Passa ai contenuti principali

PREMIO GIORNALISTICO PAOLO RIZZI

Domenica intensa a Venezia il 22 ottobre, tra Venicemarathon e referendum, anche l'annuale appuntamento con il PREMIO GIORNALISTICO PAOLO RIZZI, organizzato dall' ASSOCIAZIONE CULTURALE PAOLO RIZZI, quest'anno alla sua ottava edizione, che sbarca ora a Venezia nella nuova sede dell'Associazione Presieduta da Rina Dal Canton, nello splendido contesto del Palazzo di Ca' Sagredo, dopo le precedenti edizioni tenutesi nell'altrettanto magnifico e diverso contesto lagunare di Venissa, ospiti di Bisol, nell'isola di Mazzorbo.

Premio tutto al femminile quest'anno. Tre donne saranno le protagoniste di questa edizione del Premio dedicato alla carta stampata, tre giornaliste professioniste con tre articoli pubblicati su quotidiani del Nord-Est. Manuela Pivato per La Nuova Venezia, Paola Treppo per Il Gazzettino, Simonetta Zanetti per Il Mattino di Padova. E tra questi nomi uscirà quindi il vincitore di questa edizione, con una votazione in diretta.

Due testi dedicati all'arte, come nella migliore tradizione di Paolo Rizzi - una "pennellata" su Biennale Arte e un'altra su una mostra newyorkese al Guggenheim - e uno legato a società/ambiente, racconto di una particolare scelta di vita. I tre articoli sono il frutto della selezione effettuata dalla Giuria di giornalisti presieduta da Vittorio Pierobon e composta da Damiano Rizzi (Presidente Onorario dell'Associazione e Curatore del Premio), Enzo DiMartinoLeopoldo PietragnoliIvo PrandinAnna SandriAlessandro Zangrando, con Luca Colombo, cerimoniere e presentatore del Premio.

Grande attesa anche per la partecipazione straordinaria di Ferruccio De Bortoli, storico direttore del Corriere della Sera e de Il Sole 24 Ore al quale verrà consegnato il Premio Paolo Rizzi "Alla Carriera" - Coppa Archimede Seguso.

L'Associazione culturale Paolo Rizzi è nata nel 2009 con lo scopo di mantenere alto il ricordo del noto giornalista e critico d'arte de Il Gazzettino a cui è intitolata. " Un cammino relativamente breve ma ricco di soddisfazioni" afferma la Presidente Rina Dal Canton, " Molto è stato fatto, sempre nel solco dell'impegno culturale, il pilastro su cui si fonda l'Associazione, con la massima attenzione al territorio ed ai suoi protagonisti. La forza dell'Associazione, che ho l'onore di presiedere sin dalla sua costituzione, è data dall'entusiasmo dei soci - molti dei quali provenienti dal mondo dell'arte e della cultura del Nord Est - che partecipano attivi alle molteplici iniziative promosse dal Consiglio Direttivo(Presidente Rina Dal Canton,Vice Presidente Francesco JannuzziSegretario Generale Giovanna PalazziConsiglieri Piergiorgio BaroldiNicola FunariAntonio Ganz, Lorenzo Viscidi (Bluer) / n.d.r.). Un gioco di squadra che porta a risultati".

Il Premio Giornalistico, tra le varie iniziative culturali anche nel campo dell'arte e della moda, rappresenta il fiore all'occhiello dell'Associazione. Dopo il 22 ottobre, il successivo appuntamento per i soci e gli amici dell'Associazione sarà, sempre a Ca' Sagredo, domenica 3 dicembre 2017 alle 11,30 per la consueta Festa degli Auguri, conviviale durante la quale saranno anche accolti e presentati i nuovi soci.

PREMIO GIORNALISTICO PAOLO RIZZI - 8. EDIZIONE
Ca' Sagredo , Campo Santa Sofia, Cannaregio 4198/99 
VENEZIA

Domenica 22 ottobre 2017 ore 11,00 - numero di presenze limitato fino ad esaurimento dei posti. Accesso tramite la linea 1 di navigazione pubblica ACTV, fermata Ca' d'Oro oppure a piedi (dalla Stazione Ferroviaria circa 20 minuti) 
Facebook: PremioGiornalisticoPaoloRizzi 

Patrocini: Regione Veneto, Comune di Venezia - Le Città in Festa, Il Gazzettino, Ordine dei Giornalisti del Veneto
Collaborazioni: Archimede Seguso, Art&fortE, AVA-Associazione Veneziana Albergatori, Bisol, Ca' Sagredo, Grafiche Nardin, Print Cat Stampa e Idee, Service Audio-Luci, Venissa

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …