Passa ai contenuti principali

INVENTARI - 25 artisti dagli anni '50 ai giorni nostri alla la Galleria Bonioni Arte di Reggio Emilia.

Inventari”: opere di venticinque artisti attivi dagli anni ’50 ai giorni nostri, dal 13 dicembre 2014 al 1 marzo 2015 presso la Galleria Bonioni Arte di Reggio Emilia.  Per la prima volta in galleria, alcune opere scultoree di Pablo Atchugarry, Nicola Carrino, Paolo Cotani, Piero Fogliati, Eduard Habicher ed Arcangelo Sassolino, autori selezionati per “Arte Fiera” (Bologna). 

Come spiega Federico Bonioni, «Il titolo della mostra fa riferimento ad un’opera di Giovanni Lombardini (Inventari, 2014), ma anche ad un particolare periodo dell’anno in cui si tirano le somme sulla stagione passata e si pianificano nuove esposizioni». 

Il percorso comprende un excursus attraverso la storia dell’arte (Emilio Scanavino, Mario Schifano, Giulio Turcato, Georges Mathieu), il riepilogo dei precedenti progetti e le ultime ricerche degli artisti più giovani, tra i quali Luca Moscariello, presente a “SetUp Art Fair” (Bologna). 

La collettiva, che verrà inaugurata sabato 13 dicembre alle ore 17.00, sarà visitabile fino al 1 marzo 2015, da martedì a domenica con orario 10.00-13.00 e 16.00-20.00, chiuso 25 dicembre,  1 gennaio, aperto 6 gennaio. 

Opere di Pablo Atchugarry, Afro, Giacomo Balla, Mirko Baricchi, Marco Bolognesi, Nicola Carrino, Giacomo Cossio, Paolo Cotani, Roberto Crippa, Josè Demetrio, Marco Ferri, Piero Fogliati, Eduard Habicher, Hans Hartung, Pietro Iori, Giorgio Laveri, Giovanni Lombardini, Georges Mathieu, Luca Moscariello, Sam Francis, Arcangelo Sassolino, Emilio Scanavino, Mario Schifano, Giulio Turcato, Emilio Vedova. 

Galleria Bonioni Arte 
Corso Garibaldi, 43 
42121 Reggio Emilia 
Tel/Fax 0522 435765 
www.bonioniarte.it 
info@bonioniarte.it

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…