Passa ai contenuti principali

Operazione senza trincee

Nel momento in cui i fatti che si susseguono nella loro tragicità in tutto il mondo ci obbligano ad una riflessione profonda, l’arte è chiamata a rispondere. E’ questo il senso dell’”Operazione senza trincee”, mostra a quattro sessioni, a cura di Anna Massinissa.

Il progetto rappresenta l’ evoluzione del lavoro artistico sul tema delle Beatitudini, iniziato insieme all’Ufficio Cultura Diocesano. Da questa riflessione e, in relazione soprattutto ai fatti di cronaca che si ripetono ogni giorno, è nata l’idea di estendere l’operazione artistica abbracciando una tematica ancor più vasta e complessa e, soprattutto, attuale, quella della pace e dignità umana. 

Ecco perché è nato il progetto “Operazione senza trincee” che avrà luogo dal 6 al 20 gennaio presso la Nuova Galleria delle Arti di Fabriano. Non si tratta di una semplice esposizione ma di quattro operazioni artistiche differenti che affronteranno, ognuna a modo suo, il tema della pace declinata ai giorni nostri.

InArte e l’Ufficio Diocesano Cultura cureranno una grande istallazione di opere mail art dedicate alle Beatitudini, tema sviluppato da molti artisti in formato cartolina attraverso diverse tecniche, sulla scia della precedente operazione artistica sul tema “Padre Nostro”.

Giuseppe Salerno sarà invece il curatore della mostra “Pace non è una parola”, esposizione di opere di artisti che accendono i riflettori su gravi catastrofi umani alle cui cause siamo chiamati a dichiarare guerra. La mostra è la continuità dell’esposizione, sempre curata da Salerno, “Uomini soli”.

Margherita Totori curerà invece l’esposizione della riproduzione dell’opera ”Refugees”, acquarello di grande formato realizzato dall’artista turco Atanur Dogan proprio come spunto di riflessione sul tema dei rifugiati. L’opera in questo momento è in esposizione in India per un contest artistico internazionale.

L’associazione culturale Fabricamenti proporrà infine una riflessione sul tema della dignità, individuale e condivisa. La dignità è fonte di diritti e doveri e si traduce in comportamenti responsabili, misurati, che denotano rispetto per sé e verso gli altri. Anche questa volta l’associazione proporrà un’operazione a cui ognuno sarà chiamato a dare il proprio contributo.

L’appuntamento è quindi per il 6 gennaio alle ore 18:00, quando sarà inaugurata l’esposizione, spunto di nuove riflessioni su un momento storico particolarmente delicato e su tante realtà che troppo spesso tendiamo ad ignorare.

Di seguito i nomi degli artisti che partecipano al progetto Operazione senza trincee:
Fabricamenti, Lughia, Rossella Baldecchi, Sara Bartocci, Sara Bilei, Valentina Bracchetti, Franco Brescini, Mattia Brusati, Alexia Carli, Elisa Carnevali, Anna Carusi, Antonio Cerquarelli, Oscar Coffani, Annalisa Cola, Rita Corradi, Michele De Luca, Letizia Del Terra, Atanur Dogan, Caterina Dorello, cinzia farina, Luigi Ferretti, Claudio Mario Feruglio, Ruben Gagliardini, Luana Galassi, Simone Gatti, Gaia Germoni, Stella Giannini, Remo Giombini, Gessica Hima, Alexander Limarev, Marzia Maria Braglia, Anna Massinissa, Roberta Mattioli, Moreno Melacotte, Massimo Melchiorri, Melita Olmeda, Lucia Ottavi, Stefania Palazzetti, Elisa Pallotta, Giuseppe Papaleo, Rosella Passeri, Pietro Carlo Pellegrini, Francesco Pichler Ot, Camilla Poduti, Rosella Quintini, Veronica Rachiglio, Mirella Raggi, Martina Rughi, Pio Serafini, Eleonora Setaro, Fabrizio Stacchio, Marisa Supato, Vinia Tanchis, Iolanda Tiberi, Liliana Tiberio, Alessandro Toni, Franco Zingaretti


Operazione senza trincee
NUOVA GALLERIA DELLE ARTI
Fabriano (AN) - dal 6 al 20 gennaio 2016
Via Vincenzo Gioberti (60044)
+39 073223114 , +39 3483890843
info@inartefabriano.it

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…