Passa ai contenuti principali

Giulio De Mitri. Venit lux vera Nella Cattedrale di TARANTO

Domenica 13 dicembre p.v. alle ore 19,30 nella Cripta della Cattedrale di Taranto (centro storico) sarà presentata una selezione di opere luminose a tema sacro, intitolate “Venit lux vera” del noto artista pugliese Giulio De Mitri.

La mostra promossa e organizzata dall'Arcidiocesi di Taranto e patrocinata dal Comune di Taranto e dall'Università degli Studi di Bari è parte integrante della prima edizione del Progetto culturale: “Natale in Cattedrale, tra Fede, Arte, Storia e Tradizioni”.

La mostra progettata da don Emanuele Ferro è curata da Silvano Trevisani e Elena Modio, redattori del settimanale diocesano “Nuovo Dialogo”.

Le opere di De Mitri auspicano un percorso di speranza per la realizzazione di un mondo migliore.
La composizione di box luminosi, - come scrive Silvano Trevisani in catalogo - di strutture riflettenti, di solidi di purezza geometrica, tecnicamente oltre che formalmente impeccabili, vogliono ricondurre l'espressione a purezza analitica della forma, apparentemente minimalista ma tecnicamente complessa. Così in “Venit lux vera” si apre con il libro che compendia il passaggio dalla scultura in bronzo, che aveva caratterizzate sue installazione nel parco sculture beuysiano di Bolognano o a Sparta, all'elaborazione della luce: la massa del blocco bronzeo lascia profilare il raggio luminoso con esplicito significato simbolico. Lo stesso che ritroviamo nella stella, dalla purezza cristallina e dal valore semantico, che introduce alla progressione simbolica dei quattro box luminosi che integrano e annunciano la natività nell'uovo. Il percorso si conclude con un volo luminoso di farfalle, che racchiude la più recente produzione di De Mitri, che fonda due recenti importanti installazioni “site specific” a Siena, nel giardino dell'Università, e ad Arezzo, nella loggia del Vasari. Quelle farfalle che simboleggiano un anelito spirituale e che spiccano il volo alla luce verso la Luce.”

Per l'occasione è stata realizzata una pubblicazione per le edizioni “I Quaderni della Cattedrale” contenenti testi dell'arcivescovo Filippo Santoro, di don Emanuele Ferro, direttore del settimanale “Nuovo Dialogo” e di Silvano Trevisani, scrittore e giornalista, apparato iconografico e nota biografica sull'artista.

La mostra resterà aperta sino al 24 gennaio 2016.

Giulio De Mitri
(Taranto, 1952). Ha compiuto studi umanistici ed artistici (Accademia di Belle Arti e Università). É titolare della cattedra di Tecniche e tecnologie delle arti visive nell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro. Impegnato da anni in una ricerca sulla storia e sull’immaginario della cultura mediterranea. Protagonista italiano della Light Art. È invitato a numerose esposizioni in Italia e all’estero (Budapest, Stoccolma, Osaka, Isola di Samothrace, Geraki, Ajdovscina, Porto Alegre, Philadelfia, Sarajevo, Berlino). Tra le mostre personali e le rassegne più recenti ricordiamo: 2015, Giulio De Mitri /Cortocircuito. Un viaggio interattivo con la luce-, Notte Europea dei Ricercatori / Bright 2015, Palazzo Pubblico, Siena; Giulio De Mitri / Transitorie architetture, Icastica, Loggiato del Vasari, Arezzo; Giulio De Mitri / In attesa dell'Alba, Il giardino delle Muse, Giardino di Palazzo Fieravecchia, Siena; 2014, Light Art Ensemble, Ex-Chiesa di San Carpoforo, Milano; IV Edizione della Biennale del Fin del Mundo 2014/2015, Argentina e Cile; Giulio De Mitri / Il corpo e l'anima, Museo F.R.A.C., Baronissi, (SA); 2013, Giulio De Mitri / Esperidi, Studio d'arte contemporanea “Pino Casagrande”, Roma; Biennali di Venezia LIV e LII; XV Quadriennale di Roma; 2011, 20 artisti per i 150° dell’Unità d’Italia, Palazzo Reale, Torino. Ha all'attivo numerose pubblicazioni di carattere monografico e generale (editate da Marsilio, Mazzotta, Skira, Silvana, De Agostini, Electa, Fabbri, etc.). Sue opere sono presenti in Musei, collezioni pubbliche e private.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…