Passa ai contenuti principali

Scultori e Incisione 1900-1940

La mostra Scultori & Incisione 1900-1940 è realizzata nell'ambito del progetto Cassero in 2D e 3D. Scultori italiani tra grafica e tridimensionalità dal Comune di Montevarchi, Assessorato alla cultura, con la collaborazione del Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci nell'ambito del progetto regionale: Cantiere Toscana Contemporanea. 

In linea con la sua vocazione, il museo propone un approfondimento storico-tecnico sulla creatività parallela degli scultori italiani tra Otto e Novecento con oltre ottanta opere risalenti al periodo che va dalla fine del 1800 al 1940. Un viaggio alla scoperta delle incisioni più significative e più rare, realizzate da scultori, con l’intento di sondare e documentare nelle diverse tecniche un’attività che riflette totalmente le singolarità creative di ciascun artista talvolta più noto per la produzione plastica. Così saranno presenti litografie dei futuristi e di grandi nomi come Giorgio de Chirico, Arturo Martini, Marino Marini e Mario Sironi, accanto a lavori di autori meno praticati dal grande pubblico, ma presenti nelle più importanti collezioni di grafica internazionale.

L’esposizione - curata da Francesco Parisi insieme con Alfonso Panzetta, direttore del museo - vuole evidenziare come incisione e scultura siano figlie della medesima azione creativa dell'artista: quella, cioè, di aggredire la materia per ricavare un'immagine. L’allestimento presenterà circa ottanta opere, soprattutto incisioni, talvolta accompagnate dalle loro matrici originali e da alcune sculture emblematiche per taluni scultori.

Durante il periodo della mostra ci saranno laboratori didattici per bambini e ragazzi in orario extra-scolastico, studiati ad hoc. Sarà inoltre organizzato l’evento/workshop Squeeze the bag, condotto dagli artisti e performer Pantani-Surace, sul tema della stampa xilografica.

La realizzazione del progetto vede poi la partecipazione dell’Associazione Amici de Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento come supporto per la capillare comunicazione sul territorio e della Cooperativa Itinera C.E.R.T.A. per la segreteria organizzativa e la didattica.

Inaugurazione sabaton 4 luglio ore 11.00


domenica 5 luglio – domenica 27 settembre 2015
Scultori & Incisione 1900-1940
Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento
Via Trieste, 1
Spazio Espositivo Ernesto Galeffi
Via A. Burzagli, 43
Montevarchi (AR)

Orario di apertura
Da giovedì a domenica: 10-13 e 15-18
Primo giovedì del mese: 21.30-23.30
Aperto anche:
giovedì 16, 23, 30 luglio: 21.30-23.30
sabato 11 luglio: 21.30-0.30
venerdì 4, sabato 5, domenica 6 settembre: 21.30-23.30
chiuso 15 agosto
Sabato 11 luglio dalle 21.30 alle 24.00 laboratorio gratuito per bambini

Visite didattiche su prenotazione

Biglietto
Intero: € 7,00
CARD (Mostra + Il Cassero): € 8,00
ridotto CARD (Mostra + Il Cassero): € 5,00 (under 18, over 65, soci COOP, CTS, ISIC, ITIC, Touring Club, possessori di Edumusei Card, Selecard, tessera ICOM)
gratuito: under 6

Info e prenotazioni
info@ilcasseroperlascultura.it
www.ilcasseroperlascultura.it
Facebook: Cassero Per la Scultura
T. +39 055.9108274

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …