Passa ai contenuti principali

Alessandro Citti e le Cicatrici di Vita

Si inaugura martedì 22 dicembre alle ore 17.30 presso le Scuderie Granducali di Seravezza, viale L. Amadei 239, ( Lu), la mostra fotografica, realizzata in collaborazione con la Fondazione Terre Medicee, che fa parte del progetto“Cicatrici di Vita”, ideato da Chiara Vogliazzo. In esposizione 12 pannelli di grandi dimensioni, che riproducono le 12 foto delle 12 donne versiliesi fotografate da Alessandro Citti mentre mostrano la loro cicatrice, più o meno visibile, dovuta ad operazioni subite per sconfiggere il cancro. 

Donne sorridenti e positive che vogliono lanciare un messaggio molto importante: le cicatrici sono profonde nel corpo e nell'anima, ma la rinascita è ancora più forte, si può guarire e uscirne con il sorriso. Si tratta della prima esposizione assoluta del progetto di cui fa parte anche la pubblicazione di un calendario 2016 a scopo benefico, con le 12 donne fotografate esposte in mostra. 

Il calendario è disponibile, oltre che a alle Scuderie Granducali, a offerta libera nelle edicole e librerie della Versilia, presso la sede dell’Associazione Per Te Donna, on-line sul sito www.cicatricidivita.it e presso tante altre attività che si sono offerte di dare il loro aiuto al progetto. 

Tutto il ricavato andrà in beneficenza all’Associazione Per Te Donna. “Quello che secondo me distingue questo progetto da tanti altri – spiega l’ideatrice Chiara Vogliazzo - è il tipo di visuale che sdogana l’immaginario collettivo su donna e cancro: non foto tetre e angoscianti in bianco e nero, ma immagini a colori con volti sorridenti. Un sorriso che – è bene precisare – non vuole nascondere la cicatrice dietro un falso sorriso, ma che vuole segnare la rinascita, dopo aver guardato in faccia le cicatrici dell’anima e del corpo e aver fatto pace con loro. Sorridiamo alla nuova vita senza dimenticare il passato”. Le 12 donne del calendario sono:

Gennaio: Raffaella Della Maggiore (di Massarosa)
Febbraio: Chiara Vogliazzo (di Massarosa)
Marzo: Federica Sarcoli (di Massarosa)
Aprile: Luana Pardini (di Lido di Camaiore)
Maggio: Simona Romagnoli (di Lido di Camaiore)
Giugno: Simona Lepre (di Viareggio)
Luglio: Sandra Lotti (di Massarosa)
Agosto: Loredana Napoli (di Torre del Lago Puccini)
Settembre: Donatella Cima (di Massarosa)
Ottobre: Isabella Mariani (di Pietrasanta)
Novembre: Annalisa Marsili (di Torre del Lago Puccini)
Dicembre: Gina Spina (di Viareggio)

La mostra sarà aperta ad ingresso gratuito fino asl 10 gennaio 2016 nei fine settimana e nei giorni festivi. 

Il sito di riferimento per tutte le informazioni è www.cicatricidivita.it un sito realizzato da un team composto da Martha Bartalini, Paola Furini e Alessandra Bonacoscia.

Info: Fondazione Terre Medice: tel. 0584.757443, e- mail: segreteria@terremedicee.it www.terremedicee.it 
Ufficio Stampa Fondazione Terre Medicee
Fabrizio Lucarini 3407612178

Alessandro Citti - Cicatrici di Vita
EX SCUDERIE GRANDUCALI
Seravezza (LU) - dal 22 dicembre 2015 al 10 gennaio 2016
Via Del Palazzo (55047)
uturismo@comune.seravezza.lucca.it
www.palazzomediceo.com

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…