Passa ai contenuti principali

Guerricchio e l'arte del riscatto dei lucani contadini reietti

Scrive Manlio Chieppa su EPolis di mercoledì 11 ottobre 2017 : «La Basilicata, nella seconda metà di un variegato Novecento, “artisticamente”, per quell'epoca vissuta con grandi fermenti, sociali e culturali, che ora si rinnovano - senza voler far torto a nessuno - si è identificata in Luigi Guerricchio (1932-1996). 

L'Artista narrante, che nel clima e da quel pugno d'intellettuali, poeti e scrittori fine anni '50 come Scotellaro, Levi, Sinisgalli e poi più tardi Parrella, Trufelli, Linzalone, Di Ciaula, lo stesso Raffaele Nigro, seppe interpretare il respiro, i miasmi e la rabbia di un popolo contadino reietto, che invocava quella dignità per lungo tempo repressa. Lo fece con le armi del disegnatore, pittore e incisore, incontrando gli sguardi e udendo i vocii provenienti giù dal Sasso, sotto i balconi della casa avita in “Via del Liceo”. 

E poi man mano vivere e annotare quell'atmosfera di riscatto, con la “resurrezione” di quell'umanità dolente, che si ritrovava in quel paesaggio aspro, di tufo, lastricato di pietre, fra occhiaie scure, tettoie in argilla cotta, nel serpente di stradine e teorie d'infiniti scalini. Sotto cieli d'azzurro, l'afa, il ronzio di calabroni. Stretti nella tradizione laboriosa di una storia millenaria. La pastorizia, la semina, il raccolto, le aie assolate, i braccianti, i canti, i mestieri, le credenze popolari e religiose, la festa, il carro coi cavalieri della Bruna..., gli interni con le seggiole impagliate e le terraglie con fiori in composizione.

Un insieme di visioni straordinariamente uniche, palpitanti, in una luce abbacinante e ombre severe, a tagliare i visi grinzosi dagli sguardi attoniti, le mani screpolate e gesticolanti, i profili dagli ovali perfetti delle donne “greche” coi fazzoletti annodati a stringere i capelli corvini, i vestiti e gli scialli neri...

I suoi tanti “momenti” esistenziali, già dalla prima infanzia, sono stati raccolti documentalmente dai responsabili del Polo Museale Regionale della Basilicata, in significative esposizioni: dapprima a Matera nel Palazzo Lanfranchi, ed ora a cura di Roberto Linzalone e Michele Saponaro a Melfi, in Palazzo Donadoni (sec.XVII) e nel Castello medievale.

Avvalendosi di alcuni prestiti, oltre che familiari, della “Collezione” di Raffaele Nigro (che ci è gradito contenderlo alla “sua” città natìa; che pare, dopo diversi progetti, trovi a sistemarla nella Casa della Cultura, ubicata nell'ex Carcere).

In sei sezioni tematiche: gli anni di formazione, le mostre, l'interesse per l'archeologia, il rapporto con poeti e letterati, le interviste. Oltre le fotografie (nelle scuderie) di Giuseppe Maino, autore di un taccuino di vita sul Maestro nel suo studio, prima e post mortem. (sino al 20 novembre, infotel. 0972.251213). »

Manlio Chieppa su EPolis di mercoledì 11 ottobre 2017

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …