Passa ai contenuti principali

Contemporaneo-Espressioni - Ultima tranche 2014 della rassegna StARTpoint

Giovedì 4 dicembre alle ore 10 presso il Cenacolo dell’Accademia di Belle Arti di Firenze si inaugura “CONTEMPORANEO | ESPRESSIONI”, a cura di Massimo Orsini, Marco Raffaele, Vincenzo Ventimiglia, l’ultima tranche 2014 della rassegna StARTpoint organizzata dall’Accademia di Belle Arti di Firenze nell’ambito del progetto Toscanaincontemporanea2013 della Regione Toscana, con il sostegno della Provincia e del Comune di Firenze e in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Daranno il saluto il presidente dell’Accademia Luciano Modica, il neo-direttore Eugenio Cecioni, il presidente del comitato scientifico di StARTpoint Giuseppe Andreani e il responsabile del settore valorizzazione del patrimonio culturale della Regione Toscana Massimo Gregorini. Presenti inoltre il sindaco e assessore alla Cultura del Comune di Firenze Dario Nardella, l’assessore alla Cultura del Comune di Vinci Paolo Santini, l’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Vinci Claudia Heimes.

Seguirà (ore 10,30 Aula Ghiberti) la presentazione in anteprima del saggio “Fondo Segreto, un filo rosso per una nuova didattica delle arti attraverso Paul Klee”di Alexandros Briasoulis e Massimo Orsini e la conferenza di Marianne Keller Tschirren, storica d’arte e collaboratrice del Zentrum Paul Klee di Berna, sul tema: “La formazione è buona, la forma è cattiva”. Focus dell'intervento il divenire plastico e il processo formativo come quintessenza dell’insegnamento di Klee, sviluppato durante il decennio della sua attività didattica nella scuola del Bauhaus.

Dal programma di giovedì 4 si evidenziano gli incontri con gli artisti Antonio Catelani (ore 12), curatore della mostra “Distracting surface” per il Künstlerhaus di Bregenz in Austria e  Juan Pablo Macías (ore 15), che presenta una serie di progetti originati dalla sua personalissima visione del disegno. Nel pomeriggio (ore 17) l’intervento inedito di Lucrezia De Domizio Durini, dal titolo “Designing Life”. Figura nota e atipica nel sistema dell’arte internazionale, Lucrezia De Domizio Durini ama definirsi collezionista di rapporti umani. Al termine la proiezione del film da lei prodotto, “Beuys Frames”- No profit - di Pierparide Tedeschi e Marco Ligabue, opera selezionata ufficialmente per il New York City Independent Film Festival.

Gli incontri continueranno venerdì 5 dicembre, giornata in cui in Accademia sarà ospite l’artista Fabrizio Corneli (ore 10,30) con un intervento/conferenza dal titolo “Disegno molto temporaneo”, incentrato sulla temporaneità come trasformazione, ambiguità visiva e come percorso: in quanto tempo si percepisce un’immagine? A seguire, alle ore 11,30,  l’artista Chiara Camoni terrà un incontro dal titolo “Di segnare il tempo”.

I moderatori dei vari interventi saranno Pietro Gaglianò, Lorenzo Bruni, curatori e critici indipendenti, Alberto Salvadori, Direttore del museo Marino Marini di Firenze e Franco Speroni, docente e storico dell’arte.

StARTpoint ospita anche un intervento musicale di Eb/Cointreau (Puli/Limberty/Bart) improvvisazioni su un film senza sonoro durante l'incontro con l’artista Emanuele Becheri.

Al Teatro della Pergola, venerdì 5 alle ore 18 le mostre “diSETgnare un film” e “Il Segno in Rilievo” hanno come tematica comune i diversi aspetti del disegno e della progettazione negli ambiti dello spettacolo.

Mercoledì 10 dicembre (dalle ore 9) l’artista Chiara Camoni condurrà un laboratorio sul disegno nel museo di Vinci (sede della Palazzina Uzielli). Titolo del laboratorio: “Punti, linee e arcobaleni”. L’artista intende sviluppare con i bambini della scuola elementare di Vinci un possibile approccio al disegno e al colore attraverso le modalità dell’arte contemporanea. I disegni prodotti saranno poi esposti dall'11 dicembre al 7 Gennaio 2015 presso la Casa Natale di Leonardo ad Anchiano (Vinci).

Il Museo Leonardiano di Vinci ospiterà, da giovedì 11 dicembre a mercoledì 7 gennaio, un progetto di spazio interattivo del giovane artista cinese Lin Xin, in cui sono coinvolti i visitatori. La serata inaugurale di giovedì 11 dicembre vedrà anche la partecipazione degli artisti Moira Ricci e Stefano Tondo: la prima presenterà un intervento performativo dal titolo “Da buio a buio” e il secondo sul tema “La tecnica e l’opera d’arte”.

Le mostre finali della rassegna costituiscono il premio StARTpoint 2014 per i giovani artisti dell’Accademia.

Da martedì 16 dicembre gli ambienti espositivi di Villa Romana e lo a spazio Xenos di Firenze diventeranno una mappa ideale dei loro interventi. A villa romana esporranno i giovani artisti: Gabriele Germano Gaburro, Gabriele Mauro, Fabrizio Torri. Lo spazio Xenos ospiterà il gruppo di Grafica Start Point del Biennio di Arti Visive al lavoro in un cantiere aperto e visitabile di progetti in corso.

Fino al 2 febbraio 2015 

SEDI ESPOSITIVE: Accademia di Belle arti di Firenze | Sala Ghiberti | Via Ricasoli 66 | Firenze
Teatro alla Pergola | Corridoio Sala Oro | Via della Pergola 12-30 | Firenze
Museo Leonardiano di Vinci | Palazzina Uzielli | Sala didattica | Vinci
Casa natale di Leonardo | Anchiano | Vinci
Museo Leonardiano di Vinci | Castello del Conte Guidi | Vinci
Xenos - arte contemporanea | Viale Petrarca 60R | Firenze
Villa Romana | Via Senese 68 | Firenze
Galleria dell’Accademia | Via Ricasoli 60 | Firenze

Informazioni 
Accademia di Belle Arti di Firenze
Sede: Via Ricasoli 66 - Firenze
Tel.  055 215449 –055 2398660
www.accademia.firenze.it 
www.startpoint1314.tmblr.com  

STARTpoint 2013 | 2014
Progetto a cura di  Massimo Orsini, Marco Raffaele, Vincenzo Ventimiglia

Ufficio Stampa Accademia di Belle Arti di Firenze
Marco Mannucci - cell 3477985172 - ufficiostampa@accademia.firenze.it

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…