Passa ai contenuti principali

Sweet and Sour. Un Natale consapevole – Esposizione e Performance


Lunedì 29 Dicembre 2014 alle ore 18, presso il Cortile del Tempio di Apollo in Circo, piazza Campitelli n. 7 - Roma, verrà inaugurata la Mostra “Sweet and Sour. Un Natale consapevole – Esposizione e Performance”. 

L’evento è vincitore del bando “Spazi in Festa” promosso dall’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione artistica di Roma Capitale ed è promosso dal Centro Studi Cappella Orsini e dalla Galleria Bea Art di Tamara Borghini. Curatore dell’iniziativa Roberto Lucifero, Direttore artistico del Centro Studi Cappella Orsini. 

Mostra dal 30 dicembre 2014 al 12 gennaio 2015 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 18.30. 31 dicembre dalle ore 8.30 alle ore 13.30. Chiuso 1° e 6 gennaio. Performance 29 e 30 dicembre 2014 e 12 gennaio 2015 dalle ore 16.30 alle ore 18.30. 


Musica, installazioni luminose, fotografia, video sono le componenti principali di una sperimentazione artistica finalizzata a proporre una riflessione sul consumismo imperante, soprattutto durante il periodo delle festività natalizie, a fronte dell’indifferenza generale rispetto al disagio e all’emarginazione che in queste occasioni emerge in modo ancora più evidente. 


Il rapporto tra i codici espressivi della colonna sonora e della luce mira a creare l’illusione dell’atmosfera tipica dei giorni di festa, quella più gioiosa e incantata, mentre la dimensione visiva interrompe questa armonia di audio luminescenza con l’irruzione di immagini crude e 
potenti che immortalano frammenti di realtà urbane isolate, degradate, sofferenti. Portare al grande pubblico questa testimonianza in un contesto ufficiale che riconosca tale situazione senza privare il Natale del suo elemento brioso rappresenta il quadro operativo nel quale si realizza a pieno questa iniziativa. 

L’evento ha l’ambizione di suggerire modi alternativi di vivere determinate esperienze, con maggiore consapevolezza e solidarietà nel rispetto delle diverse dignità umane. Attraverso le strategie dell’interazione e della esposizione la mostra nel suo complesso intende veicolare tali messaggi di condivisione, compassione e presa di coscienza delle realtà più scomode e difficili da accettare. 

La sezione fotografica e video “Testimonianze” comprende le opere di Franco Bianchi, Giorgio De Camillis, Valerio Musocco, Valeria Spirli e Giovanni Pietro Stella. Le installazioni luminose sono il frutto del lavoro di Elvira Chiodino, EPVS, Paolo Hermanin, Franco Losvizzero, Roberto Lucifero, Angela Pellicanò, Andrea Ruffolo, Angela Scappaticci. 

Ad accompagnare la performance interverrà musica di repertorio, estratti di brani di Philipp Grass e di Brian Eno


Info e Contatti: 
Centro Studi Cappella Orsini: cappellaorsini@gmail.com 
Ufficio Stampa: centrostudicappellaorsini@gmail.com


Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

International Contemporary Art Prize 2019

L’ Associazione Culturale Collettivo 37   e la Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino ARTGALLERY37 che ha ospitato opere di artisti quali Marc Chagall, Emilio Vedova,Ennio Morlotti, Giorgio De Chirico, Luigi Spazzapan , ha indetto un premio di carattere internazionale, con la formula del concorso per artisti, al fine di promuovere  e valorizzare l’arte contemporanea e gli artisti in grado di rappresentarne l'essenze la molteplicità espressiva.  Il Concorso  “ International Contemporary Art Prize 2019 ” oltre a godere del Patrocinio della Camera di Commercio di Torino, della Città Metropolitana di Torino, della Regione Piemonte e della Città di Torino è anche supportato dalla collaborazione del Centro Vitaliano Brancati e del Centro d'arte Mavie di Scicli (Sicilia), del Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut di Pietrasanta (Toscana) e del Gruppo Artistico Londinese The Artist's Pool . Il concorso di carattere internazionale è rivolto a t

Art in dark alla Cristiano Art Gallery

Dal 29 febbraio al 29 marzo 2020 la  Cristiano Art Gallery  di via Leone I, a Pignataro Interamna (FR), ospita  “ Art in dark ” , mostra di  Giancarlo Montuschi   a cura di  Ivan Caccavale .   Sabato 29 febbraio, alle ore 18.30, l’inaugurazione ufficiale che alle 20.30 proseguirà nel salotto culturale del ristorante L'Horto dei Semplici di piazza San Salvatore, con cena su prenotazione alla presenza dell'artista. “Art in dark”  è un progetto espositivo di    Cristiano Tomassi , diretto da    Antonio Evangelista . Responsabile dell’evento è    Luigi D’Agostino . Giancarlo Montuschi, pittore e ceramista-scultore di vaglia, si esprime da decenni con un linguaggio ingenuo, fiabesco e sostanzialmente fantastico, caratterizzato da venature alchemico-esoteriche. Scrive il curatore Ivan Caccavale: « Nella serie “Pulp stories” il maestro, personalità sensibile e osservatore critico degli episodi di storia e di cronaca, soprattutto americana, conduce il fruitore in un