Passa ai contenuti principali

I Paesaggi di Ernesto Tatafiore in mostra a Mediateca Marte

La mostra Paesaggi di Ernesto Tatafiore in esposizione a Mediateca Marte raccoglie venticinque opere su tela e carta, oltre ad un’incisione realizzata ad hoc per l’occasione presso il Laboratorio di Nola di Vittorio Avella e Antonio Sgambati, con i temi e soggetti da sempre nella cifra stilistica dell’artista, dai paesaggi lunari della sua Napoli ai ritratti femminili erotici, giocosi, in movimento a quelli di eroi antichi e moderni come Masaniello e Shakespeare. 

“Contenitori di scene di amore o violenza – spiega il Maestro Tatafiore - vivi, se si viaggia con la luce del sole o neri di notte freddi, lunari, artici. Segni residuali sopravvissuti del bisogno di guardare oltre il muro della casa, oltre la fisicità della tela. Il grigio contiene vari colori quindi è la complessità vitale; il giallo canta la luce, la forza dell'emozioni visibili".

Il tutto realizzato attraverso “l’impiego di un’intenzionale leggerezza stilistica, portato di un atteggiamento culturale che cerca non di rimuovere la complessità quanto piuttosto di metterla in scena nell’essenzialità dell’immagine” come suggerisce Achille Bonito Oliva nel testo critico del catalogo della Mostra. “Nell’ambito della transavanguardia italiana – scrive il critico - Ernesto Tatafiore rappresenta l’innesto di un sentimento illuminista dell’arte, una linea che trova il suo retroterra culturale nell’ambito della cultura napoletana. Tatafiore costruisce l’immagine come una costellazione aperta e nello stesso tempo interrotta da molti flussi fantastici. La chiarezza concettuale è evidenziata dall’impiego costante di una pittura disegnata, da forme piatte e conchiuse che restituiscono a tutto tondo i riferimenti alla realtà esterna: la figura mitica di Masaniello, quella del Vesuvio, d’innumerevoli tracce di un territorio antropologico che è quello della cultura mediterranea e in particolare napoletana con affondi verso altre referenze che vagano da Voltaire a Mozart, un universo di limpidezza e di luminosa creatività. Tale chiarezza naturalmente fa corto circuito con altri fattori derivanti dalla turbolenza culturale della pittura moderna che mette in contatto fra loro elementi estranei, flussi improvvisi della fantasia e oggetti estranei. In tal modo Tatafiore inverte il senso lineare delle cose, le relazioni tradizionali tra loro, provocando un attacco al senso comune”.

Ernesto Tatafiore - Paesaggi
MEDIATECA MARTE
Cava De' Tirreni (SA) - dall'otto al 31 dicembre 2015
Corso Umberto I 137 (84013)
+39 0899481133 , +39 0899481144 (fax)
info@marteonline.com
www.marteonline.com

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …