Passa ai contenuti principali

Giulio De Mitri. Venit lux vera Nella Cattedrale di TARANTO

Domenica 13 dicembre p.v. alle ore 19,30 nella Cripta della Cattedrale di Taranto (centro storico) sarà presentata una selezione di opere luminose a tema sacro, intitolate “Venit lux vera” del noto artista pugliese Giulio De Mitri.

La mostra promossa e organizzata dall'Arcidiocesi di Taranto e patrocinata dal Comune di Taranto e dall'Università degli Studi di Bari è parte integrante della prima edizione del Progetto culturale: “Natale in Cattedrale, tra Fede, Arte, Storia e Tradizioni”.

La mostra progettata da don Emanuele Ferro è curata da Silvano Trevisani e Elena Modio, redattori del settimanale diocesano “Nuovo Dialogo”.

Le opere di De Mitri auspicano un percorso di speranza per la realizzazione di un mondo migliore.
La composizione di box luminosi, - come scrive Silvano Trevisani in catalogo - di strutture riflettenti, di solidi di purezza geometrica, tecnicamente oltre che formalmente impeccabili, vogliono ricondurre l'espressione a purezza analitica della forma, apparentemente minimalista ma tecnicamente complessa. Così in “Venit lux vera” si apre con il libro che compendia il passaggio dalla scultura in bronzo, che aveva caratterizzate sue installazione nel parco sculture beuysiano di Bolognano o a Sparta, all'elaborazione della luce: la massa del blocco bronzeo lascia profilare il raggio luminoso con esplicito significato simbolico. Lo stesso che ritroviamo nella stella, dalla purezza cristallina e dal valore semantico, che introduce alla progressione simbolica dei quattro box luminosi che integrano e annunciano la natività nell'uovo. Il percorso si conclude con un volo luminoso di farfalle, che racchiude la più recente produzione di De Mitri, che fonda due recenti importanti installazioni “site specific” a Siena, nel giardino dell'Università, e ad Arezzo, nella loggia del Vasari. Quelle farfalle che simboleggiano un anelito spirituale e che spiccano il volo alla luce verso la Luce.”

Per l'occasione è stata realizzata una pubblicazione per le edizioni “I Quaderni della Cattedrale” contenenti testi dell'arcivescovo Filippo Santoro, di don Emanuele Ferro, direttore del settimanale “Nuovo Dialogo” e di Silvano Trevisani, scrittore e giornalista, apparato iconografico e nota biografica sull'artista.

La mostra resterà aperta sino al 24 gennaio 2016.

Giulio De Mitri
(Taranto, 1952). Ha compiuto studi umanistici ed artistici (Accademia di Belle Arti e Università). É titolare della cattedra di Tecniche e tecnologie delle arti visive nell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro. Impegnato da anni in una ricerca sulla storia e sull’immaginario della cultura mediterranea. Protagonista italiano della Light Art. È invitato a numerose esposizioni in Italia e all’estero (Budapest, Stoccolma, Osaka, Isola di Samothrace, Geraki, Ajdovscina, Porto Alegre, Philadelfia, Sarajevo, Berlino). Tra le mostre personali e le rassegne più recenti ricordiamo: 2015, Giulio De Mitri /Cortocircuito. Un viaggio interattivo con la luce-, Notte Europea dei Ricercatori / Bright 2015, Palazzo Pubblico, Siena; Giulio De Mitri / Transitorie architetture, Icastica, Loggiato del Vasari, Arezzo; Giulio De Mitri / In attesa dell'Alba, Il giardino delle Muse, Giardino di Palazzo Fieravecchia, Siena; 2014, Light Art Ensemble, Ex-Chiesa di San Carpoforo, Milano; IV Edizione della Biennale del Fin del Mundo 2014/2015, Argentina e Cile; Giulio De Mitri / Il corpo e l'anima, Museo F.R.A.C., Baronissi, (SA); 2013, Giulio De Mitri / Esperidi, Studio d'arte contemporanea “Pino Casagrande”, Roma; Biennali di Venezia LIV e LII; XV Quadriennale di Roma; 2011, 20 artisti per i 150° dell’Unità d’Italia, Palazzo Reale, Torino. Ha all'attivo numerose pubblicazioni di carattere monografico e generale (editate da Marsilio, Mazzotta, Skira, Silvana, De Agostini, Electa, Fabbri, etc.). Sue opere sono presenti in Musei, collezioni pubbliche e private.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…