Passa ai contenuti principali

Giulio De Mitri. Venit lux vera Nella Cattedrale di TARANTO

Domenica 13 dicembre p.v. alle ore 19,30 nella Cripta della Cattedrale di Taranto (centro storico) sarà presentata una selezione di opere luminose a tema sacro, intitolate “Venit lux vera” del noto artista pugliese Giulio De Mitri.

La mostra promossa e organizzata dall'Arcidiocesi di Taranto e patrocinata dal Comune di Taranto e dall'Università degli Studi di Bari è parte integrante della prima edizione del Progetto culturale: “Natale in Cattedrale, tra Fede, Arte, Storia e Tradizioni”.

La mostra progettata da don Emanuele Ferro è curata da Silvano Trevisani e Elena Modio, redattori del settimanale diocesano “Nuovo Dialogo”.

Le opere di De Mitri auspicano un percorso di speranza per la realizzazione di un mondo migliore.
La composizione di box luminosi, - come scrive Silvano Trevisani in catalogo - di strutture riflettenti, di solidi di purezza geometrica, tecnicamente oltre che formalmente impeccabili, vogliono ricondurre l'espressione a purezza analitica della forma, apparentemente minimalista ma tecnicamente complessa. Così in “Venit lux vera” si apre con il libro che compendia il passaggio dalla scultura in bronzo, che aveva caratterizzate sue installazione nel parco sculture beuysiano di Bolognano o a Sparta, all'elaborazione della luce: la massa del blocco bronzeo lascia profilare il raggio luminoso con esplicito significato simbolico. Lo stesso che ritroviamo nella stella, dalla purezza cristallina e dal valore semantico, che introduce alla progressione simbolica dei quattro box luminosi che integrano e annunciano la natività nell'uovo. Il percorso si conclude con un volo luminoso di farfalle, che racchiude la più recente produzione di De Mitri, che fonda due recenti importanti installazioni “site specific” a Siena, nel giardino dell'Università, e ad Arezzo, nella loggia del Vasari. Quelle farfalle che simboleggiano un anelito spirituale e che spiccano il volo alla luce verso la Luce.”

Per l'occasione è stata realizzata una pubblicazione per le edizioni “I Quaderni della Cattedrale” contenenti testi dell'arcivescovo Filippo Santoro, di don Emanuele Ferro, direttore del settimanale “Nuovo Dialogo” e di Silvano Trevisani, scrittore e giornalista, apparato iconografico e nota biografica sull'artista.

La mostra resterà aperta sino al 24 gennaio 2016.

Giulio De Mitri
(Taranto, 1952). Ha compiuto studi umanistici ed artistici (Accademia di Belle Arti e Università). É titolare della cattedra di Tecniche e tecnologie delle arti visive nell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro. Impegnato da anni in una ricerca sulla storia e sull’immaginario della cultura mediterranea. Protagonista italiano della Light Art. È invitato a numerose esposizioni in Italia e all’estero (Budapest, Stoccolma, Osaka, Isola di Samothrace, Geraki, Ajdovscina, Porto Alegre, Philadelfia, Sarajevo, Berlino). Tra le mostre personali e le rassegne più recenti ricordiamo: 2015, Giulio De Mitri /Cortocircuito. Un viaggio interattivo con la luce-, Notte Europea dei Ricercatori / Bright 2015, Palazzo Pubblico, Siena; Giulio De Mitri / Transitorie architetture, Icastica, Loggiato del Vasari, Arezzo; Giulio De Mitri / In attesa dell'Alba, Il giardino delle Muse, Giardino di Palazzo Fieravecchia, Siena; 2014, Light Art Ensemble, Ex-Chiesa di San Carpoforo, Milano; IV Edizione della Biennale del Fin del Mundo 2014/2015, Argentina e Cile; Giulio De Mitri / Il corpo e l'anima, Museo F.R.A.C., Baronissi, (SA); 2013, Giulio De Mitri / Esperidi, Studio d'arte contemporanea “Pino Casagrande”, Roma; Biennali di Venezia LIV e LII; XV Quadriennale di Roma; 2011, 20 artisti per i 150° dell’Unità d’Italia, Palazzo Reale, Torino. Ha all'attivo numerose pubblicazioni di carattere monografico e generale (editate da Marsilio, Mazzotta, Skira, Silvana, De Agostini, Electa, Fabbri, etc.). Sue opere sono presenti in Musei, collezioni pubbliche e private.

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …