Passa ai contenuti principali

Contemporaneo-Espressioni - Ultima tranche 2014 della rassegna StARTpoint

Giovedì 4 dicembre alle ore 10 presso il Cenacolo dell’Accademia di Belle Arti di Firenze si inaugura “CONTEMPORANEO | ESPRESSIONI”, a cura di Massimo Orsini, Marco Raffaele, Vincenzo Ventimiglia, l’ultima tranche 2014 della rassegna StARTpoint organizzata dall’Accademia di Belle Arti di Firenze nell’ambito del progetto Toscanaincontemporanea2013 della Regione Toscana, con il sostegno della Provincia e del Comune di Firenze e in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Daranno il saluto il presidente dell’Accademia Luciano Modica, il neo-direttore Eugenio Cecioni, il presidente del comitato scientifico di StARTpoint Giuseppe Andreani e il responsabile del settore valorizzazione del patrimonio culturale della Regione Toscana Massimo Gregorini. Presenti inoltre il sindaco e assessore alla Cultura del Comune di Firenze Dario Nardella, l’assessore alla Cultura del Comune di Vinci Paolo Santini, l’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Vinci Claudia Heimes.

Seguirà (ore 10,30 Aula Ghiberti) la presentazione in anteprima del saggio “Fondo Segreto, un filo rosso per una nuova didattica delle arti attraverso Paul Klee”di Alexandros Briasoulis e Massimo Orsini e la conferenza di Marianne Keller Tschirren, storica d’arte e collaboratrice del Zentrum Paul Klee di Berna, sul tema: “La formazione è buona, la forma è cattiva”. Focus dell'intervento il divenire plastico e il processo formativo come quintessenza dell’insegnamento di Klee, sviluppato durante il decennio della sua attività didattica nella scuola del Bauhaus.

Dal programma di giovedì 4 si evidenziano gli incontri con gli artisti Antonio Catelani (ore 12), curatore della mostra “Distracting surface” per il Künstlerhaus di Bregenz in Austria e  Juan Pablo Macías (ore 15), che presenta una serie di progetti originati dalla sua personalissima visione del disegno. Nel pomeriggio (ore 17) l’intervento inedito di Lucrezia De Domizio Durini, dal titolo “Designing Life”. Figura nota e atipica nel sistema dell’arte internazionale, Lucrezia De Domizio Durini ama definirsi collezionista di rapporti umani. Al termine la proiezione del film da lei prodotto, “Beuys Frames”- No profit - di Pierparide Tedeschi e Marco Ligabue, opera selezionata ufficialmente per il New York City Independent Film Festival.

Gli incontri continueranno venerdì 5 dicembre, giornata in cui in Accademia sarà ospite l’artista Fabrizio Corneli (ore 10,30) con un intervento/conferenza dal titolo “Disegno molto temporaneo”, incentrato sulla temporaneità come trasformazione, ambiguità visiva e come percorso: in quanto tempo si percepisce un’immagine? A seguire, alle ore 11,30,  l’artista Chiara Camoni terrà un incontro dal titolo “Di segnare il tempo”.

I moderatori dei vari interventi saranno Pietro Gaglianò, Lorenzo Bruni, curatori e critici indipendenti, Alberto Salvadori, Direttore del museo Marino Marini di Firenze e Franco Speroni, docente e storico dell’arte.

StARTpoint ospita anche un intervento musicale di Eb/Cointreau (Puli/Limberty/Bart) improvvisazioni su un film senza sonoro durante l'incontro con l’artista Emanuele Becheri.

Al Teatro della Pergola, venerdì 5 alle ore 18 le mostre “diSETgnare un film” e “Il Segno in Rilievo” hanno come tematica comune i diversi aspetti del disegno e della progettazione negli ambiti dello spettacolo.

Mercoledì 10 dicembre (dalle ore 9) l’artista Chiara Camoni condurrà un laboratorio sul disegno nel museo di Vinci (sede della Palazzina Uzielli). Titolo del laboratorio: “Punti, linee e arcobaleni”. L’artista intende sviluppare con i bambini della scuola elementare di Vinci un possibile approccio al disegno e al colore attraverso le modalità dell’arte contemporanea. I disegni prodotti saranno poi esposti dall'11 dicembre al 7 Gennaio 2015 presso la Casa Natale di Leonardo ad Anchiano (Vinci).

Il Museo Leonardiano di Vinci ospiterà, da giovedì 11 dicembre a mercoledì 7 gennaio, un progetto di spazio interattivo del giovane artista cinese Lin Xin, in cui sono coinvolti i visitatori. La serata inaugurale di giovedì 11 dicembre vedrà anche la partecipazione degli artisti Moira Ricci e Stefano Tondo: la prima presenterà un intervento performativo dal titolo “Da buio a buio” e il secondo sul tema “La tecnica e l’opera d’arte”.

Le mostre finali della rassegna costituiscono il premio StARTpoint 2014 per i giovani artisti dell’Accademia.

Da martedì 16 dicembre gli ambienti espositivi di Villa Romana e lo a spazio Xenos di Firenze diventeranno una mappa ideale dei loro interventi. A villa romana esporranno i giovani artisti: Gabriele Germano Gaburro, Gabriele Mauro, Fabrizio Torri. Lo spazio Xenos ospiterà il gruppo di Grafica Start Point del Biennio di Arti Visive al lavoro in un cantiere aperto e visitabile di progetti in corso.

Fino al 2 febbraio 2015 

SEDI ESPOSITIVE: Accademia di Belle arti di Firenze | Sala Ghiberti | Via Ricasoli 66 | Firenze
Teatro alla Pergola | Corridoio Sala Oro | Via della Pergola 12-30 | Firenze
Museo Leonardiano di Vinci | Palazzina Uzielli | Sala didattica | Vinci
Casa natale di Leonardo | Anchiano | Vinci
Museo Leonardiano di Vinci | Castello del Conte Guidi | Vinci
Xenos - arte contemporanea | Viale Petrarca 60R | Firenze
Villa Romana | Via Senese 68 | Firenze
Galleria dell’Accademia | Via Ricasoli 60 | Firenze

Informazioni 
Accademia di Belle Arti di Firenze
Sede: Via Ricasoli 66 - Firenze
Tel.  055 215449 –055 2398660
www.accademia.firenze.it 
www.startpoint1314.tmblr.com  

STARTpoint 2013 | 2014
Progetto a cura di  Massimo Orsini, Marco Raffaele, Vincenzo Ventimiglia

Ufficio Stampa Accademia di Belle Arti di Firenze
Marco Mannucci - cell 3477985172 - ufficiostampa@accademia.firenze.it

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …