Passa ai contenuti principali

Flash Art - Numero di dicembre 2015 : Ecco cosa troviamo fra le pagine.

Il numero di Flash Art Italia  per il mese di dicembre 2015 è già in edicola. Dalla newsletter di quest'oggi scopriamo in anteprima ciò che troveremo in primo piano fra le pagine della imperdibile rivista d'arte contemporanea:

Jeff Koons 
Sergio Risaliti intervista il mostro sacro dell’arte contemporanea, in occasione dell’evento “Jeff Koons in Florence”. “Io penso che la storia di ognuno sia il proprio fondamento, è quindi molto importante che ognuno accetti il proprio essere e il proprio passato e che lo usi come base della propria vita. […] Gli oggetti di per sé non sono importanti. Non c’è felicità negli oggetti materiali”.

Adrian Villar Rojas
Olga Gambari incontra l’artista argentino in occasione della mostra alla Fondazione Sandretto di Torino. “Una delle mie principali preoccupazioni è il modo in cui possiamo rappresentare il tempo, quindi è abbastanza logico fare uso di riferimenti presi dalla storia e dalla scienza, dal passato e dal futuro. Tutto può essere fossilizzato, anche la geometria, i sentimenti o la matematica astratta”.

Marie Cool e Fabio Balducci
Simone Menegoi indaga il lavoro dei due artisti. “Il nostro lavoro è più affine al rito, l’idea di repertorio nel senso cumulativo del termine non ci rappresenta. […] è la contrapposizione, l’antitesi l’unico sentimento che ci appartiene”.

Antonio Biasiucci
La “natura non indifferente” di Biasiucci investigata da Gianluca Riccio. “Detesto i fotografi che dicono che il soggetto è solo un pretesto. […]. Perciò ancora da adulto vado a cercare un rifugio nella sacralità che ai miei occhi il soggetto custodisce, da un senso alla mia operazione, alla ritualità che metto in atto ogni volta”.

Brigitte Niedermair
Stefano Rabolli Pansera intervista Brigitte Niedermair in occasione della mostra al Museo Morandi di Bologna. “Io non parto mai dall’idea di un’immagine, ma piuttosto da un concetto, un pensiero, l’immagine arriva dopo. Mi piace arrivare al punto più preciso e profondo del mio pensiero e per farlo devo essere rigorosa, essenziale, severa”.

Fotografia della differenza 
Raffaella Perna racconta il lavoro di artiste fotografe negli anni Settanta, alle prese con femminismo, politica e consapevolezza di genere. “Nel contestare le immagini del femminile diffuse nella cultura visiva occidentale, dove il corpo della donna è abitualmente sottoposto a un processo di reificazione, il medium fotografico è un alleato prezioso: la sua specifica contiguità con il reale fa sì che l’immagine fotografica si presenti come una traccia sensibile del corpo, luogo in cui si inscrivono non soltanto i segni dell’identità biologica, ma anche quelli legati al ruolo sociale e pubblico”.

Alfredo Aceto
Andrea Bellini in conversazione con Alfredo Aceto. “Ricordo pomeriggi di sole a Torino che si trasformavano sempre in questi paesaggi desertici, fumanti, schiaccianti e opprimenti. Mattinate d’inverno a Losanna in cui mi sentivo l’unico rimasto a Prypiat un anno dopo l’esplosione nucleare”.

Davide Balliano
Federica Tattoli alla scoperta delle “leggi dell’universo in opera” di Davide Balliano. “I suoi quadri ci mostrano segni, archi, curve, spirali, linee; chi si ritrova davanti alle sue tavole dipinte non può che sentire una sensazione di familiarità, riconoscere qualcosa che risuona con la propria interiorità ancestrale, è tutto lì, si nasconde nell’universale, sono segni che riconosciamo come leggi base della natura”.

Gian Marco Montesano. Europa Addio, di Francesco Scasciamacchia.

Recensioni:
Milano: Gianni Piacentino, Fondazione Prada; Luciano Fabro, Galleria Christian Stein; Stanley Whitney, Lisson Gallery; Micol Assael, Zero…; Roma: Consequences, Fondazione Giuliani, Entre Nous, z2o Sara Zanin; Bologna:Andy Warhol, Galleria Arte Maggiore; Napoli:Mark Leckey, Madre; Rebecca Horn, Studio Trisorio; Sonia Kacem, T293; Bolzano:Cerith Wyn Evans; Firenze:Jan Fabre, Galleria Il Ponte;Lissone:Zero in the Mirror, MAC; Torino:Boris Mikhailov, Camera; Paloma Varga Weisz, Castello di Rivoli; Trento:Masbedo, Mart; Venezia:Ferruccio Gard, Ca’ Pesaro; Lucca:I can reach you, Lo Scompiglio.

Inoltre la sempre più avvincente Storia dell’arte di Marcello Jori.

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …