Passa ai contenuti principali

Sweet and Sour. Un Natale consapevole – Esposizione e Performance


Lunedì 29 Dicembre 2014 alle ore 18, presso il Cortile del Tempio di Apollo in Circo, piazza Campitelli n. 7 - Roma, verrà inaugurata la Mostra “Sweet and Sour. Un Natale consapevole – Esposizione e Performance”. 

L’evento è vincitore del bando “Spazi in Festa” promosso dall’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione artistica di Roma Capitale ed è promosso dal Centro Studi Cappella Orsini e dalla Galleria Bea Art di Tamara Borghini. Curatore dell’iniziativa Roberto Lucifero, Direttore artistico del Centro Studi Cappella Orsini. 

Mostra dal 30 dicembre 2014 al 12 gennaio 2015 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 18.30. 31 dicembre dalle ore 8.30 alle ore 13.30. Chiuso 1° e 6 gennaio. Performance 29 e 30 dicembre 2014 e 12 gennaio 2015 dalle ore 16.30 alle ore 18.30. 


Musica, installazioni luminose, fotografia, video sono le componenti principali di una sperimentazione artistica finalizzata a proporre una riflessione sul consumismo imperante, soprattutto durante il periodo delle festività natalizie, a fronte dell’indifferenza generale rispetto al disagio e all’emarginazione che in queste occasioni emerge in modo ancora più evidente. 


Il rapporto tra i codici espressivi della colonna sonora e della luce mira a creare l’illusione dell’atmosfera tipica dei giorni di festa, quella più gioiosa e incantata, mentre la dimensione visiva interrompe questa armonia di audio luminescenza con l’irruzione di immagini crude e 
potenti che immortalano frammenti di realtà urbane isolate, degradate, sofferenti. Portare al grande pubblico questa testimonianza in un contesto ufficiale che riconosca tale situazione senza privare il Natale del suo elemento brioso rappresenta il quadro operativo nel quale si realizza a pieno questa iniziativa. 

L’evento ha l’ambizione di suggerire modi alternativi di vivere determinate esperienze, con maggiore consapevolezza e solidarietà nel rispetto delle diverse dignità umane. Attraverso le strategie dell’interazione e della esposizione la mostra nel suo complesso intende veicolare tali messaggi di condivisione, compassione e presa di coscienza delle realtà più scomode e difficili da accettare. 

La sezione fotografica e video “Testimonianze” comprende le opere di Franco Bianchi, Giorgio De Camillis, Valerio Musocco, Valeria Spirli e Giovanni Pietro Stella. Le installazioni luminose sono il frutto del lavoro di Elvira Chiodino, EPVS, Paolo Hermanin, Franco Losvizzero, Roberto Lucifero, Angela Pellicanò, Andrea Ruffolo, Angela Scappaticci. 

Ad accompagnare la performance interverrà musica di repertorio, estratti di brani di Philipp Grass e di Brian Eno


Info e Contatti: 
Centro Studi Cappella Orsini: cappellaorsini@gmail.com 
Ufficio Stampa: centrostudicappellaorsini@gmail.com


Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …