Passa ai contenuti principali

Operazione senza trincee

Nel momento in cui i fatti che si susseguono nella loro tragicità in tutto il mondo ci obbligano ad una riflessione profonda, l’arte è chiamata a rispondere. E’ questo il senso dell’”Operazione senza trincee”, mostra a quattro sessioni, a cura di Anna Massinissa.

Il progetto rappresenta l’ evoluzione del lavoro artistico sul tema delle Beatitudini, iniziato insieme all’Ufficio Cultura Diocesano. Da questa riflessione e, in relazione soprattutto ai fatti di cronaca che si ripetono ogni giorno, è nata l’idea di estendere l’operazione artistica abbracciando una tematica ancor più vasta e complessa e, soprattutto, attuale, quella della pace e dignità umana. 

Ecco perché è nato il progetto “Operazione senza trincee” che avrà luogo dal 6 al 20 gennaio presso la Nuova Galleria delle Arti di Fabriano. Non si tratta di una semplice esposizione ma di quattro operazioni artistiche differenti che affronteranno, ognuna a modo suo, il tema della pace declinata ai giorni nostri.

InArte e l’Ufficio Diocesano Cultura cureranno una grande istallazione di opere mail art dedicate alle Beatitudini, tema sviluppato da molti artisti in formato cartolina attraverso diverse tecniche, sulla scia della precedente operazione artistica sul tema “Padre Nostro”.

Giuseppe Salerno sarà invece il curatore della mostra “Pace non è una parola”, esposizione di opere di artisti che accendono i riflettori su gravi catastrofi umani alle cui cause siamo chiamati a dichiarare guerra. La mostra è la continuità dell’esposizione, sempre curata da Salerno, “Uomini soli”.

Margherita Totori curerà invece l’esposizione della riproduzione dell’opera ”Refugees”, acquarello di grande formato realizzato dall’artista turco Atanur Dogan proprio come spunto di riflessione sul tema dei rifugiati. L’opera in questo momento è in esposizione in India per un contest artistico internazionale.

L’associazione culturale Fabricamenti proporrà infine una riflessione sul tema della dignità, individuale e condivisa. La dignità è fonte di diritti e doveri e si traduce in comportamenti responsabili, misurati, che denotano rispetto per sé e verso gli altri. Anche questa volta l’associazione proporrà un’operazione a cui ognuno sarà chiamato a dare il proprio contributo.

L’appuntamento è quindi per il 6 gennaio alle ore 18:00, quando sarà inaugurata l’esposizione, spunto di nuove riflessioni su un momento storico particolarmente delicato e su tante realtà che troppo spesso tendiamo ad ignorare.

Di seguito i nomi degli artisti che partecipano al progetto Operazione senza trincee:
Fabricamenti, Lughia, Rossella Baldecchi, Sara Bartocci, Sara Bilei, Valentina Bracchetti, Franco Brescini, Mattia Brusati, Alexia Carli, Elisa Carnevali, Anna Carusi, Antonio Cerquarelli, Oscar Coffani, Annalisa Cola, Rita Corradi, Michele De Luca, Letizia Del Terra, Atanur Dogan, Caterina Dorello, cinzia farina, Luigi Ferretti, Claudio Mario Feruglio, Ruben Gagliardini, Luana Galassi, Simone Gatti, Gaia Germoni, Stella Giannini, Remo Giombini, Gessica Hima, Alexander Limarev, Marzia Maria Braglia, Anna Massinissa, Roberta Mattioli, Moreno Melacotte, Massimo Melchiorri, Melita Olmeda, Lucia Ottavi, Stefania Palazzetti, Elisa Pallotta, Giuseppe Papaleo, Rosella Passeri, Pietro Carlo Pellegrini, Francesco Pichler Ot, Camilla Poduti, Rosella Quintini, Veronica Rachiglio, Mirella Raggi, Martina Rughi, Pio Serafini, Eleonora Setaro, Fabrizio Stacchio, Marisa Supato, Vinia Tanchis, Iolanda Tiberi, Liliana Tiberio, Alessandro Toni, Franco Zingaretti


Operazione senza trincee
NUOVA GALLERIA DELLE ARTI
Fabriano (AN) - dal 6 al 20 gennaio 2016
Via Vincenzo Gioberti (60044)
+39 073223114 , +39 3483890843
info@inartefabriano.it

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …