Passa ai contenuti principali

Anna Boghiguian

Al Castello di Rivoli dall'8 dicembre 2017 all'8 gennaio 2018 si terrà la prima grande retrospettiva dedicata ad Anna Boghiguian, artista egiziana e canadese nata a Il Cairo nel 1946 da una famiglia di origine armena. La mostra è a cura di Carolyn Christov-Bakargiev e Marianna Vecellio ed  è realizzata in collaborazione con Sharjah Art Foundation di Sharjah (UAE), dove verrà presentata dal 16 marzo al 16 giugno 2018.

La rassegna raccoglie per la prima volta in un unico percorso uno straordinario numero di taccuini, disegni, pitture, fotografie, sculture e scenografiche installazioni ambientali. Le opere grafiche di Boghiguian sono antiestetiche e dionisiache in quanto privilegiano una immediata ed emotiva comunicazione visiva e verbale rispetto a una esecuzione accademica, legata ad un concetto di bello classico ed apollineo.

L’intera opera di Boghiguian è riconducibile all’immagine e al concetto di libro e numerosissimi sono i libri d’artista da lei realizzati dall’inizio della sua attività negli anni ottanta del secolo scorso fino a oggi. Mentre i primi, come ZYX-XYZ, 1981-86, sono rilegati, nei successivi le pagine hanno cominciato ad aprirsi verso l’esterno come leporelli, per trasformarsi poi in serie di disegni le cui sequenze ricordano i fotogrammi di un film. Dal 2011 in occasione della Biennale a Sharjah e da dOCUMENTA(13) a Kassel nel 2012, i taccuini sono diventati parte di installazioni comprendenti strutture architettoniche e ambientazioni percorribili, quasi si trattasse di giganteschi libri “pop-up”, in cui lo spazio viene sperimentato come un continuo ambito di piegamento e dispiegamento. Le grandi installazioni Sinfonia incompiuta, 2011- 2012, e I mercanti di sale, 2015, presenti in mostra, possono essere interpretate in questa forma di libri espansi, spazi di resistenza intellettuale che hanno il potere di coinvolgere gli spettatori in un’esperienza diretta e corporea, profondamente diversa da quella mediata e remota che connota la nostra era digitale. Fare esperienza di una delle opere di Boghiguian significa sfogliare e leggere pagine nelle quali da lettori diventiamo anche personaggi, entrando in un universo piegato su se stesso illuminato da sconvolgenti barlumi di conoscenza.

Figlia di un orologiaio armeno, Boghiguian studia economia e politica all’American University del Cairo negli anni sessanta e si trasferisce a Montreal in Canada nei primi anni settanta, dove studia arte e musica, maturando, attraverso una vita di viaggi e spostamenti, l’urgenza di un cosmopolitismo culturale assai prima dell’avvento della globalizzazione.

Empatica osservatrice della condizione umana, nelle sue opere Boghiguian offre una interpretazione unica della vita contemporanea, tra passato e presente, poesia e politica, sguardo felice e osservazione critica del mondo. Le sue opere combinano una umanità dispersa, sofferente e nomade, vittima della Storia e dei suoi conflitti.

Pur mantenendo lo studio e la casa a Il Cairo, Boghiguian vive e lavora tra Europa, Asia, Africa e le Americhe. Vincitrice del Leone d’Oro per il miglior padiglione (Armenia) alla 56° Biennale di Venezia nel 2015, ha partecipato a numerose esposizioni internazionali tra cui la mostra itinerante “Contemporary Arab Representations” del 2003 e la n° e 14° Biennale di Istanbul nel 2009 e nel 2015.

Anna Boghiguian
Dall 8 al 26 dicembre 2017
Castello di Rivoli
Museo d'Arte Contemporanea
Piazza Mafalda di Savoia
10098 Rivoli - Torino

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …