Passa ai contenuti principali

Io non sono Io a Site Art di Scicli.

"Io non sono Io", come scriveva Juan Ramon Jimenez nell’omonima poesia, è il titolo scelto da Doren per la prima mostra personale ideata e organizzata dal collettivo indipendente Site Specific, presentata al pubblico venerdì 26 dicembre 2014 alle ore 18:00 presso lo spazio espositivo Site Art, situato a Scicli, città siciliana riconosciuta Patrimonio dell’Unesco.

"Io non sono Io" è un progetto a cura di Marilina Buscema in cui l'artista presenta la sua personale visione del mondo mediante una vasta produzione di disegni, in cui forme e figure emergono dal foglio bianco, quasi fossero in sospensione, per rivelare un intimo flusso di coscienza. Attraverso l'arte Doren compie un viaggio di conoscenza, un'esperienza in cui simboli, colori e segni raffinati narrano eventi di cronaca, racconti familiari, avvenimenti storici. L'artista indaga ambienti personali, ombre segrete, atmosfere profonde caratterizzate da una forte tensione erotica, per risalire verso una visione dilatata fuori dall'io, in cui affiorano e si manifestano concetti densi di pulsioni sociali.

Doren, pseudonimo desunto da un comune austriaco situato nel Land Vorarlberg, è un’artista la cui identità rimane sconosciuta, come nelle sue intenzioni programmatiche. L'anonimato silenzioso, che fa da contro-altare al rumore assordante delle identità esibite nella nostra contemporaneità, è un espediente che permette a Doren di comunicare solo attraverso quello che crea, sottraendo se stesso/a alla responsabilità di fornire motivazioni e presupposti teorici altri da quelli che possiamo rintracciare nei suoi lavori. Doren è quindi un "io" dissolto nella liquidità del fare artistico, un animo che emerge nelle tracce biografiche dei suoi disegni, negli elementi sospesi delle sue rappresentazioni.

Durante l’opening dell’evento, verrà presentato il catalogo della mostra a cura di Site Specific, edito da Muse Edizioni.


SITE SPECIFIC è una realtà indipendente che si esprime attraverso la ricerca e la sperimentazione delle arti contemporanee. Si sviluppa per volontà di un collettivo di artisti e professionisti che si confrontano e creano idee e progetti per raggiungere attraverso l'arte obiettivi comuni; un gruppo di persone che avvertono l’urgenza di un rinnovamento culturale. Site Specific è una realtà dinamica che necessita di interagire con spazi differenti per dar vita ad una singolare "performance culturale" che trasforma Scicli in un Teatro Vivo, in un luogo in cui la creatività contemporanea può "abitare ed esistere". Il collettivo Site Specific nato nella città di Scicli, riconosciuta Patrimonio Unesco, è interessato a creare nuove possibilità di dialogo e relazioni con altre realtà nazionali e internazionali; desidera avviare proficue collaborazioni con enti pubblici e privati, evitando però di accettare compromessi che possano alterare i valori della sua costituzione. I progetti e le diverse attività di ricerca di Site Specific sono regolarizzate dall'Associazione Culturale Pass/o. L'ideatore e fondatore di Site Specific è l'artista e direttore artistico Sasha Vinci.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…