Piazzolla (UY), Morena Petrillo (nb: la sigla UY sta per Urban youth, ad indicare appunto la categoria dei partecipanti più giovani). - ,  tutti radunati attorno ad un progetto concepito e curato dal professor Antonino Foti, docente dell’Accademia di Belle Arti, titolare degli insegnamenti di Anatomia artistica, Tecnologie dei nuovi materiali ed Eco design. 

Le prime due fasi del progetto sono state finalizzate ad introdurre la visione di linguaggi espressivi eterogenei elaborati da giovani artisti nel contesto dell’arredo urbano, attraverso l’affissione di riproduzioni fotografiche delle creazioni negli spazi della città solitamente dedicati alle promozioni pubblicitarie. 

L’iniziativa, che vede il patrocinio congiunto dell’Accademia di Belle Arti e del Comune della città capoluogo, approda ora in due spazi chiusi deputati all’esposizione per cogliere l’opportunità di rafforzare le strategie di promozione e divulgazione delle arti visive, come spiega lo stesso curatore prof. Foti: “Urban Gallery è un progetto nato come provocazione, ma anche come strumento di educazione visiva". “Abbiamo preso in prestito luoghi urbani concepiti per ospitare linguaggi meramente pubblicitari, mutuandone le dinamiche comunicative attraverso gli strumenti propri alla pubblicità urbana. Ora trasferiamo questa esperienza in uno spazio chiuso per dare un seguito alla direzione indicata e proporre una visione guidata e non convenzionale dei nuovi linguaggi artistici che abbiamo scelto di veicolare e promuovere” precisa il docente che è anche responsabile dell’iniziativa “Didatticaperta”. 

Da qui l’esigenza avvertita di sperimentare una fase in cui esaltare la trasversalità dei linguaggi comprendendo un arco generazionale quanto più ampio possibile e coinvolgere il pubblico attorno ad occasioni tanto rare quanto preziose che hanno come fulcro la costruzione di inediti temi di ricerca capaci di mettere in relazione le arti visive contemporanee, il territorio e i “fruitori”. 

All’inaugurazione saranno presenti, oltre al curatore Foti, Gloria Fazia, responsabile unico della Rete dei Musei e il critico e docente di Storia dell’arte contemporanea Mario Corfiati. La presentazione sarà arricchita dalla proiezione di una video-intervista al direttore dell’Accademia Pietro Di Terlizzi e allo storico dell’arte Alberto Dambruoso, già ideatore dei “Martedì Critici”, incontri-contenitori aperti al pubblico e dedicati alle riflessioni sull’arte. Riprese e montaggio del video sono di Valeria Petruzzelli. Il criterio di selezione delle opere ha incluso una varietà di discipline, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alla digital art, dalla video arte alle installazioni per finire con l’illustrazione. Le opere sono rassegnate nel catalogo che accompagna l’evento e che contiene anche gli scritti critici dei docenti Mario Corfiati e Gaetano Centrone. Ideazione e realizzazione del catalogo sono state affidate a Pietro Lionetti, allievo del corso di grafica dell’Accademia foggiana.

Il programma della mostra prevede anche due serate-evento in due date distinte che saranno comunicate in seguito: la prima proporrà il concerto di Carolina Da Siena, song writer biscegliese già fatta oggetto di lusinghiere attenzioni dalla critica musicale italiana più avvertita; il secondo evento vedrà protagonista Isabella Piazzolla che metterà in scena una performance ispirata alla “sensibilità pittorica immateriale” di Yves Klein, artista francese considerato il precursore della Body art. 

L’inaugurazione di martedì 30 giugno al Palazzetto dell’Arte in via Galliani 1 è fissata per le 18.30; mercoledì 1° luglio si replica alle 19 alla Civica Pinacoteca 9Cento, in via Marchese de Rosa.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…