Passa ai contenuti principali

Stuck in a moment di Maddalena Modugno al Caffè Tra Le Righe di San Severo

Personale di fotografia di Maddalena Modugno dal 27 dicembre 2014 al 27 gennaio 2015 presso Caffè Tra Le Righe di San Severo (FG). Il vernissage della mostra, curata da Aradia Art Management, si terrà alle ore 21:00 di sabato 27 dicembre. La serata proseguirà con la performance musicale della violinista foggiana Flavia Pagano.

Comunicato stampa/Aradia Art Management

"Un dettaglio è un mondo spesso senza confini" - Aldo Busi

Nel 1822 Joseph Niépce mise a punto la tecnica dell’eliografia, nel 1833 Louis Daguerre proseguì gli studi di Niépce e inventò il dagherrotipo ma la fotografia, intesa come forma d’arte, si afferma a Parigi solo dopo il 1850 grazie al fotografo Gaspard-Félix Tournachon, meglio noto con lo pseudonimo di Nadar.

Negli anni ’30 del secolo scorso, inizia la sua carriera il teorico dell’istante decisivo in fotografia, colui che si è meritato l’appellativo di “occhio del secolo”: il fotografo francese Henri Cartier-Bresson. Con la sua Leica riusciva a catturare l’attimo, il momento esatto in cui un gesto o un’azione stavano per essere compiuti. 
Nata inizialmente per raffigurare paesaggi e architetture e successivamente per ritrarre la classe borghese o il popolo, la fotografia ha goduto di una grande diffusione favorendo lo sviluppo di una sensibilità estetica che le ha spalancato le porte di musei e mostre d’arte.

Ma nella società contemporanea in cui tutto scorre alla velocità di un tweet, in cui si parla tanto ma si ascolta poco, in cui prendersi una pausa per fermarsi e riflettere sembra una sciocca ed inutile esigenza, quale potrebbe essere l’escamotage per catturare lo sguardo dell’osservatore distratto e frettoloso?

La risposta che ci propone la fotografa pugliese Maddalena Modugno è racchiusa nel concetto di Versografia: nei titoli dei suoi scatti ricorre la parola “verso” intesa come “direzione” o “emozione”. Scatti mai statici, dai tagli obliqui che variano dal colore al bianco/nero. Emerge l’interesse per il dettaglio: fotografare una parte del tutto ha lo scopo di attivare la fantasia dell’osservatore, costringendolo ad andare oltre ed immaginare quale potrebbe essere l’estensione della scena. Una scelta artistica e fotografica intensa e coinvolgente.

Biografia di MADDALENA MODUGNO
Barese, classe ’81, nutre sin dall’infanzia una passione per tutte le forme d’arte ed in particolar modo per la Scultura. Si diploma nel 1999, presso il Liceo Artistico “G. De Nittis” di Bari. Nel 2005, il Diploma Accademico quadriennale in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Bari. Prosegue con il Biennio Specialistico in Scultura, presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia e sempre presso la stessa, si abilita all’insegnamento delle “Discipline Plastiche”.Maddalena, nella sua arte cerca sempre di esprimere l’essenzialità della forma, prediligendo materiali naturali come legno e pietra. Il legno spesso lasciato nella naturalezza della sua forma, del suo colore e della sua vita interiore. La pietra invece, intagliata con linee morbide e sinuose che richiamano movimenti. Il ferro, è anche uno dei materiali che spesso l’artista modella ed inserisce nelle sue opere. La fotografia è un’altra passione del suo lavoro d’artista. Alternando la docenza alla libera professione, ha ottenuto pubblicazioni su cataloghi della Fondazione Peano, Cuneo, 1999; Arte Transumante, Castel del Monte, 2007; Fondazione Peano, Cuneo, 2009.
La sua prima personale, nel 2014, è a cura di Aradia Art Management. 


Biografia di FLAVIA PAGANO
Nasce a Foggia nel 1987. Sin dall’età di 8 anni arricchisce la sua formazione con lo studio del violino, diplomandosi poi nel 2008 al Conservatorio N. Sala di Benevento, sotto la guida del maestro Giulio Rovighi, allievo del famoso maestro Accardo. Ha partecipato a diversi concorsi nazionali classificandosi sempre ai primi posti.
Nel 2003 il Lions Club “Foggia Arpi” le ha assegnato l’ambita borsa di studio di “Alto riconoscimento artistico”riservata ai migliori allievi del Conservatorio di musica di Foggia. Si è esibita con la Ostia Chambers Orchestar presso il Parco della musica di Roma sotto la guida del direttore Carlo Rizzari nel 2006/2007, con l’orchestra giovanile dei Quattro conservatori della Campania nel 2008 presso il San Carlo di Napoli sotto la guida di Salvatore Accardo e con l’orchestra giovanile di Uto Ughi nell’ambito del Festival Uto Ughi per Roma nel 2008. In veste di solista esegue musica barocca, è membro dell’orchestra Suoni del Sud di Foggia e ha preso parte a diverse trasmissioni televisive in onda sulle reti Rai come Una voce per Padre Pio e Le note degli angeli nel 2008. Dal 2009 ha scelto di intraprendere lo studio della medicina presso l’Università degli studi di Foggia.

Maddalena Modugno - Stuck in a moment
CAFFE' TRA LE RIGHE
San Severo (FG) - dal 27 dicembre 2014 al 27 gennaio 2015
Via De Cesare 13 (71016)
+39 , +39 (fax), +39

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …