Passa ai contenuti principali

Francesco Lo Savio

A cura di Silvia Lucchesi, Alberto Salvadori, Riccardo Venturi
Francesco Lo Savio
Mart Rovereto
05 NOVEMBRE 2017 / 18 MARZO 2018

Una mostra che riscopre l’opera di un artista tra i più interessanti nel panorama italiano e internazionale del secondo Novecento.

Comunicato stampa - A oltre quindici anni dall’ultima importante esposizione dedicatagli da un’istituzione, Francesco Lo Savio (1935 – 1963) torna al centro della proposta espositiva museale con una mostra monografica che, a partire da un accurato lavoro di ricerca, getta nuova luce sull’opera dell’artista. Materiali d’archivio, schizzi, progetti autografi e fotografie, molti dei quali esposti per la prima volta, costituiscono le premesse da cui muove questo inedito progetto. 

Tra i più significativi nomi del panorama artistico italiano e internazionale, Lo Savio realizza tutti i suoi lavori in un lasso di tempo molto breve, che termina con la sua morte a soli ventotto anni: una carriera bruciante, ricca di intuizioni che verranno accolte dagli artisti minimalisti e concettuali. 

Non solo i progetti, ma l’intero pensiero creativo dell’artista si fonda sul rapporto con l’architettura, vero e proprio dispositivo teorico che lo guida nel ripensamento del ruolo dell’arte nella società contemporanea. Architettonica, ancor prima che minimalista, è anche la cifra distintiva delle sue opere, la maggior parte delle quali non venne mai esposta quando Lo Savio era ancora in vita. 

Attraverso una selezione di cinquanta lavori, la mostra ripercorre l’intera vicenda creativa di Lo Savio lasciando emergere le istanze principali che connotano la sua ricerca: lo studio dello spazio e la resa della luce. Dai Filtri, stratificazioni materiche da cui affiora in superficie una vibrante trama di immagini, ai dipinti della serie Spazio-Luce, la traiettoria seguita dalla mostra approda ai Metalli e alle Articolazioni totali, strutture che dialogano manifestamente con lo spazio ambientale in cui si collocano. 

Concludono il percorso i progetti di architettura e urbanistica nei quali Lo Savio ridefinisce gli elementi della sua pratica scultorea, visiva e concettuale. Si tratta dei noti studi per la Maison au soleil, prototipo di unità abitativa ispirato agli edifici di Le Corbusier. 

Figura centrale della scena artistica romana degli anni Sessanta, Lo Savio ha esposto in ambito internazionale ed è presente con la sua opera in numerose istituzioni pubbliche e collezioni private. Tra queste il Museo d’arte della Svizzera italiana di Lugano, il Museo d’Arte contemporanea Donnaregina di Napoli, Fondazione Prada e Pinault Collection, da cui provengono alcuni importanti prestiti in mostra. 

L’esposizione sarà seguita dalla pubblicazione di una monografia con contributi di alcuni tra i più importanti specialisti di Lo Savio, un’edizione critica degli scritti dell’artista e una raccolta di documenti inediti.



MART
Corso Bettini 43
38068 Rovereto (TN)
Infoline 800 397760
ORARI
Mar-Dom 10-18
Venerdì 10-21
Lunedì chiuso

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…