Passa ai contenuti principali

Beyond the White (Spaces) LA MOSTRA DI VIVIANA VALLA a cura di Ivan Quaroni alla Fondazione Rivolidue

Il progetto Beyond the White di Viviana Valla, curato da Ivan Quaroni negli spazi della Fondazione Rivoli2, ha origine da una riflessione sul modus operandi utilizzato nella realizzazione dei lavori pittorici dell'artista, e in particolare sulla definizione bidimensionale dello spazio offertale dalla tela bianca- da qui il titolo della mostra- cercando di trasporla nella terza dimensione. 

Elemento chiave di questo dialogo tra pittura e spazialità è l'idea di "occultamento/mascheramento" dell'immagine, che già si concretizza nelle sue tele nella forma di un modulo bianco, che possiede una duplice funzione: da un lato, celare l'immagine del dipinto costituito da geometriche campiture di colore e collage di vari materiali; dall'altro, far emergere ed evidenziare i medesimi elementi, che si armonizzano in complessi giochi di velature e stratificazioni.

Questo modulo ambivalente, occultante e rivelatore al tempo stesso, è il perno centrale intorno a cui ruota la mostra. Esso si traduce nella logica spaziale dell'installazione come una sorta di "schermo", non più inteso come contenitore dell'immagine, ma come elemento destabilizzante dell'immagine, che invita lo sguardo a non concentrarsi su di essa, bensì a indagare gli elementi pittorici che stanno al margine, di là dai tradizionali confini percettivi.

Al piano terra accoglie i visitatori un'installazione ambientale What remains. Resurfaces - Ciò che resta, Riaffiora- che consiste in una stratificazione sospesa da terra di diversi materiali che verranno per lo più coperti alla visione da una grande tela bianca collocata tra due muri.

Al piano superiore le opere pittoriche This is the "where" e De-costriction: anche in questo caso il tema portante è la stratificazione, concretizzato sulla superficie della tela. Le opere sono realizzate a tecnica mista.

Nel seminterrato accolgono i visitatori tre opere pittoriche: due installate a parete e una terza unica opera retroilluminata che rivela l'intervento pittorico in modo inusuale.


Note biografiche
Viviana Valla (Voghera, 1986) vive e lavora tra Casteggio e Milano. Dopo essersi formata in Pittura all'Accademia di Brera di Milano, si specializza in Comunicazione e Organizzazione per l'arte Contemporanea. Dal 2007 partecipa a diversi eventi organizzati da: Arianna Baldoni, Ivan Quaroni, Andrea B. Del Guercio, Dany Vescovi. Nel 2010 espone al Palazzo della Permanente di Milano in occasione del Salon Primo ed è tra i vincitori del premio Assogestioni (Palazzo Mezzanotte). Nel 2011 partecipa alla mostra dei finalisti del Premio Nazionale delle Arti, tenutasi nello spazio espositivo di San Carpoforo. La sua più recente mostra personale si è tenuta alla Galleria Monopoli di Milano nel maggio 2012. Nel 2013 è tra i finalisti della prima edizione del Premio Aop Academy, a maggio partecipa a "Panorama" mostra collettiva tenutasi nello spazio espositivo di Circoloquadro e a Ottobre nella villa Brivio a Nova Milanese è tra gli artisti di Last Young, mostra collettiva itinerante curata da Arianna Baldoni, Rossella Farinotti e Lorenzo Respi.

Fondazione Rivolidue
La Fondazione Rivolidue nasce nel 2013 con lo scopo di promuovere, documentare e sperimentare, nell'ambito delle realtà culturali, il percorso di artisti e curatori, mettendo a disposizione uno spazio per far conoscere progetti e lavoro di ricerca e, al contempo, offrendo la possibilità di entrare in relazione con le diverse rappresentanze del mondo dell'arte e con il pubblico.
Rivolidue si trova a Milano nel cuore di Brera, accanto al Piccolo Teatro Strehler.
Lo spazio è collocato all'interno di un tipico palazzo milanese e si affaccia su di un cortile con una vetrata che lo caratterizza: 140 mq disposti su quattro livelli, di cui tre dedicati ad ospitare i progetti espositivi.
www.rivolidue.org

BEYOND THE WHITE (Spaces)

Milano, Rivolidue - via Rivoli 2 (MM Lanza)
19 dicembre - 10 gennaio 2014
Inaugurazione: giovedi 18 dicembre, ore 19.00

Orari : dal martedì al venerdì 16.00-19.00; sabato 15.30 -19.30
In tutti gli altri giorni è possibile visitare la Fondazione su appuntamento

Ingresso libero

Ufficio stampa
Simona Cantoni
cell.3423837100
s.cantoni@rivolidue.org
---------------------------------------------------------------------------
segnalato da exibart


Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…