Passa ai contenuti principali

Showcase - Contemporaneamente Facce da vetrina a Frascione Arte di Firenze con i lavori di Riccardo Antonelli.

Si intitola “Showcase - Facce da vetrina" la nuova iniziativa promossa dalla galleria Frascione Arte di Firenze. Il progetto, a cura di Lorenzo Fiorucci, con la partecipazione dell’artista Riccardo Antonelli, propone la vetrina della Galleria come luogo di incontro, diaframma tra la realtà e il desiderio, tra il quotidiano e l'effimero, spazio in cui sguardi, ambizioni ed emozioni diverse convergono e confluiscono per brevi attimi. I diversi stati d’animo delle persone che si sono accostate alla vetrina (dal 24 al 29 novembre) sono stati immortalati dall'obiettivo di una macchina fotografica e restituiti sotto forma artistica dal pittore Riccardo Antonelli. Le opere verranno presentate in occasione della manifestazione Contemporaneamente giovedì 4 dicembre 2014 a partire dalle ore 18.00, assieme ad una performance di Antonelli che trasporrà a colpi di spatola sulla tela una delle fotografie scattate dalla vetrina di Via Maggio .

Si è soliti considerare la vetrina come punto di osservazione dall'esterno all'interno. Scopo del progetto è invece cambiare il punto di vista, fissando l'immagine dei passanti, e cercando di cogliere le loro differenti emozioni: turisti, attratti dal fascino dell'arte, che si affacciano incuriositi; barboni che si accostano all'ingresso in cerca di attenzione; collezionisti che frugano le vetrine con la speranza di trovare il pezzo mancante alla propria raccolta; storici dell'arte e critici animati dal piacere della scoperta. Questo ribaltamento del punto di vista diventa così metafora della condizione contemporanea, in cui è l'uomo ad essere diventato oggetto d'osservazione.

Non è casuale la scelta del pittore Riccardo Antonelli, la cui opera è stata recentemente commentata da Achille Bonito Oliva, che ha descritto efficacemente il carattere della sua ricerca artistica: "Riccardo Antonelli pone l'uomo al centro della sua tela, il volto abnorme ... umanissimo che tanto sconforta e sconcerta un pubblico quasi scrutato da quelle grandi pupille, da quell'aria indagatoria e giudicatrice. Il quadro per Antonelli diviene uno specchio pauroso in cui non si riflettono le nostre virtù ma le nostre colpe. Lo specchio ormai fisso in quell'immagine, bloccato in quella fisionomia, è quasi un memento mori costante che ci osserva ogni qual volta noi cediamo al desiderio di compiacere il narcisismo e l'egotismo. Lo specchio assume valenza di manifesto, di slogan morale contro i vezzi della società attuale, verso il nichilismo di cui siamo tutti imbevuti".

Riccardo Antonelli, cresciuto nella Compagnia di Artisti di Sansepolcro, al fianco di artisti figurativi locali come Mario Baragli, Franco Alessandrini, Stefano Camaiti, Mario Argenti e Roberto Lanari, è considerato un giovane promettente, apprezzato da critici e galleristi. La pittura del biturgense colpisce per il prorompente ed energico impatto cromatico e materico. Un’arte pura e schietta, caratterizzata da un linguaggio immediato e deciso. Il percorso di ricerca di Antonelli è legato ad una pittura formale, priva di concettualismi, che lascia grande spazio all'istintività. L'autore inoltre dà prova di doti grafiche non comuni. Molte sono state le personali di Antonelli, che si è fatto apprezzare ad Arezzo, Umbertide, Città di Castello, Sansepolcro, Bagno di Romagna e Firenze, riscuotendo apprezzamenti di pubblico e critica. Importanti sono anche le mostre collettive, alle quali ha preso parte accanto alle opere di Marina Abramovic, Fiume, Alinari, Schifano, Kostabi, Vespignani, Treccani, Benvenuti. In particolare, si è fatto notare all’ultima triennale romana, ottenendo il plauso di Achille Bonito Oliva. 

Showcase - Facce da Vetrina
giovedì 4 dicembre, ore 18.00 inaugurazione e performance dell'artista
aperta fino al 17 gennaio 2015
Galleria Frascione Arte
Firenze, Via Maggio 5

Ingresso libero

Telefono 055 23 99 205
info@frascionearte.com www.frascionearte.com
Ufficio stampa: Studio Ester Di Leo T. +39055 223907 Cell. +39348 3366205
mail: ufficiostampa@studioesterdileo.it www.studioesterdileo.it

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…